Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Cattive notizie

La retorica senza lumi dei mass media italiani

Di

Editore: Feltrinelli

4.2
(50)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 221 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8807103788 | Isbn-13: 9788807103780 | Data di pubblicazione: 

Genere: Non-fiction

Ti piace Cattive notizie?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Come parla l'informazione pubblica nell'Italia di oggi? Male. Male, s'intende,per la formazione di cittadini con una coscienza politica. Parla invecebenissimo per il mantenimento degli assetti di potere. È questa una criticache al sistema dell'informazione muoveva la cultura di sinistra intorno alSessantotto. Oggi, all'apparenza, è tutto cambiato. Il giornale e il tgparlano per farsi capire da tutti. Parlano, anzi, una lingua ostentatamente"vicina alla gente": il tg del Duemila è ben diverso dal grigio notiziario deiprimi decenni Rai e il giornale oggi non è più il quotidiano d'una volta. Maquesta immediatezza è, in realtà, la cifra di uno stile che impone lasemplificazione populistica all'analisi, l'emotività al raziocinio.
Ordina per
  • 4

    Rigoroso, lucido, spietato. Non è una lettura semplice, ma i numerosi esempi la rendono estremamente efficace. Se tutti noi fossimo consapevoli dei meccanismi che attuano quelli che ci propinano, raccontano, narrano le notizie, sarebbe più difficile prenderci in giro

    ha scritto il 

  • 5

    illuminante

    sulla situazione pessima dei media, giornali e telegiornali nella nostra Italia. L'autore ha confermato alcune considerazioni che avevo già fatto in precedenza, come la segnata drammatizzazione dei tg volta propria ad incutere un maggiore senso di paura rispetto alla realtà. Analisi fatta in gene ...continua

    sulla situazione pessima dei media, giornali e telegiornali nella nostra Italia. L'autore ha confermato alcune considerazioni che avevo già fatto in precedenza, come la segnata drammatizzazione dei tg volta propria ad incutere un maggiore senso di paura rispetto alla realtà. Analisi fatta in generale, citando il caso di Silvio Berlusconi, ma non troppe volte. I telegiornali e i quotidiani vanno cambiati nei loro linguaggi o altrimenti resteremo gli zimbelli d'Europa.

    ha scritto il 

  • 4

    言語学的に見たイタリアのマスメディア批判

    直訳タイトルは『悪いニュース―イタリアのマスメディアの理性なきレトリック』。
    著者ミケーレ・ロポルカーロは地域語研究を専門とする言語学者で、チューリッヒ大学教授。
    イタリアの新聞・テレビのニュースの言語分析を通じて、マスメディアと政治の問題点を批判する。
    新聞の紙面を占める画像とテキストの比率、記事における自由間接話法の使用による視点の混乱、当事者(マフィアや政治家から、被害者の家族まで)の言語表現を記者が取り込むことによる無批判で感情的な報道など、多くの具体的な事例を通じて指摘する。
    首相ベルルスコーニが数々の裁判とスキャンダルに巻き込まれながらなぜ高い投票率を維持できるのかという疑問 ...continua

    直訳タイトルは『悪いニュース―イタリアのマスメディアの理性なきレトリック』。 著者ミケーレ・ロポルカーロは地域語研究を専門とする言語学者で、チューリッヒ大学教授。 イタリアの新聞・テレビのニュースの言語分析を通じて、マスメディアと政治の問題点を批判する。 新聞の紙面を占める画像とテキストの比率、記事における自由間接話法の使用による視点の混乱、当事者(マフィアや政治家から、被害者の家族まで)の言語表現を記者が取り込むことによる無批判で感情的な報道など、多くの具体的な事例を通じて指摘する。 首相ベルルスコーニが数々の裁判とスキャンダルに巻き込まれながらなぜ高い投票率を維持できるのかという疑問について、メディアによる大衆操作の面で説明している点で興味深い。

    ha scritto il 

  • 4

    Molto scorrevole, ben fatto. Onestamente non rivela chissà quali verità o novità, ma evidenzia bene un fenomeno e una linea di tendenza dell'informazione tutta e della società verso l'intrattenimento..del resto l'aveva già capito Thoreau a metà ottocento che i giornali devono vendere per sopravvi ...continua

    Molto scorrevole, ben fatto. Onestamente non rivela chissà quali verità o novità, ma evidenzia bene un fenomeno e una linea di tendenza dell'informazione tutta e della società verso l'intrattenimento..del resto l'aveva già capito Thoreau a metà ottocento che i giornali devono vendere per sopravviere e che ciò è in contrasto con la verità. Interessante l'individuazione di discorso indiretto libero all'interno della lingua giornalistica, che fa parte della deresponsabilizzazione della parola giornalistica stessa.

    ha scritto il 

  • 5

    Notizie davvero cattive

    Come e perché l'informazione dei media cartacei italiani va verso la spettacolarizzazione e si allontana da una informazione corretta. </p><p>Il tutto analizzato da uno studioso forse di parte, ma assolutamente imparziale nell'applicare metodi di analisi accademica.

    ha scritto il 

  • 4

    Informazione e conformismo

    Una letturea impietosa del giornalismo in Italia. Durissimo a tratti difficile da digerire, un linquista analizza il linguaggio dei giornali in italia. Ne esce un ritratto feroce dell' ipocrita qualunquismo dei giornali italiani e del loro tacito servilismo al potere.

    ha scritto il 

  • 4

    Non sono sola nell'universo: anche Michele Loporcaro ritiene che i telegiornali in Italia, ed in particolare il Tg1, ignorino il significato di informazione, mandando in onda racconti orientati verso il patetico - e perdipiù di pessima qualità. Non condivido tutto ciò che nel testo viene affermat ...continua

    Non sono sola nell'universo: anche Michele Loporcaro ritiene che i telegiornali in Italia, ed in particolare il Tg1, ignorino il significato di informazione, mandando in onda racconti orientati verso il patetico - e perdipiù di pessima qualità. Non condivido tutto ciò che nel testo viene affermato, ma l'analisi è ben fatta; molto interessante la parte che riguarda la lingua "dalla parte della gente".

    ha scritto il 

  • 5

    Desolante analisi dello stato dell'informazione giornalistica in Italia. Un'informazione che presenta le notizie non come fatti, ma come oggetto di una narrazione mitica; che rinuncia a distinguere tra ciò che viene riportato dal giornalista e ciò che viene invece affermato dai soggetti coinvolti ...continua

    Desolante analisi dello stato dell'informazione giornalistica in Italia. Un'informazione che presenta le notizie non come fatti, ma come oggetto di una narrazione mitica; che rinuncia a distinguere tra ciò che viene riportato dal giornalista e ciò che viene invece affermato dai soggetti coinvolti nei fatti, e che anzi ne adotta punti di vista e linguaggio; che diventa letteratura di tipo verista, facendo scomparire la figura del narratore. E tutto ciò, dietro l'alibi della comprensibilità universale, finalizzato ad un preciso progetto politico di conservazione dell'esistente. Un grande libro.

    ha scritto il