Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Carta de una desconocida

By

Publisher: Acantilado

4.1
(1549)

Language:Español | Number of Pages: 66 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) Chi traditional , German , Basque , Catalan , Italian , French

Isbn-10: 8495359472 | Isbn-13: 9788495359476 | Publish date: 

Translator: Berta Conill

Category: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Romance

Do you like Carta de una desconocida ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
"Sólo quiero hablar contigo, decírtelo todo por primera vez. Tendrías que conocer toda mi vida, que siempre fue la tuya aunque nunca lo supiste. Pero sólo tú conocerás mi secreto, cuando esté muerta y ya no tengas que darme una respuesta; cuando esto que ahora me sacude con escalofríos sea de verdad el final. En el caso de que siguiera viviendo, rompería esta carta y continuaría en silencio, igual que siempre. Si sostienes esta carta en tus manos, sabrás que una muerta te está explicando aquí su vida, una vida que fue siempre la tuya desde la primera hasta la última hora".
Sorting by
  • 5

    Forse è vero che la protagonista se reale sarebbe una perfetta imbecille, però lo stesso la storia narrata da Zweig è di una bellezza disarmante; oltretutto credo che la vicenda abbia significati più ...continue

    Forse è vero che la protagonista se reale sarebbe una perfetta imbecille, però lo stesso la storia narrata da Zweig è di una bellezza disarmante; oltretutto credo che la vicenda abbia significati più profondi, tendenti, forse, a offrire una metafora dell'amore se non della vita in genere, quindi dare dei giudizi troppo affrettati e superficiali, come al solito d'altronde quando si parla di opere di grandi artisti come Stefan Zweig, può essere, anzi, lo è sicuramente, fuorviante, oltre che segno di una immane stoltezza. Ad ogni modo, ed evitando di farla troppo lunga, si tratta di un racconto tragico e poetico che merita di essere letto.

    said on 

  • 4

    “E adesso fremevo dalla voglia di sapere quale aspetto avesse mai la persona che possedeva e aveva letto tutti quegli splendidi libri, che conosceva tutte quelle lingue, che era al tempo stesso così r ...continue

    “E adesso fremevo dalla voglia di sapere quale aspetto avesse mai la persona che possedeva e aveva letto tutti quegli splendidi libri, che conosceva tutte quelle lingue, che era al tempo stesso così ricca e così colta.”
    In un racconto di appena ottantatre pagine, dal titolo “Lettera di una sconosciuta”, Stefan Zweig riesce a narrare la storia di un amore struggente che si è consumato per circa 15 quindici anni. A esserne protagonista è una donna della quale non è fatto mai il nome e che, poco prima della sua morte, racconta tutto in una lettera, che spedisce poi all’oggetto del suo amore: uno scrittore viennese famoso. In queste poche pagine la lettrice riesce a immedesimarsi perfettamente nella giovane donna, almeno quella che ha sperimentato un amore non corrisposto, più o meno forte di quello della protagonista. Zweig riesce perfettamente a raccontare questa storia d’amore, descrivendo minuziosamente l’angoscia, l’ansia, la passione che una qualsiasi persona, donna o uomo, ha provato, prova adesso, o proverà. E in qualche modo lasciando la sua protagonista senza nome, lo scrittore sta concedendo il permesso, a chiunque stia leggendo la sua storia, in qualsiasi posto si trovi — magari anche a Vienna — , e in qualsiasi momento lo stia facendo, di diventarne l’attore principale. Parlo di lettrice perché credo che un uomo leggerebbe il libro in maniera del tutto diversa da come ho fatto io da donna. Non per questo la lettura risulterebbe meno piacevole. In ogni caso, che tu sia donna o uomo, vai al parco, in spiaggia, in libreria o semplicemente a casa tua, con un amico o senza, in compagnia di un caffè o tè, e ritaglia un piccolo spazio durante la tua giornata per leggere di questa donna che, chissà, potresti essere anche tu.

    said on 

  • 5

    "A TE, CHE MAI MI HAI CONOSCIUTA"

    Amore . Amore . Amore. Non mi hai riconosciuto eppure ti ho amato con la purezza di una bambina, la passione di una donna e la devozione di una schiava. Amato, amo e amerò. E nell'amore, assoluto tota ...continue

    Amore . Amore . Amore. Non mi hai riconosciuto eppure ti ho amato con la purezza di una bambina, la passione di una donna e la devozione di una schiava. Amato, amo e amerò. E nell'amore, assoluto totalizzante ed eterno, si declina un'intera esistenza. Quella di chi ha vissuto in te. Poesia. Evanescente. Delicata. Struggente. Da leggere tutto d'un fiato, come le notti bianche.

    said on 

  • 1

    se non fosse stato per la brevità del libro non sarei arrivata alla fine... sarà che questa signora mi sembra proprio scema...

    said on 

  • 5

    “Lettera di una sconosciuta” è un romanzo breve ma intenso, appassionato e struggente, e allo stesso tempo terribile..
    Si legge tutto d’un fiato, ma porta a riflettere a lungo, sui sentimenti, sull’Am ...continue

