Carrie

Di

Editore: Bompiani (I grandi tascabili, 28)

3.9
(5342)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 174 | Formato: Tascabile economico | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Tedesco , Spagnolo , Francese , Chi semplificata , Svedese , Portoghese , Olandese , Giapponese , Catalano , Finlandese , Russo , Polacco , Ungherese , Chi tradizionale , Ceco , Norvegese

Isbn-10: 8845210006 | Isbn-13: 9788845210006 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Brunella Gasperini

Disponibile anche come: Paperback , Copertina rigida

Genere: Narrativa & Letteratura , Horror , Fantascienza & Fantasy

Ti piace Carrie?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Edizione Bompiani (I Grandi Tascabili, 28) uscita inizialmente senza codice ISBN (1984) poi aggiunto nella successiva ristampa.
Utilizzare questa scheda per entrambe le ristampe, selezionando la copertina corrispondente alla copia posseduta del libro.
Ordina per
  • 3

    Il principio del mito

    Buon titolo, che contiene i capisaldi della narrativa di King. Il libro si lascia leggere e l'analisi dei personaggi (soprattutto di Carrie) è abbastanza profonda. Si intravedono i motivi del futuro s ...continua

    Buon titolo, che contiene i capisaldi della narrativa di King. Il libro si lascia leggere e l'analisi dei personaggi (soprattutto di Carrie) è abbastanza profonda. Si intravedono i motivi del futuro successo dell'autore, anche se in alcuni punti del romanzo si scorge uno Stephen ancora acerbo.
    In conclusione titolo consigliato ma se pensate di trovare la suspence e la profondità del King più maturo, virate su altri titoli

    ha scritto il 

  • 4

    Un "A sangue freddo - T. Capote" più interessante

    Dovendo pensare ad una recensione per questo libro, non riesco a farmi venire in mente altro. La struttura è simile, con un'alternanza di fatti romanzati, estratti giudiziari e testimonianze reali pre ...continua

    Dovendo pensare ad una recensione per questo libro, non riesco a farmi venire in mente altro. La struttura è simile, con un'alternanza di fatti romanzati, estratti giudiziari e testimonianze reali prese da altre fonti, a A sangue freddo di Truman Capote (che avevo letto un anno prima).
    Ad ogni modo, resta toccante e compassionevole la vita di questa ragazzina vittima degli innumerevoli atti di bullismo (da parte degli scolari) e di ingiuria (da parte della madre).
    La prima parte mi ha coinvolto moltissimo (forse perché era più romanzata); verso la fine invece si è cominciato a dissolvere un po'.
    Ottimo lavoro: 4 stelle

    ha scritto il 

  • 4

    Un libro appassionante e coinvolgente dallo stile narrativo particolare, la storia viene raccontata attraverso parti di interviste, interrogatori, documenti, etc, mostrando vari punti di vista.
    Ca ...continua

    Un libro appassionante e coinvolgente dallo stile narrativo particolare, la storia viene raccontata attraverso parti di interviste, interrogatori, documenti, etc, mostrando vari punti di vista.
    Carrie, una ragazza timida, impacciata, inadeguata, oppressa da una madre pazza con deliri religiosi e vittima di scherzi crudeli da parte dei suoi compagni di scuola, scopre di possedere poteri di telecinesi e li userà per punire i suoi aguzzini dopo il loro ultimo crudele scherzo ...
    Un racconto avvincente e intrigante.

    ha scritto il 

  • 3

    Da leggere senza luce accesa! :)

    3 stelle e mezzo
    Peccato che King abbia scelto di utilizzare una narrazione così particolare. La storia di Carrie ci viene raccontata grazie ad una serie di frammenti, di ricostruzioni, interventi, di ...continua

    3 stelle e mezzo
    Peccato che King abbia scelto di utilizzare una narrazione così particolare. La storia di Carrie ci viene raccontata grazie ad una serie di frammenti, di ricostruzioni, interventi, dichiarazioni, deposizioni, libri sull’argomento, di tutti i sopravvissuti alla fatidica Notte del Ballo Studentesco.
    Personalmente, questi documenti non mi hanno aiutato. Mi aspettavo un libro più scorrevole, avrei preferito leggere solo la versione di Carrie, quella originale, senza mediazioni, perché è quella che mi sta più a cuore. Questa però è solo una mia personale critica, perché indubbiamente questo libro è molto più di ciò che sembra.
    La storia di Carrie è BELLISSIMA e tragica allo stesso tempo. È una tragedia annunciata che si poteva benissimo evitare. L’elemento paranormale, in questo caso la telecinesi, è comunque non determinante se non nel tragico finale. Perché la storia si basa su elementi tutt’altro che horror.
    Questo libro parla di bullismo.
    Carrie, figlia di una madre pazza, che blatera di Dio, Demonio e Peccato, che non l’ama minimamente e che, anzi, in più di un’occasione si è dimostrata spietata e violenta, è la ragazzina che tutti nella scuola prendono di mira. Ormai stanca delle continue, umilianti situazioni in cui viene sempre sbeffeggiata e punzecchiata fino alle lacrime, Carrie comincia a covare dentro di sé rancore e odio. Il libro si apre quando la maggior parte degli episodi di bullismo sono avvenuti, King ci mostra solo le gocce che fanno traboccare il vaso.
    La reazione di Carrie, sarà esplosiva e devastante, la sua vendetta sarà totale, ma arrivati alla fine anche il lettore stesso si ritroverà a chiedere giustizia per la fragile Carrie, che in fondo, non ha nessuna colpa che possa giustificare il comportamento martellante dei sui compagni.
    L’autore ci mostra come alcuni colpevoli cerchino, con gesti un po’ goffi, di rimediare al male commesso, ma, ormai è tutto troppo tardi e il destino non gioca affatto a favore del perdono.
    Questo libro lascia una scia di rimpianto, ansia, pena e rassegnazione. La storia è cruda, quasi violenta, eppure ci si percepisce quasi la pena dello stesso autore, tanto che mi sono chiesta se effettivamente King si sia ispirato a qualcuno di sua conoscenza.
    Un libro forte, che si è fatto divorare in poco tempo, che fa riflettere e dove il finale è amaro da mandare giù. Perché qui gli innocenti pagano tanto quanto i peccatori!
    Lettura consigliata.

