Cartoline di morte

Di ,

Editore: Longanesi

3.5
(425)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 290 | Formato: Altri | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Finlandese , Norvegese , Svedese , Chi tradizionale , Olandese

Isbn-10: 8830427748 | Isbn-13: 9788830427747 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Copertina rigida , Paperback , eBook

Genere: Criminalità , Narrativa & Letteratura , Mistero & Gialli

Ti piace Cartoline di morte?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Sono giovani, belli, felici. Sono giovani coppie in viaggio di nozze, in giro per le più importanti capitali europee. Hanno tutta la vita davanti. Ma sono morti che camminano. Perché qualcuno li uccide e ricompone i cadaveri in pose enigmatiche, li fotografa con una Polaroid e poi invia la foto a un giornalista del quotidiano locale. Ma quel giornalista sa che cosa lo aspetta, perché pochi giorni prima ha ricevuto una cartolina dai killer, una cartolina di morte. Roma, Francoforte, Copenhagen, Parigi... e Stoccolma. Jacob Kanon, detective del NYPD, è l'unico sulle tracce dei killer, ma è sempre un passo indietro. Eppure non si arrende, non può cedere, perché ha un motivo del tutto personale per fermare la strage. Ora, finalmente, è a pochi passi dalla soluzione. Stoccolma potrebbe essere l'ultima tappa della catena di omicidi. Tutto dipende da una giornalista svedese, la giovane e agguerrita Dessie. Lei ha ricevuto l'ultima cartolina di morte e solo lei può aiutare Kanon, prima che i killer mettano in atto una contromossa imprevista. 0 forse l'hanno già fatto?
Ordina per
  • 2

    A me è piaciuto. Non è niente di speciale ma secondo me la scrittura a 4 mani ha funzionato proprio perchè si notano le differenze tra Patterson e Marklund e si notano anche nei personaggi.
    E' stato s ...continua

    A me è piaciuto. Non è niente di speciale ma secondo me la scrittura a 4 mani ha funzionato proprio perchè si notano le differenze tra Patterson e Marklund e si notano anche nei personaggi.
    E' stato sicuramente un divertissement degli autori, non credo abbiano avuto la pretesa di farne un capolavoro, ma si legge piacevolmente, scorre bene e l'intreccio funziona. E' interessante anche la contrapposizione di Svezia e USA, il diverso modo di approcciare alle indagini, e il peso dell'opinione della stampa che sicuramente condiziona in tutti i Paesi del mondo, ma gli svedesi hanno nei confronti della stampa un forte condizionamento, in tutti i gialli svedesi che ho letto il ruolo della stampa è notevole.

    ha scritto il 

  • 3

    Thriller fulmineo

    Premetto di non aver mai letto nessun libro del famoso James Patterson e né di Liza Marklund, quindi non conosco minimamente il loro stile e l'unico motivo per cui ho deciso di leggere questo è che so ...continua

    Premetto di non aver mai letto nessun libro del famoso James Patterson e né di Liza Marklund, quindi non conosco minimamente il loro stile e l'unico motivo per cui ho deciso di leggere questo è che sono stata attirata per via della trama particolare che mi sembrava molto originale e intrigante. Certo è che la stesura di un libro in due non è cosa facile e il risultato in questo caso è reso evidente dai tantissimi capitoli che lo compongono, sono ben 112, e ogni capitolo è lungo un paio di facciate o tre al massimo, quindi molto brevi! Questo comporta fattori sia positivi che negativi: da una parte il libro è velocissimo da leggere, il ritmo narrativo è fulmineo e quindi non vi potrete annoiare, il rovescio della medaglia però è che risente di uno stile molto scarno e didascalico... stilisticamente parlando non è proprio il massimo! Voglio comunque dare atto che la storia è avvincente e vi sono tanti colpi di scena che nei momenti in cui si pensava di aver capito tutto ribaltano la situazione e quindi da questo punto di vista il thriller risulta ben congegnato, ma non privo comunque di soluzioni poco credibili. Avrei dato anche una stellina in più se non fosse stato per l'evitabilissima e frettolosa storia d'amore tra i due protagonisti che più banale di così non poteva essere (e ribadisco: evitabilissima! Non se ne sentiva davvero il bisogno) e per il finale che anch'esso veloce e frettoloso è inoltre stato eccessivamente rocambolesco e degno di un action-movie, ma non di ciò che io considero un buon thriller.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    4

