Catalyst

By

Publisher: Speak

3.5
(179)

Language: English | Number of Pages: 232 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) Italian

Isbn-10: 0142400017 | Isbn-13: 9780142400012 | Publish date: 

Also available as: Hardcover , Audio Cassette , School & Library Binding , Others

Category: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Teens

Do you like Catalyst ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Meet Kate Malone-straight-A science and math geek, minister's daughter, ace long-distance runner, new girlfriend (to Mitchell "Early Decision Harvard" Pangborn III), unwilling family caretaker, and emotional avoidance champion. Kate manages her life by organizing it as logically as the periodic table. She can handle it all-or so she thinks. Then, things change as suddenly as a string of chemical reactions; first, the Malones' neighbors get burned out of their own home and move in. Kate has to share her room with her nemesis, Teri Litch, and Teri's little brother. The days are ticking down and she's still waiting to hear from the only college she applied to: MIT. Kate feels that her life is spinning out of her control-and then, something happens that truly blows it all apart. Set in the same community as the remarkable Speak, Catalyst is a novel that will change the way you look at the world.
Sorting by
  • 3

    http://romance-e-non-solo.blogspot.it/2017/01/recesione-le-emozioni-difettose-di.html

    Nuovo romanzo, nuovo problema adolescenziale affrontato!

    In tutti i romanzi di Laurie Halse Anderson, almeno quell ...continue

    http://romance-e-non-solo.blogspot.it/2017/01/recesione-le-emozioni-difettose-di.html

    Nuovo romanzo, nuovo problema adolescenziale affrontato!

    In tutti i romanzi di Laurie Halse Anderson, almeno quelli che ho letto finora (Speak - Le parole non dette - la mia recensione qui; Wintergirl - la mia recensione qui), ci ritroviamo sempre a seguire i problemi adolescenziali di qualche ragazza in maniera così profonda e dettagliata, da sembrar quasi di essere tu stessa la protagonista che prova tutto questo.

    Ne "Le emozioni difettose" facciamo la conoscenza di Kate Malone, un'adolescente con la passione per la chimica che frequenta l'ultimo anno del liceo e che spera a tutti i costi di entrare nella meravigliosa MIT, l'Istituto di Tecnologia del Massachusetts, dove spera di riuscire a seguire le orme della madre, venuta a mancare anni prima.

    La protagonista ha una personalità molto particolare, talmente singolare da credere che esistano due Kate: la Kate Buona, l'alunna attenta in classe, la figlia esemplare di un prete e una sorella amorevole nei confronti del fratellino ammalato di asma e allergie varie; dall'altro lato c'è la Kate Cattiva che vorrebbe non avere tutte le responsabilità della casa sulle spalle e che vorrebbe essere lei accudita più che accudire qualcuno.

    Accanto a lei vediamo amici e un fidanzato che il più delle volte trova più una seccatura che altro, allora si ritrova a correre, macina chilometri a perdifiato per dimenticare le incombenze che l'aspettano a casa, l'ansia per quella lettera con la risposta della scuola che non arriva, il terrore di non sentirsi adeguata...

    Tutto ad un tratto, il corso della vita di Kate, specialmente dopo che una notte la casa dei suoi vicini viene distrutta da un incendio e, con disappunto della giovane, il padre invita la figlia dei vicini e il fratellino a vivere da loro finché non verrà ricostruita la loro abitazione. Peccato che la ragazza in questione sia Teri, la ragazza che la terrorizzava alle medie quando la picchiava praticamente tutti i giorni e tutt'ora, al liceo, col la sua stazza e prepotenza.

    Come se questo non fosse abbastanza pesante, la lettera del MIT finalmente arriva, ma non con la risposta tanto agognata dalla nostra Kate e la ragazza vedrà tutti i suoi sogni e desideri più grandi svanire come neve al sole, in un batter di ciglia dove tutto il suo futuro sembrava certo e concreto, si crea e poi diventa il suo incubo personale

    Tutto sembra andare a rotoli, niente è più come Kate aveva programmato e si ritrova con un pugno di mosche in mano, visto che era certa della sua ammissione al MIT da non aver provato a chiedere in nessun altro istituto la possibilità della sua iscrizione a loro.

    Vedremo come Kate dovrà tentare venire a patti con le sue due metà per capire cosa fare, in quel momento di sconforto dove non sa a chi appoggiarsi o a chi chiedere consiglio... Tutto sembra remare contro di lei, ma un avvenimento tragico per Teri, aiuterà Kate ad aprire gli occhi e a rendere meno "difettose" le sue emozioni, iniziando a capire che se un sogno non si avvera, non bisogna mollare tutto e commiserarsi, ma bisogna avere la forza di capire cosa si vuol fare della propria vita e crearsi nuovi sogni da inseguire, nuovi obiettivi da raggiungere.