    ha scritto il 

  • 4

    Davvero molto, molto bello... devo ammettere che avevo visto il film, ma comunque il libro mi ha colpito lo stesso. La scrittura è molto particolare, ma fa apprezzare ancora di più il romanzo. Il fina ...continua

    Davvero molto, molto bello... devo ammettere che avevo visto il film, ma comunque il libro mi ha colpito lo stesso. La scrittura è molto particolare, ma fa apprezzare ancora di più il romanzo. Il finale mi ha lasciato con il fiato sospeso (nonostante conoscessi già la fine).

    ha scritto il 

  • 4

    Meraviglioso.
    Il romanzo ha un ritmo impressionante e mi ha lasciato a bocca aperta. Si evince dalla trama e si capisce non appena si inizia a leggere il libro che si sta andando lentamente verso un e ...continua

    Meraviglioso.
    Il romanzo ha un ritmo impressionante e mi ha lasciato a bocca aperta. Si evince dalla trama e si capisce non appena si inizia a leggere il libro che si sta andando lentamente verso un evento disastroso e shockante ma nonostante questo, King, in un crescendo armonioso di eventi, ci accompagna curiosi e terrorizzati verso l'epilogo, spostando spesso la telecamera sulle testimonianze del disastro stesso e del racconto in tempo reale della storia. E mentre leggi ti ritrovi a cercare di fermare la famigerata biglia che corre sul piano inclinato urlando "NO NO NO fermati adesso" quasi potessi cambiare il corso degli eventi.
    Maestoso King.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    5

    CARRIE – Stephen King

    Il sangue mi scivola alle caviglie,
    e le mie impronte si fanno vermiglie,
    i miei compagni diventano iene,
    mi gridano contro parole oscene.

    Se solo sapessero chi sono io,
    la figlia di Satana, non quell ...continua

    Il sangue mi scivola alle caviglie,
    e le mie impronte si fanno vermiglie,
    i miei compagni diventano iene,
    mi gridano contro parole oscene.

    Se solo sapessero chi sono io,
    la figlia di Satana, non quella di Dio,
    forse sarebbero meno cattivi,
    un po’ più umani e non primitivi.

    Nemmeno mia madre mi ha mai amato,
    io sono il frutto di un infame peccato,
    sono uno scherzo della natura,
    i miei poteri le fanno paura.

    E da quassù, col mio sguardo assassino,
    appicco il fuoco senza accendino,
    li blocco dentro chiudendo le porte,
    mi han dato l’inferno, gli rendo la morte.

    ha scritto il 

  • 3

    La vendetta dell'innocenza

    Carrie è l'archetipo di tanti protagonisti dei romanzi di King, ovvero il personaggio deriso, incompreso, vittima dei soprusi del prossimo e delle prepotenze della società perbenista della periferia a ...continua

    Carrie è l'archetipo di tanti protagonisti dei romanzi di King, ovvero il personaggio deriso, incompreso, vittima dei soprusi del prossimo e delle prepotenze della società perbenista della periferia americana.
    Un protagonista che però trova il riscatto in situazioni rovesciate dove, per un motivo o per l'altro, la condizione di inferiorità nei confronti dei propri antagonisti sociali viene a trasformarsi nell'opposto.
    Quando questo accade, allora l'occasione della vendetta e della rivalsa diventa così imperdibile che spesso e volentieri sfocia nella tragedia più cupa e feroce.
    E' ciò che accade anche per Carrie White, ragazza adolescente che non ha pace né in casa, dove una madre bigotta e ignorante le nega qualunque piacere o libertà, né a scuola dove un bullismo imperante, anche in relazione alle stranezze della madre, la relega nella solitudine.
    Nell'unica opportunità in cui Carrie ha la possibilità di vivere la normalità della sua adolescenza, grazie ad invito inaspettato al ballo scolastico, il suo sogno di essere come gli altri viene infranto dalla cattiveria gratuita di cui solo l'ignoranza e la stupidità possono essere capaci.
    Ma Carrie in questo frangente non è più una vittima sacrificale che non reagisce.
    Lo fa per tutte quelle volte che ha dovuto ingoiare il boccone amaro ed ha dovuto subire in silenzio, ed allora crolla una volta per tutte la sua innocenza.
    Ho letto in poco tempo questo titolo che credo sia il romanzo d'esordio di quella straordinaria carriera letteraria che appartiene a Stephen King.
    Ma indubbiamente si nota che King in seguito risulta molto più efficace che in questo debutto, pur apprezzabile.

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per