    Lo stile è davvero diverso dai soliti libri che leggo sul genere.
    I capitoli sono brevi, veloci, rapidi come il guizzo di una lama, la lama che, nel corso del libro, recide le gole di decine di vittim ...continua

    Lo stile è davvero diverso dai soliti libri che leggo sul genere.
    I capitoli sono brevi, veloci, rapidi come il guizzo di una lama, la lama che, nel corso del libro, recide le gole di decine di vittime.
    Jacob e Dessie, rispettivamente un poliziotto della NYPD e una giornalista svedese, danno la caccia agli assassini e, nel contempo, a un po' di pace nella loro vita tormentata.
    I due killer si rilevano essere davvero degli psicopatici dalle menti deviate e, quando finalmente se ne delineano i contorni, si comprende quanto a fondo si sia spinta la loro perversione e la loro follia.
    Il finale è concitato, veloce e quasi traumatico, nella sua spietata lucidità. Forse, a qualcuno non piacerà questa velocità di esecuzione ma, nel caso specifico, non guasta affatto.
    L'epilogo non è poi così scontato e, come per il resto del libro, si svolge in un breve scorrere di battiti di ciglia.
    Ho apprezzato questo schema insolito di proporre una storia, come ho apprezzato questo lavoro a quattro mani.
    Sarà un piacere leggere altre opere di Patterson.

    ha scritto il 

  • 4

    Arte psicopatica

    L'arte è una delle massime espressioni del talento e della mente umana; a volte, però, può diventare patologica e innescare allucinanti processi cerebrali tali da indurre a crimini di inusitata crudel ...continua

    L'arte è una delle massime espressioni del talento e della mente umana; a volte, però, può diventare patologica e innescare allucinanti processi cerebrali tali da indurre a crimini di inusitata crudeltà. Romanzo genere thriller-noir a sfondo psicologico, di lettura affascinante con finale quasi prevedibile.

    ha scritto il 

  • 3

    Alla caccia di due spietati serial killers che disseminano morte in tutta Europa. Una giornalista (forse) bisessuale ed un poliziotto straziato dal dolore della perdita e con manie suicide, impegnati ...continua

    Alla caccia di due spietati serial killers che disseminano morte in tutta Europa. Una giornalista (forse) bisessuale ed un poliziotto straziato dal dolore della perdita e con manie suicide, impegnati in una corsa contro il tempo per fermare la mattanza. Lettura fluida, scorrevole, rapidissima, asciutta e priva di fronzoli per il binomio Patterson-Makund

    ha scritto il 

  • 3

    CARTOLINE DI MORTE

    Lo statunitense James Patterson famoso autore di numerosi thriller e Liza Marklund soprannominata la First Lady del giallo svedese decidono di scrivere un libro a quattro mani. Nasce così “ Cartoline ...continua

    Lo statunitense James Patterson famoso autore di numerosi thriller e Liza Marklund soprannominata la First Lady del giallo svedese decidono di scrivere un libro a quattro mani. Nasce così “ Cartoline di morte” pubblicato nel 2010.
    Una coppia di killer spietati, individuata già nelle prime pagine del romanzo se non addirittura nel sottotolo di copertina (Viaggiano, amano l’arte, seducono e uccidono) commette una serie di efferati delitti assassinando altre coppie, spesso in viaggio di nozze, in varie città d’arte europee. I corpi delle vittime vengono poi sistemati in maniera molto singolare. I delitti sono preannunciati da una cartolina della città in cui si verificheranno e seguiti da una fotografia dei corpi scattata con una Polaroid, di solito spedita ad un giornalista della località prescelta per compiere l’orrendo crimine. Jacob Kanon, detective del NYPD, è da tempo sulle loro tracce, animato dalla rabbia e dal desiderio di vendetta perché i killer hanno ucciso la sua unica adorata figlia. Dessie è una giornalista bisessuale che lavora a Stoccolma. Il suo matrimonio con il proprietario di una galleria d’arte è finito e così pure la sua relazione con la poliziotta Gabriella. Sarà proprio Dessie a ricevere una delle famigerate cartoline e da allora la sua vita subirà un grosso cambiamento, perché si troverà, suo malgrado, coinvolta nelle indagini. Dessie e Jacob si incontrano e tra loro nasce una grande attrazione. Grazie alle conoscenze e alle esperienze di entrambi, il mistero dei serial killer verrà finalmente sciolto in una affannosa corsa contro il tempo.
    Libro di pura evasione, si avvale di una scrittura gradevolmente sciolta e strutturata in brevissimi capitoli di due o tre pagine, che invogliano ancora di più a portarsi avanti con la lettura. Ricco di dialoghi che prendono il sopravvento sulle parti descrittive, il libro parte da uno spunto originale e le mani diverse dei due autori si amalgamano bene mantenendo un buon ritmo per tutta la durata della lettura. Interessanti le diverse procedure adottate dalla polizia americana e da quella europea alla base di una diversità culturale che salta subito all’occhio. Un “trhillerino” piacevole, veloce, con una storia d’amore altrettanto rapida, così come il classico finale e con molti punti interrogativi che rimarranno tali, perché il vero movente, quello più intimo, non sarà ma analizzato. Certo è che se l’unione fa la forza, qualcosa in più, da queste penne del giallo, ci si poteva aspettare

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    3

    Così così...

    James Patterson e Liza Marklund hanno creato un bel thriller,la trama è molto intrigante ma, non mi è piaciuto il tentativo di aggiungere a tutti i costi scene erotiche tra Dessie e Jacob, a dir poc ...continua

    James Patterson e Liza Marklund hanno creato un bel thriller,la trama è molto intrigante ma, non mi è piaciuto il tentativo di aggiungere a tutti i costi scene erotiche tra Dessie e Jacob, a dir poco inutili e senza senso.
    Anche la storia familiare di Dessie l'ho trovata troppo finta. In alcuni capitoli vengono inseriti personaggi (parenti di Dessie, nonchè ladri di professione) che addirittura aiutano Dessie e Jacob (tra l' altro un poliziotto) a catturare gli assassini. Finale un pò forzato, ma comunque nel complesso un romanzo ben scritto.

    ha scritto il 

  • 4

    Libro molto intrigante, coinvolgente, ben scritto e davvero piacevole. Le uniche pecche sono la divisione in capitoli e il finale. Dividere il testo in capitoli cosi' corti mi ha dato una sensazione d ...continua

    Libro molto intrigante, coinvolgente, ben scritto e davvero piacevole. Le uniche pecche sono la divisione in capitoli e il finale. Dividere il testo in capitoli cosi' corti mi ha dato una sensazione di un testo sbrigativo, come se mancassero delle parti, e l'ho trovato abbastanza fastidioso. Se avesse aumentato i numeri delle pagine da una o due al massimo ad almeno quattro o cinque la sensazione sarebbe gia' stata molto diversa. Infine, speravo che il finale fosse appunto leggermente piu' lungo, per dare al lettore la soddisfazione della fine, fargliela gustare fino alla fine, come un bigne' di panna e crema. Questa invece sembra piu' un panino mangiato di fretta, affatto non male, ma andava gustato piu' a fondo per esserne davvero soddisfatti.
    In compenso, il libro mi e' piaciuto davvero molto, avvincente, originale e una gradevolissima lettura. Consigliato a tutti gli amanti del genere.

    ha scritto il