    Questo romanzo, come per gli altri che ho letto dell'autrice, ha una tematica molto forte e la Anderson ha una grandissima capacità di espressione da rendere tutto fin troppo realistico e all'apparenza duro che volente, o no, devi accettarla e devi saperla gestire al meglio delle tue capacità.

    Un buon libro che aiuta a riflettere, anche se l'ho trovato leggermente sottotono rispetto a Speak e a Wintergirl... Non so... Ho fatto più fatica a finire di leggere questo romanzo e ho dovuto riprendere alcuni passaggi per capire bene il momento del cambiamento di uno stato d'animo del personaggio o di un particolare evento che mi era sfuggito alla prima lettura...

    said on 

  • 2

    Ho letto questo libro, perché il modo di scrivere della Anderson nel suo "Wintergirls" mi ha incantato, questo libro però no.

    La storia poteva essere interessante ma mi sembra sia rimasta sul superficiale, se fosse entrata nel profondo dei vari personaggi forse sarebbe stata una bella storia. Per chi volesse provare a legger ...continue

    La storia poteva essere interessante ma mi sembra sia rimasta sul superficiale, se fosse entrata nel profondo dei vari personaggi forse sarebbe stata una bella storia. Per chi volesse provare a leggere la Anderson, consiglio "Wintergirls" piuttosto che questo.

    said on 

  • 3

    Se avessi letto il libro a 14 anni, lo avrei adorato alla follia. A 25 (quasi) l'ho trovato un po' banalotto, pur avendolo letto con molto piacere.. Lo stile della Anderson mi piace molto e mi è piaci ...continue

    Se avessi letto il libro a 14 anni, lo avrei adorato alla follia. A 25 (quasi) l'ho trovato un po' banalotto, pur avendolo letto con molto piacere.. Lo stile della Anderson mi piace molto e mi è piaciuta la protagonista *_*
    La trama del libro è.. Non so, un po' eterea. Fa pensare a mari e monti, in realtà è una storia quasi totalmente priva di nota che non mantiene nessuna aspettativa.
    Tu lì a chiederti e chiederti e chiederti cosa ci sia di sbagliato in Kate, perché è così arrabbiata, perché è insonne e corre, corre corre.. E poi. Niente. Bon, tutto a posto eh :D
    Se l'autrice avesse sviluppato un pelo di più il romanzo.. Ma forse sono io che chiedo troppo e sono troppo cresciuta, chi lo sa!
    Come sia, non sarà il suo ultimo libro che leggo.. Ho già "Wintergirls" *_*

    said on 

  • 0

    A fronte di uno stile scorrevole e curato, manca di un mordente che ti faccia proseguire nella lettura: la trama è molto annacquata e alla fine non si vede un grande sviluppo dei personaggi.
    Il libro ...continue

    A fronte di uno stile scorrevole e curato, manca di un mordente che ti faccia proseguire nella lettura: la trama è molto annacquata e alla fine non si vede un grande sviluppo dei personaggi.
    Il libro si fa leggere, ma il problema non è macinare le pagine una volta che lo si sta leggendo; il problema è trovare l'interesse per riaprirlo dopo averlo riposto!

    said on 

  • 3

    bello ma manca qualcosa

    si da molto importanza alla disperazione. Tuttavia è un libro che ti prende anche se tutta la storia è una storia sulla negativita. Non certo un capolavoro, pero...

    said on 

  • 5

    Kate è all'ultimo anno di liceo e aspetta disperatamente la lettera di ammissione all'MIT, l'unico college in cui abbia fatta domanda perché è sicura di entrarci. Kate dorme pochissimo, perché oltre a ...continue

    Kate è all'ultimo anno di liceo e aspetta disperatamente la lettera di ammissione all'MIT, l'unico college in cui abbia fatta domanda perché è sicura di entrarci. Kate dorme pochissimo, perché oltre alla scuola deve occuparsi della casa, del fratello minore e del padre reverendo, dato che la madre è morta da anni. E quando le sembra di scoppiare, infila un paio di scarpe da ginnastica e corre, corre, corre, fino a sentire più niente. Quando è costretta a dividere la casa con le vicine, tra cui una sua compagna bulla, le sembra tutto sbagliato. E Kate deve imparare ad accettarsi.

    Mi sono sentita molto coinvolta da Kate, potrei essere io, la ragazza delusa da un 29, che impara facilmente quasi tutto e che quindi si aspetta che le sue capacità vengano tenute in considerazione. Ma quando non succede... io la capisco, Kate, quando perde la bussola. E capisco quanto sia difficile stabilire un nuovo tracciato, quando hai talmente tante opportunità e non puoi sceglierne una, non puoi decidere cosa vuoi fare perché potresti fare tutto.

