In un tempo e un luogo non precisati, all'improvviso l'intera popolazione perde la vista per un'inspiegabile epidemia. Chi viene colpito dal male è come avvolto in una nube lattiginosa. Le reazioni psicologiche sono devastanti, l'esplosione di terror ...Continua
TheBluE
Ha scritto il 10/08/18
In una cità sconosciuta inaspettatamente scoppia un'epidemia di "cecità bianca" che colpisce, pian piano, tutti gli abitanti tranne una dona, unica testimone di quel che accade. Nessuno ha un nome, ciascuno è identificato per mezzo di una caratterist...Continua
Elisa Iaco
Ha scritto il 07/08/18
Una scrittura strana, ci vuole un po' per abituarsi; ma quando si comincia a prendere confidenza le pagine scorrono via veloci. I dialoghi fanno parte del flusso narrativo, della voce esterna che ci accompagna nel racconto. Proprio quella voce è come...Continua
Miss Sunflower
Ha scritto il 24/07/18
The white side of the earth

Un saggio sconcertante.
Ti senti inerme, cieco, stanco, afflitto.
Forse era proprio questo che voleva trasmettere lo scrittore e in questo periodo storico siamo ancora ciechi, che camminano, ciechi che vedono ma non vedono (cit.)

Tostoinu73
Ha scritto il 30/06/18
SPOILER ALERT
la cecità degli altri..

un romanzo sulla forza di una donna che tenta di salvare il suo mondo e di altre donne che cercano di fare altrettanto. un romanzo su chi ancora riesce a vedere questo mondo e sulla fatica di accettarlo. un romanzo sulla cecità degli altri.

La vera Sally
Ha scritto il 28/06/18
Illuminante...
Un libro che ha sicuramente cambiato il mio modo di VEDERE le cose. Letto tutto d'un fiato, mi ha obbligata a mettermi nei panni delle povere vittime di questa epidemia senza precedenti. Mentre leggevo mi chiedevo come sarei sopravvissuta ad una situ...Continua

Sweetaholic
Ha scritto il Apr 30, 2018, 10:36
Ecco come sono le parole, nascondono molto, si uniscono pian piano fra di loro, sembra non sappiano dove vogliono andare e, all'improvviso, per via di due o tre, o di quattro che all'improvviso escono, parole semplici, un pronome personale, un avverb...Continua
Pag. 270
Antle2606
Ha scritto il Feb 24, 2018, 09:52
“Perché siamo diventati ciechi, Non lo so, forse un giorno si arriverà a conoscerne la ragione, Vuoi che ti dica cosa penso, Parla, secondo me non siamo diventati ciechi, seconda me lo siamo, Ciechi che vedono, Ciechi che, pur vedendo, non vedono”.
altaltalt
Ha scritto il Feb 03, 2018, 09:35
“Secondo me non siamo diventati ciechi, secondo me lo siamo, Ciechi che vedono, Ciechi che, pur vedendo, non vedono”. Ed è proprio in questo ‘non vedere pur vedendo’ che si radica in profondità l’origine del mal bianco.
Pag. 315
Arturo Bandini
Ha scritto il Sep 12, 2017, 16:38
Siccome il panico è molto più rapido delle gambe che lo devono portare, i piedi del fuggiasco finiscono per impappinarsi nella corsa, tanto più se lui è cieco...
Pag. 269
Mariavenere
Ha scritto il Aug 19, 2017, 15:37
Non siamo diventati ciechi, secondo me lo siamo. Ciechi che, pur vedendo, non vedono.

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

Katia
Ha scritto il Oct 11, 2016, 22:47
http://www.liberolibro.it/cecita-di-jose-saramago/
Sabrina Ciceri
Ha scritto il May 12, 2016, 16:56

Hedrock
Ha scritto il Oct 18, 2017, 09:53
Cecità
Autore: José Saramago

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi