Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Carrie

Di

Editore: Sonzogno

3.9
(4879)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 174 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Tedesco , Spagnolo , Francese , Chi semplificata , Svedese , Portoghese , Olandese , Giapponese , Catalano , Finlandese , Russo , Polacco , Ungherese , Chi tradizionale , Ceco , Norvegese

Isbn-10: A000045925 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Brunella Gasperini

Disponibile anche come: Tascabile economico , Copertina rigida

Genere: Fiction & Literature , Horror , Science Fiction & Fantasy

Ti piace Carrie?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 5

    Riletto tante volte senza mai annoiarmi...

    Un libro riletto mille volte

    Anche quest'anno ho riletto Carrie...ormai lo conosco benissimo. Non posso non dirvi di non leggerlo,perchè questo è uno dei miei preferiti di King.Leggetelo e non vi ...continua

    Un libro riletto mille volte

    Anche quest'anno ho riletto Carrie...ormai lo conosco benissimo. Non posso non dirvi di non leggerlo,perchè questo è uno dei miei preferiti di King.Leggetelo e non vi pentirete!

    ha scritto il 

  • 4

    Amo molto il modo di scrivere di Stephen King, il suo modo di definire così bene i personaggi facendoci percepire la loro essenza. Storia molto scorrevole e molto attuale nei contenuti. Si parla di ...continua

    Amo molto il modo di scrivere di Stephen King, il suo modo di definire così bene i personaggi facendoci percepire la loro essenza. Storia molto scorrevole e molto attuale nei contenuti. Si parla di bullismo, di fanatismo, del rapporto tra la scuola e gli alunni e di come tutto ciò impatta sulla società.

    ha scritto il 

  • 2

    Volveré a leer a Stephen King en el futuro, aunque dudo que vuelva a acercarme a Carrie o que lo recomiende. Me gustó mucho la primera parte en la que te pone en situación con unos personajes que ...continua

    Volveré a leer a Stephen King en el futuro, aunque dudo que vuelva a acercarme a Carrie o que lo recomiende. Me gustó mucho la primera parte en la que te pone en situación con unos personajes que asustan porque podrían ser reales, el fanatismo de su madre, la repulsión de sus compañeros o las ganas de Carrie por ser aceptada me parecen muy bien relatadas y desarrolladas. Sin embargo, a partir de la segunda parte, supongo que el autor quería dar la sesación de caos pero me produjo más bien la desconexión con la historia. Tampoco me convenció del todo la intercalacción de informes y de fragmentos de libros, pero no me influyó tanto como pensé. Así, puesto que la parte del baile que es cuando sucede todo y se desatan los poderes de Carrie y que debería ser la parte más interesante para mi ha sido la más pesada, le daré al autor una segunda oportunidad pero no le doy el aprobado a Carrie.

    ha scritto il 

  • 3

    Carrie è un'adolescente presa di mira dai compagni, ma ha un dono. Può muovere gli oggetti con il potere della mente. Le porte si chiudono. Le candele si spengono. Un potere che è anche una ...continua

    Carrie è un'adolescente presa di mira dai compagni, ma ha un dono. Può muovere gli oggetti con il potere della mente. Le porte si chiudono. Le candele si spengono. Un potere che è anche una condanna. E quando, inaspettato, arriva un atto di gentilezza da una delle sue compagne di classe, un'occasione di normalità in una vita molto diversa da quella dei suoi coetanei, Carrie spera finalmente in un cambiamento. Ma ecco che il sogno si trasforma in un incubo, quello che sembrava un dono diventa un'arma di sangue e distruzione che nessuno potrà mai dimenticare. Dal romanzo è tratto il film "Lo sguardo di Satana".

    ha scritto il 

  • 5

    4,5

    La narrazione, con punto di vista preso da diversi personaggi, si alterna ad articoli di giornale e libri, e già dall'inizio vengono forniti diversi indizi su quello che succede e sulle abilità ...continua

    La narrazione, con punto di vista preso da diversi personaggi, si alterna ad articoli di giornale e libri, e già dall'inizio vengono forniti diversi indizi su quello che succede e sulle abilità particolari di Carrie. Io sapevo già tutta la storia perché ho visto il film (molto bello a mio avviso, se vi capita... quantomeno quello vecchio, il remake non so), quindi forse la suspanse è stata un po' rovinata da questo e ho trovato l'inizio lento, mentre invece magari una persona che conosce la storia di Carrie per la prima volta si trova incuriosita dalla pulce nell'orecchio che viene piazzata fin dall'inizio e si sente incalzata a leggere e leggere fino a scoprire cosa sia successo di preciso. Poco dopo la metà, ad ogni modo, la narrazione si è velocizzata e si è fatta incalzante di suo, anche gli aneddoti presi da ipotetici libri scarseggiano e comunque sono più brevi, per permettere il lettore di avviarsi senza troppe distrazioni all'epilogo. Forse forse, considerando la prima metà potrei pensare di dare 4, come voto... ma data la seconda metà, propenderei per un 5 su 5. Quindi alla fine, il mio VOTO personale è 4,5/5!

    ha scritto il 

  • 4

    King non delude mai. Storia avvincente, scritta particolarmente bene e il personaggio di Carrie e' davvero molto interessante. Lo definirei abbastanza particolare, assolutamente consigliato!

    ha scritto il 

  • 4

    La historia se centra en una chica llamada Carrie, quien es desaliñada, poco agraciada e introvertida. Rasgos que la hacen un objetivo para ser víctima de burla que la empujan a situaciones que le ...continua

    La historia se centra en una chica llamada Carrie, quien es desaliñada, poco agraciada e introvertida. Rasgos que la hacen un objetivo para ser víctima de burla que la empujan a situaciones que le hacen sentir frustración. De esta manera, ella descubrirá que tiene ciertos poderes extraños.

    Algunos podrán conocer la historia por su adaptación cinematográfica o por su nombre o fotos, pero parece ser que la mayoría de las personas conocen este clásico del terror por la fama que ha estado generando a lo largo de los años.

    Stephen King es conocido por su pluma, la forma en que genera tensión a través de sus líneas y las múltiples historias que nos ha presentado, de los cuales una buena cantidad de ellos han conseguido tener fama propia. Carrie es uno de ellos.

    Por la temática que abarca este título, podríamos decir que es una lectura obligada para los adolescentes, no solamente por el hecho de ser "un clásico" dentro del género, sino por los temas que abarca y las reflexiones que conllevan las diversas situaciones que tienen lugar. Un ejemplo que podemos mencionar es el bullying - aunque en la época no existía el término como tal y su estudio es más actual (detalle que hace de la novela todavía más curiosa)- , el cual se trata como una problemática que toca las sensaciones de la víctima invitándonos a ponernos en sus pies antes de actuar o de decir algo erróneo. A su vez, se tocan temas en menor frecuencia como son la religión, la madurez, los proyectos de vida, la moral social, entre otros que hacen de la trama mucho más rica.

    En lo que se refiere a los personajes, podemos decir que Carrie es una chica que te hará muy difícil distinguir la línea que hay entre sentir compasión o exasperación, pero eso no le reduce los comprensibles que llegan a ser sus pensamientos o acciones. En su contraparte podemos encontrar a la Señora White y a Chris. Cada una por su lado le hará la vida de cuadritos a nuestra adolescente muy a su manera.

    Como mencioné en un principio, Stephen King es conocido por su manera de escribir, y hemos de decir, que dicha fama no se la ha ganado de a gratis. Lo que destaca del libro, son las diferentes formas de narrativa que nos presenta y no se conforma con la visión de un solo personaje, si no que integra varios puntos de vista narrados en primera persona así como narraciones en forma de entrevista o informe, lo que hace de la historia más disfrutable y diferente.

    Podríamos decir que el único error que encontramos dentro del título es la manera lenta que avanza la historia provocando que la lectura se vuelva tediosa y difícil de seguir en algunos pasajes, pero que podemos perdonar por el estilo de narrativa que mencionamos antes.

    Refiriéndonos a lo anterior, nos inclinamos a concluir que Carrie es una lectura recomendable que aunque no lo parezca, nos invita a pensar y dejarnos enseñanza dentro de una historia llena de caos.

    Artículo original: http://senoritaespecial.blogspot.mx/search/label/Review-Literatura © Señorita Especial

    ha scritto il 

  • 4

    Pubblicato nel 1976 fu il debutto di Stephen King, all'epoca un ragazzo di trent'anni che per vivere lavorava in una lavanderia. Nonostante il minimo numero di pagine, Carrie fu il libro per cui King ...continua

    Pubblicato nel 1976 fu il debutto di Stephen King, all'epoca un ragazzo di trent'anni che per vivere lavorava in una lavanderia. Nonostante il minimo numero di pagine, Carrie fu il libro per cui King si fece conoscere.

    Il genere, come in molti libri dello scrittore, non è ben preciso. Infatti spazia dal drammatico, all'horror, al thriller psicologico, toccando ad un certo punto anche lo splatter. Benchè il tema principe del romanzo sia l'adolescenza.

    L'intreccio ha una struttura molto inusuale. King infatti presenta la storia attraverso due fili narrativi: uno racconta le vicende in modo cronologico e ordinato (talvolta con alcuni flashback), l'altro invece parte dalla fine, suggerendoci fin da subito il finale. Il punto in cui questi due fili narrativi si incontrano è il momento cruciale. Si è di fatti in continua suspense.

    Nel romanzo il sangue funge da co-protagonista e svolge un valore simbolico. Infatti nella prima scena la presenza del sangue (qui rappresentato come il primo flusso mestruale di Carrie) si ricollega alla scena del ballo (dove la ragazza viene interamente ricoperta da sangue di maiale). Ma soprattutto nella scena finale in cui Sue, convinta di essere in cinta, si accorge di avere ancora il ciclo. In questo caso il sangue (più precisamente quello mestruale) invece di rappresentare la riproduzione, quindi la vita, rappresenta la morte del feto.

    Bello, intenso e imperdibile.

    ha scritto il 

Ordina per