Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Casino totale

Di

Editore: E/O

4.1
(3061)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 245 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Francese , Spagnolo

Isbn-10: 8876417397 | Isbn-13: 9788876417399 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Barbara Ferri

Disponibile anche come: Copertina rigida , CD audio

Genere: Crime , Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Ti piace Casino totale?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Dopo anni di vagabondaggi nei mari del Sud, Ugo torna a Marsiglia per vendicare Manu, l'amico di gioventù assassinato dalla malavita. Ma anche lui resta ucciso e toccherà a un terzo amico, Fabio Montale, il compito di fare giustizia. Tutti e tre - Ugo, Manu e Montale - sono cresciuti nei vicoli poveri del porto di Marsiglia. Assieme hanno fatto i primi furtarelli, poi qualche rapina, ma hanno anche condiviso i sogni di paesi esotici, i primi dischi e i primi libri, le nuotate in mare, le ubriacature. E soprattutto hanno amato la stessa donna, Lole. Poi le strade si sono separate: Manu si è perso in giochi criminali troppo grandi, Ugo è partito, Montale è diventato uno strano poliziotto, più educatore di strada nei quartieri difficili che sbirro. Ora dovrà sostenere un'inchiesta durissima contro tutto e tutti, in una città, Marsiglia, simbolo di un Mediterraneo diviso tra bellezza e violenza, tra due colori: l'azzurro del cielo e del mare e il nero della morte e dell'odio.
Ordina per
  • 5

    Imperfetto ma d'impatto

    Imperfetto, molto, va letto al momento giusto. Questo, per me, non lo era. A differenza della prima lettura. Troppi dettagli su vini, cibi, strade... Fanno perdere il filo. Ma il personaggio, Fabio Mo ...continua

    Imperfetto, molto, va letto al momento giusto. Questo, per me, non lo era. A differenza della prima lettura. Troppi dettagli su vini, cibi, strade... Fanno perdere il filo. Ma il personaggio, Fabio Montale, resta.

    ha scritto il 

  • 3

    A tratti mi sono illuso di passeggiare per luoghi tipici di uno Scerbanenco, in versione marsigliese. In realtà la consistenza qui è significativamente inferiore rispetto ad esempio alla serie di Duca ...continua

    A tratti mi sono illuso di passeggiare per luoghi tipici di uno Scerbanenco, in versione marsigliese. In realtà la consistenza qui è significativamente inferiore rispetto ad esempio alla serie di Duca Lamberti. Un po' per le formule espressive, più triviali e meno rotonde e levigate. Un po' per il frequente ricorso al comodo fraseggio sincopato e tronco. Ed un po' la trama, non brillantissima né disposta in modo piacevolmente fruibile - insomma, magari non totale, ma un casino sì.

    ha scritto il 

  • 4

    La trilogia, di cui questo è il primo volume, giaceva da anni sugli scaffali della mia libreria. D'improvviso la voglia di leggerla. Colpo di fulmine. Marsiglia si contende il ruolo di protagonista co ...continua

    La trilogia, di cui questo è il primo volume, giaceva da anni sugli scaffali della mia libreria. D'improvviso la voglia di leggerla. Colpo di fulmine. Marsiglia si contende il ruolo di protagonista con Fabio Montale, fulcro dei tre libri. La trama passa in secondo piano. In queste pagine si vivono le emozioni, i tormenti, le paure e i sentimenti del protagonista. Decisamente un libro che consiglierei di leggere.

    ha scritto il 

  • 4

    Fabio Montale è uno di quei personaggi che ti prendono....malinconici, solitari, con tanto passato alle spalle.
    Marsiglia ti affascina, ti ritrovi nei vicoli, ne assapori i sapori, ne senti i profumi. ...continua

    Fabio Montale è uno di quei personaggi che ti prendono....malinconici, solitari, con tanto passato alle spalle.
    Marsiglia ti affascina, ti ritrovi nei vicoli, ne assapori i sapori, ne senti i profumi.

    ha scritto il 

  • 3

    Primo libro della trilogia di Izzo e, secondo me che sono solo un lettore occasionale senza particolari strumenti critici, forse non è quello che gli è riuscito meglio. Forse perché ho letto la trilog ...continua

    Primo libro della trilogia di Izzo e, secondo me che sono solo un lettore occasionale senza particolari strumenti critici, forse non è quello che gli è riuscito meglio. Forse perché ho letto la trilogia al contrario e ho trovato le altre due storie meglio scritte e meglio costruite, ma Casino Totale, cioè Total Kheops in originale - sembra davvero un po' un casino narrativo dove non è del tutto facile seguire le vicende dei personaggi. Il titolo originale fa riferimento a un disco del gruppo francese I A M. Le sonorità risentono di influenze jazz, funky e rap in salsa algerina. I testi sono un forte richiamo identitario per i ragazzi delle famiglie di origine araba in Francia. Gli stessi da cui vengono molti dei personaggi e delle comparse dei noir di Izzo. Giovani ai margini della legalità dalle identità culturali multiple che si fondono malamente in esistenze alla deriva che possono trovare nel radicalismo islamico un'alternativa preferibile all'emarginazione dell'indifferenza. Radicalismo che spesso si finanzia con lo spaccio nonostante la condanna della dissolutezza dei costumi. Radicalismo che è complementare al fanatismo del Front National in un vicendevole bisogno di combattersi e di alimentarsi e, non di rado, di fare affari insieme al di fuori della legge. Di questo parla Izzo, ma in questo racconto lo fa con un ritmo continuamente spezzato, con frasi brevi e concitate, con un intreccio che talvolta degenera nel garbuglio. Restano le atmosfere, i profumi intensi, gli odori delle lenzuola che hanno accolto il piacere, quelli del corpo dopo aver bevuto e fumato troppo. Ma dalle imposte spalancate arriva salmastra una brezza che ripulisce e schiarisce le idee.

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per