    * L’insonnia è una figata, dopotutto. Riesci a fare un sacco di cose se non dormi.
    * Le troupe televisive sono appostate dall’altro lato della strada. Riprendono la folla mentre attraversa il vialetto che separa la chiesa dal cimitero. Mettono a fuoco su papà e sul signor Lockheart che portano la bara, zumano sulla signora Litch aggrappata al braccio di Teri, sul volto gelido di lei, sulle sue calze smagliate, sui suoi stivali da lavoro e sul suo abito a fiori. Guardate questa semplice famiglia. Guardate come sono poveri ora che un incendio ha distrutto la loro casa. Guardate il loro bambino morto. È come un porno macabro dato in pasto alle masse.
    * Non capisco la morte. È scientificamente provato che l’energia non si crea né si distrugge. E allora cosa succede alle persone che muoiono?

    said on 

  • 3

    Le emozioni difettose

    Questo libro non mi ha coivolto particolarmente; innanzitutto perchè non sono ben chiare le identità dei personaggi, i loro pensieri e sentimenti sono confusi, contraddittori e spesso superficiali. La ...continue

    Questo libro non mi ha coivolto particolarmente; innanzitutto perchè non sono ben chiare le identità dei personaggi, i loro pensieri e sentimenti sono confusi, contraddittori e spesso superficiali. La tragica morte del piccolo Mikey è stato un momento di maggior tensione che, seppur non del tutto, mi ha fatto apprezzare di più il resto del libro che mi è sembrato più interessante, anche se gli ultimi capitoli non sono sufficienti a giustificare la mancanza di coinvolgimento del lettore.
    Tuttavia dò 3 stelle perchè lo stile è leggero e scorrevole ed ho trovato originale l'idea di intitolate i capitoli con nomi inerenti alla chimica che è la grande passione della protagonista.

    said on 

  • 5

    Secondo libro della Anderson che leggo e come il primo trovo che sia geniale nel modo in cui fa parlare i ragazzi e nel come rappresenta il loro mondo, il loro modo di pensare, di vivere le sensazioni ...continue

    Secondo libro della Anderson che leggo e come il primo trovo che sia geniale nel modo in cui fa parlare i ragazzi e nel come rappresenta il loro mondo, il loro modo di pensare, di vivere le sensazioni, il momento, il dolore, la perdita, i traumi.

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    2

    il titolo è perfetto perchè le emozioni che riempiono e straripano in questo libro sono tutte sbagliate. i protagonisti si odiano, quando non c'è motivo, non si parlano, ma urlano e io... vado in conf ...continue

    il titolo è perfetto perchè le emozioni che riempiono e straripano in questo libro sono tutte sbagliate. i protagonisti si odiano, quando non c'è motivo, non si parlano, ma urlano e io... vado in confusione.
    perchè la trama sarebbe anche bella e commovente, ma loro si muovono su piani emotivi che non sono i miei.
    capisco che teri odi kate perchè lei ha un padre perfetto, un fratellino e un bel fidanzato; capisco meno il suo astio quando kate fa di tutto per esserle vicino dopo la morte di mickey.
    capisco che kate sia confusa e delusa dal mit, ma non capisco perchè se la prenda con mitch che sembra essere l'unico veramente in pena per lei.
    leggerò sicuramente altro dell'autrice, sono rimasta piacevolmente sorpresa da questi libro per adolescenti che però è riuscito a spiazzarmi e commuovermi.

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    3

    Non l'ammetterò mai, nemmeno sotto tortura, ma adoro i film di Walt Disney. Tutti li adorano.

    Do tre stelle (due e mezzo se anobii avesse consentito di usare la mezza stellina) solo perché quando mettevo in pausa la lettura mi veniva da pensare a Kate, altrimenti ne avrebbe meritate anche due, ...continue

    Do tre stelle (due e mezzo se anobii avesse consentito di usare la mezza stellina) solo perché quando mettevo in pausa la lettura mi veniva da pensare a Kate, altrimenti ne avrebbe meritate anche due, ma trovo sempre positivo il fatto che durante la propria giornata ci si ritrovi a pensare al protagonista del libro che si sta leggendo.
    Purtroppo però, al di là del fatto che, essendo scritto in modo semplice,(nozioni di chimica a parte, le ho odiate profondamente) risulta scorrevole e leggero, la storia non decolla.
    Per oltre la metà si limita a girare attorno a questo benedetto college ed alla ammissione della ragazza, poi accade qualcosa di brutto che pare voglia portare la vita di Kate chissà dove, ed invece ci si ritrova davanti ad un finale non-finale: una scelta non dico assurda ma inspiegata, nessun epilogo, solo un dialogo frettoloso e inconcluso.
    Non posso dire che mi sia piaciuto e non ritengo opportuno consigliarvelo. Sì è carino, lo si legge, ma non lascia niente, facilmente dimenticabile.
    Ci sono molti young adult superiori a questo, e non di poco. Peccato, mi aspettavo un bel libro data la trama, sono rimasta parecchio delusa.

    said on 

Sorting by