    “Lettera di una sconosciuta” è un romanzo breve ma intenso, appassionato e struggente, e allo stesso tempo terribile..
    Si legge tutto d’un fiato, ma porta a riflettere a lungo, sui sentimenti, sull’Amore, sui nostri sogni, sulla dipendenza affettiva, sulle ossessioni amorose, sulla solitudine.
    Un famoso romanziere riceve una lettera da una sconosciuta, una lettera che racconta di una vita, di un amore assoluto, di una passione, di un figlio.. "A te solo voglio parlare, per la prima volta ti dirò tutto: dovrai conoscere tutta la mia vita, che è sempre stata la tua e di cui tu non hai mai saputo nulla. Ma conoscerai il mio segreto solo quando io sarò morta e tu non dovrai più darmi risposte."
    Ma era veramente una sconosciuta?
    Ai suoi occhi SI!
    Lui, che per lei era tutto:
    era il suo cielo e il suo sole,
    era il suo respiro..
    Fin da bambina nutriva per lui un amore puro e assoluto, disperato e struggente.
    Mentre per lui, lei era invisibile! Anche se fra loro c’erano stati rapporti intimi, per lui, lei non esisteva! Lei che aveva sacrificato la propria vita in nome di questo Amore, Lei che viveva nell’attesa che le loro vite si incrociassero, e l’unica cosa che chiedeva con tutta l’anima era di essere “riconosciuta”, e tutte le volte la stessa delusione.. E’ terribile vedere l’indifferenza di colui che amiamo.. “…mai, mai, mai mi hai riconosciuta!” E nonostante tutto Lei ha continuato ad amarlo fino all’ultimo respiro..
    “L'uomo posò la lettera con mani tremanti. Poi riflettè a lungo…percepì una morte e un amore immortale…”
    Ho finito di leggerlo da qualche giorno ma ho sentito il bisogno di tenerlo ancora un po' con me, di riflettere.. sono tante le domande che ora mi pongo, ma preferisco non darmi risposte e lasciarmi avvolgere dalle sensazioni ed emozioni che mi hanno dato le parole di Zweig, anche se mi hanno lasciato una gran tristezza nel cuore.

    scritta il 4 Mar 2010

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    1

    Stalking

    Nonostante l'argomento di "Lettera di una sconosciuta", questo è uno di quei libri che avrei forse apprezzato se lo avessi letto a quindici anni.
    Forse, perché sono sempre stata scettica riguardo alle ...continue

    Nonostante l'argomento di "Lettera di una sconosciuta", questo è uno di quei libri che avrei forse apprezzato se lo avessi letto a quindici anni.
    Forse, perché sono sempre stata scettica riguardo alle trame melense, tragiche, strappacuore, fini a se stesse. Non che non abbia letto e pianto per moltissimi libri, ma erano letture che non volevano estorcere la commozione a tutti i costi e avevano uno spessore che qui non compare minimamente.
    Lo scetticismo, con gli anni e con le esperienze vissute, si è trasformato in cinismo non cattivo e il racconto di Zweig, per certi versi, mi ha suscitato un risolino interiore e un "ma dai, scema!" rivolto alla protagonista grafomane.
    Veniamo al dunque.
    Il famoso romanziere R., nel giorno del suo quarantunesimo compleanno, riceve una voluminosa lettera, priva di firma e di mittente.
    E' la ragazzina tredicenne che abitava sul suo stesso pianerottolo, sedici anni prima, divenuta donna e madre, che gli scrive una lunga confessione:
    Ti ho amato follemente, totalmente, dal primo momento in cui ti ho visto. Tu non ti sei mai accorto di me, nemmeno quando sono cresciuta, quando ho fatto sì che ci incontrassimo, mai rivelandoti il mio nome, né il fatto che vivessi, un tempo, nella tua casa; ora sono qui, con un figlio adorato morto pochi istanti fa e la mia vita non ha più senso. E' giunto il momento di raccontarti cosa sono stati questi sedici anni, trascorsi nell'adorazione di un uomo che nemmeno sapeva che io esistessi.
    Ora, d'accordo che gli uomini di qualunque epoca sono un po' distratti; va bene che i cambiamenti di un'adolescente possono essere straordinari, ma avere tre notti d'amore (per lei; di sesso, per lui) quando la ragazza è diciottenne e, casualmente, un'altra notte quando la ragazza è ventottenne, senza mai rendersi conto che la tizia è la stessa e che continua a volere mantenere l'anonimato, è un po' tanta distrazione.
    E, ovviamente, il figlioletto morto è il frutto delle tre notti della diciottenne. Confessione inutile, quasi una rivalsa, perché la donna della lettera annuncia l'intenzione di porre fine alla propria vita immediatamente dopo avere spedito la missiva.
    E come ha potuto crescere un figlio del peccato una donna degli anni '20 del Novecento? Ma facendo la prostituta d'alto bordo, naturalmente!
    Credo che nemmeno "Beautiful" sarebbe in grado di concepire una trama di questo genere; lì, almeno, si conoscono tutti fin troppo bene!
    Caro Zweig, vai a fare compagnia ad altri che ho letto e che mi sono risultati indigesti, anche dando loro seconde, terze e quarte possibilità di riabilitazione. Per me sei un "No, grazie, ho già dato". Ciao, neh!

    said on 

  • 4

    Gran racconto, congegnato benissimo: Zweig è bravo, da leggere ancora. Unico neo, a volerlo cercare, a tratti la voce dell'autore prova a soverchiare quella della protagonista, ma per pochissimo. E si ...continue

    Gran racconto, congegnato benissimo: Zweig è bravo, da leggere ancora. Unico neo, a volerlo cercare, a tratti la voce dell'autore prova a soverchiare quella della protagonista, ma per pochissimo. E si fa ben perdonare.

    said on 

  • 5

    Magistral texto de Zweig!. Cómo el autor se las ingenia para contarnos en apenas 65 páginas una historia tan intensa y compleja, cómo consigue que a través de las páginas de una carta transcurra una v ...continue

    Magistral texto de Zweig!. Cómo el autor se las ingenia para contarnos en apenas 65 páginas una historia tan intensa y compleja, cómo consigue que a través de las páginas de una carta transcurra una vida entera (y ¡qué vida!). Es una obra maestra de concisión, precisión, emoción.

    said on 

Sorting by