Casa di bambola

Di

Editore: Rusconi Libri

4.0
(3364)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: | Formato: Altri | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Tedesco , Spagnolo , Norvegese , Francese , Sloveno , Greco , Finlandese , Coreano , Portoghese

Isbn-10: 881802602X | Isbn-13: 9788818026023 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Paperback , Copertina rigida , Tascabile economico , eBook

Genere: Famiglia, Sesso & Relazioni , Narrativa & Letteratura , Scienze Sociali

Ti piace Casa di bambola?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 4

    Voi non mi avete mai amata. Vi siete divertiti ad essere innamorati di me

    HELMER Abbandonare il tuo focolare, tuo marito, i tuoi figli! Pensa, che dirà la gente!
    NORA Questo non mi può trattenere. Io so soltanto che per me è necessario.
    HELMER Oh, è rivoltante! Così tradisc
    ...continua

    HELMER Abbandonare il tuo focolare, tuo marito, i tuoi figli! Pensa, che dirà la gente!
    NORA Questo non mi può trattenere. Io so soltanto che per me è necessario.
    HELMER Oh, è rivoltante! Così tradisci i tuoi più sacri doveri?
    NORA Cosa intendi per i miei più sacri doveri?
    HELMER E debbo dirtelo? Non sono forse i doveri verso tuo marito e i tuoi bimbi?
    NORA Ho altri doveri che sono altrettanto sacri.
    HELMER In primo luogo tu sei sposa e madre.
    NORA Non lo credo più. Credo di essere prima di tutto una creatura umana, come te... o meglio, voglio tentare di divenirlo. So che il mondo darà ragione a te, Torvald, e che anche nei libri sta scritto qualcosa di simile. Ma quel che dice il mondo e quel che è scritto nei libri non può essermi di norma. Debbo riflettere col mio cervello per rendermi chiaramente conto di tutte le cose.
    (pag. 86)

    ha scritto il 

  • 3

    Qui sono stata la tua moglie-bambola, come ero stata la figlia-bambola di mio padre.

    "[...]Non son forse i doveri verso tuo marito e i tuoi bimbi?
    -Ho altri doveri che sono altrettanto sacri.
    -No, non ne hai. E quali sarebbero?
    -I doveri verso me stessa.
    -In primo luogo luogo tu sei s ...continua

    "[...]Non son forse i doveri verso tuo marito e i tuoi bimbi?
    -Ho altri doveri che sono altrettanto sacri.
    -No, non ne hai. E quali sarebbero?
    -I doveri verso me stessa.
    -In primo luogo luogo tu sei sposa e madre.
    -Non lo credo più. Credo di essere prima di tutto una creatura umana, come te...o meglio, voglio tentare di divenirlo."

    Iniziata come una semplice storia di una donna, moglie e madre, con un 'piccolo' segreto, si è tra sformata poi nella crescita e nel risveglio di quest'ultima. Abituata a vivere di agi e frivolezze, si accorge di non amare più (o forse non aver mai amato) su marito e decide di lasciare tutto, compresi i figli, per intraprendere la strada verso la conoscenza del vero io, della propria identità, come individuo e soprattutto senza etichette di quella società maschilista dell'epoca.

    ha scritto il 

  • 5

    «La donna è giudicata dalle leggi degli uomini, come se no9n fosse una donna, ma un uomo.»
    —— Henrik Ibsen

    Nora, giovane sposa di un brillante avvocato da poco nominato direttore di banca, Torvald Hel ...continua

    «La donna è giudicata dalle leggi degli uomini, come se no9n fosse una donna, ma un uomo.»
    —— Henrik Ibsen

    Nora, giovane sposa di un brillante avvocato da poco nominato direttore di banca, Torvald Helmer, per poter salvare la vita al proprio marito, ammalato e bisognoso di un clima caldo, falsifica la firma del padre morente, facendosi prestare il denaro necessario dall'ambiguo Krogstad.
    Sembra tutto tranquillo sino alla Vigilia di Natale, quando quest'ultimo si presenta per chiderle lo scotto.
    Cosa succede quando la verità viene a galla, il castello delle ipocrisie crolla e le maschere cadono giù?
    Pubblicato nel dicembre del 1879, "Casa di bambola" è una pungente critica sui tradizionali ruoli dell'uomo e della donna nell'ambito matrimoniale, nell'epoca vittoriana.
    La Nora di Ibsen si muove in una società industriale di fine '800 dove il ruolo della donna era limitato ad "angelo del focolare". Helmer affibbiandole vezzeggiativi assolutamente fastidiosi come "allodola" e "lucherino", la tratta come fosse un trofeo da mostrare in società, lussosamente agghindata, deliziosa e affascinante e proprio come una "bambola" passa dalle mani del padre a quelle del marito.
    Alla sua uscita, il dramma, suscitò enorme scandalo considerato scabrosamente troppo "femminista".
    Eppure non era un argomento nuovo (si pensi al "A vindication of the Rights of Woman" di Mary Wollstonecraft in cui denunciava, già nel 1792, lo stato di perenne fanciullezza delle donne a cui veniva negata loro qualsiasi tipo di istruzione).
    Nell'Atto III,infatti, la protagonista spera ingenuamente e inutilmente che «avvenga il miracolo»
    Torvald, però, è un giudice cieco e spietato a cui non interessano le ragioni della moglie, non le riconosce di avergli salvato la vita; pensando solo a come rimediare alle apparenze e alla sua reputazione, le comunica che saranno sì una coppia, ma che le verrà tolta l'educazione dei figli.
    Solo quando Krogstad decide di fare marcia indietro e strappare l'odiata obbligazione, Helmer torna il marito accondiscendente di un tempo.
    Ma ormai è troppo tardi. Nora fa calare il velo che aveva davanti agli occhi e accorgendosi di avere davanti uno sconosciuto, desiderando di crescere come «individuo» e non solo come moglie e madre, se ne va lasciando dietro di sé solo il rumore della porte che si chiude.
    È un finale "violento", tanto che il drammaturgo dovette riscrivere la concolusione per la Germania e addirittura l'attrice tedesca Hedwig - Niemann - Raabe si rifiutò di recitare.
    Non accettava che una donna potesse abbandonare i propri figli.
    Non sappaiamo cosa succederà alla nostra Eroina una volta lasciato il suo "nido", se la gretta Borghesia l'ha infine risucchiata.
    No. Ci piace pensare che ha continuato a gridare ad alta voce il suo gesto di ribellione, il grido di una donna che ha preso coscienza di sè e non vuole tornare indietro.

    ha scritto il 

  • 3

    7/10

    Non mi piace leggere copioni e questo in particolare non è tra i miei preferiti, ma davvero non capisco l'odio verso Nora che trasuda da certe recensioni, che la accusano di essere (cito a spanne) "un ...continua

    Non mi piace leggere copioni e questo in particolare non è tra i miei preferiti, ma davvero non capisco l'odio verso Nora che trasuda da certe recensioni, che la accusano di essere (cito a spanne) "un pessimo modello femminista". Sarò stupida io, ma leggendo non ho avuto l'impressione che Ibsen proponesse Nora come un modello di vita per le sue lettrici (anzi): è una donna ingenua se non proprio stupida, e la sua scelta finale IMO non è stata concepita dall'autore come l'unica scelta Corretta e Morale (?) per qualsiasi donna sempre e comunque, ma semplicemente la cosa più logica da fare in quella particolare situazione per il suo personaggio, che ripeto è ben lungi dall'essere il tabernacolo di virtù a cui ogni donna dovrebbe aspirare. Nora non è la donna perfetta e non fa "la cosa giusta", fa semplicemente ciò che crede di dover fare per sfuggire a una situazione di abusi domestici, una scelta per cui non credo dovrebbe essere biasimata come non deve esserlo nessuna altra donna che si trovi nella sua situazione nella vita reale.
    Sotto questo punto di vista, ho trovato il dramma ben costruito e riuscito.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    2

    Sopravvalutatissimo il personaggio di Nora, presa a icona di un protofemminismo secondo me quasi del tutto immaginario. Sì, è vero, alla fine se ne va di casa, ma la conclusione è ambigua, e soprattut ...continua

    Sopravvalutatissimo il personaggio di Nora, presa a icona di un protofemminismo secondo me quasi del tutto immaginario. Sì, è vero, alla fine se ne va di casa, ma la conclusione è ambigua, e soprattutto nessun segnale di un’evoluzione interiore si poteva carpire prima del famoso dialogo col marito, messo lì come una lucida disanima sul matrimonio, punto per punto. Le didascalie non offrono grandi indizi in merito, come anche i monologhi. Nora sembra presa da un’epifania improvvisa, che però non può convincere del tutto, vista la superficialità e l’inconsistenza del personaggio fino a quel momento.

    ha scritto il 

  • 5

    Quasi in chiave fiabesca e delicata racconta la difficile condizione femminile dell'epoca (e non solo). Per donne e per uomini, soprattutto per quelli più ottusi. Molto bello, invita alla riflessione. ...continua

    Quasi in chiave fiabesca e delicata racconta la difficile condizione femminile dell'epoca (e non solo). Per donne e per uomini, soprattutto per quelli più ottusi. Molto bello, invita alla riflessione.

    ha scritto il 

Ordina per