Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Cecità

letto da Sergio Rubini

Di

Editore: Emons/Feltrinelli

4.4
(10869)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: | Formato: CD audio | In altre lingue: (altre lingue) Portoghese , Inglese , Spagnolo , Catalano , Chi tradizionale , Tedesco , Francese , Olandese , Svedese

Isbn-10: 8807735156 | Isbn-13: 9788807735158 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Rita Desti ; Lettore: Sergio Rubini

Disponibile anche come: Altri , Paperback , Copertina rigida , Tascabile economico , eBook

Genere: Fiction & Literature , Science Fiction & Fantasy , Social Science

Ti piace Cecità?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
In un tempo e un luogo non precisati, all'improvviso l'intera popolazione perde la vista per un'inspiegabile epidemia. Chi è colpito dal male è come avvolto in una nube lattiginosa... Un romanzo fantastico giocato sulla metafora della cecità dove gli istinti bestiali, la ferocia irrazionale, la sopraffazione gratuita si rivelano i tratti tipici della natura umana.
Ordina per
  • 5

    Capolavoro.

    Nella sua semplicità, mi sconvolse.
    Non riuscivo a non immaginare le scene, mi è stato lampante che anche se fossimo messi tutti allo stesso piano la sopravvivenza della specie avrebbe la meglio affia ...continua

    Nella sua semplicità, mi sconvolse.
    Non riuscivo a non immaginare le scene, mi è stato lampante che anche se fossimo messi tutti allo stesso piano la sopravvivenza della specie avrebbe la meglio affiancandosi alla brutalità.
    Ha colto nel segno.

    ha scritto il 

  • 5

    È forte il dolore che fuoriesce da questo romanzo. É grande l'angoscia che ti attanaglia sempre di più procedendo nella lettura... Bellissimo e molto crudo al tempo stesso. Mostra quanto istinto anima ...continua

    È forte il dolore che fuoriesce da questo romanzo. É grande l'angoscia che ti attanaglia sempre di più procedendo nella lettura... Bellissimo e molto crudo al tempo stesso. Mostra quanto istinto animale può esserci in un animo umano. L'istinto alla sopravvivenza primo fra tutti. Come fare per sopravvivere? Non contano più gli altri. Conta solo trovare la soluzione alla propria salvezza... "se non siamo capaci di vivere globalmente come persone, almeno facciamo di tutto per non vivere globalmente come animali".

    ha scritto il 

  • 3

    "Il silenzio è sempre il miglior applauso"

    L'idea è decisamente buona, la trama risulta invece po' limitata.
    Ben scritto, anche se non si capisce quale sia l'utilità di una punteggiatura al di fuori delle regole, che nulla toglie e nulla aggiu ...continua

    L'idea è decisamente buona, la trama risulta invece po' limitata.
    Ben scritto, anche se non si capisce quale sia l'utilità di una punteggiatura al di fuori delle regole, che nulla toglie e nulla aggiunge al romanzo.
    Ricco di dettagli assolutamente efficaci nel descrivere un'atmosfera che definirei claustrofobica e asfissiante. A volte ho avuto la sensazione che l'autore indugiasse nella minuziosa descrizione del viscidume generato da corpi in decomposizione misti a liquami di vario genere quasi con un certo compiacimento.
    Non ho tuttavia apprezzato le frequenti divagazioni etico-filosofiche, peraltro piuttosto scontate, presenti soprattutto nella seconda parte del libro.
    Non è il genere di romanzo che preferisco, ma merita comunque di essere letto.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    5

    Duro tanto da far male e angosciante, come solo il Male e il Dolore possono angosciare. Ma nella melma umana, raccontata con apparente freddezza e distacco, si erge chiara e pulita la Speranza, rappre ...continua

    Duro tanto da far male e angosciante, come solo il Male e il Dolore possono angosciare. Ma nella melma umana, raccontata con apparente freddezza e distacco, si erge chiara e pulita la Speranza, rappresentata dalla moglie del medico, l'unica ad avere gli occhi per vedere, per guidare, per salvare. Attorno a lei, le Donne, come sempre le ultime e le più provate dalla violenza e dalla cattiveria altrui, ma sempre colme di generosità e di affetto per la Vita, anche quando tutto sembra perduto. Un libro che sommerge e che commuove.

    ha scritto il 

  • 3

    CECITÀ

    Un automobilista fermo al semaforo viene improvvisamente colpito da una forma di cecità che stende un velo bianco davanti ai suoi occhi. Lui non sa ancora di essere il primo caso di una di epidemia ch ...continua

    Un automobilista fermo al semaforo viene improvvisamente colpito da una forma di cecità che stende un velo bianco davanti ai suoi occhi. Lui non sa ancora di essere il primo caso di una di epidemia che si diffonderà inesorabilmente in tutta la città. Da quel momento sarà una storia di anime alla deriva che, ubbidendo all’istinto primordiale di sopravvivenza, rinunceranno alla loro umanità.
    Un romanzo che ti cattura dalle prime righe, ansiogeno, incalzante.

    ha scritto il 

  • 4

    Meglio la seconda parte della prima. Nella prima mi pare che la gli eventi succedano in maniera sempre forzata, come se Saramago si fosse messo lì e avesse detto Ok, cosa posso far succedere per rende ...continua

    Meglio la seconda parte della prima. Nella prima mi pare che la gli eventi succedano in maniera sempre forzata, come se Saramago si fosse messo lì e avesse detto Ok, cosa posso far succedere per rendere la situazione di questi poveracci sempre più abbietta? Lo schifezzume umano si sussegue quasi naturalmente, tant'è che la reazione del lettore, o almeno la mia, non è più quella di essere coinvolto ma di osservare tutto da fuori, come se si trattasse di un esperimento. Ecco, un gigantesco esperimento sulla schifezza umana. E d'altronde il titolo originale, Saggio sulla cecità, sembra suggerire qualcosa del genere. Il punto è che boh, di esperimenti sulla schifezza umana ne è pieno il mondo, ecco. Truth is filthier than fiction.

    ha scritto il 

  • 4

    "Se non siamo capaci di vivere globalmente come persone, almeno facciamo di tutto per non vivere globalmente come animali". Questo l'augurio. Ma risulta inutile. Si salvano solo quelli che circondano ...continua

    "Se non siamo capaci di vivere globalmente come persone, almeno facciamo di tutto per non vivere globalmente come animali". Questo l'augurio. Ma risulta inutile. Si salvano solo quelli che circondano chi riresce a trovare forza sufficiente per sé e per gli altri.

    ha scritto il 

  • 4

    Frasi dal libro

    “Il disco giallo si illuminò. Due delle automobili in testa accelerarono prima che apparisse il rosso. Nel segnale pedonale comparve la sagoma dell’omino verde. La gente in attesa cominciò ad attraver ...continua

    “Il disco giallo si illuminò. Due delle automobili in testa accelerarono prima che apparisse il rosso. Nel segnale pedonale comparve la sagoma dell’omino verde. La gente in attesa cominciò ad attraversare la strada camminando sulle strisce bianche dipinte sul nero dell’asfalto, non c’è niente che assomigli meno a una zebra, eppure le chiamano così. Gli automobilisti, impazienti, con il piede sul pedale della frizione, tenevano le macchine in tensione, avanzando, indietreggiando, come cavalli nervosi che sentissero arrivare nell’aria la frustata.”
    https://frasiarzianti.wordpress.com/2015/07/30/cecita-jose-saramago/

    ha scritto il 

  • 4

    Farò passare del tempo prima di avvicinarmi di nuovo a Saramago.
    Crudo,doloroso,angosciante e permeato di pessimismo.
    Lo specchio del nostro mondo reale, imbarbarito e violento.
    Non è necessario immag ...continua

    Farò passare del tempo prima di avvicinarmi di nuovo a Saramago.
    Crudo,doloroso,angosciante e permeato di pessimismo.
    Lo specchio del nostro mondo reale, imbarbarito e violento.
    Non è necessario immaginarsi un'epidemia di cecità,basta vivere a Roma di questi tempi.

    ha scritto il 

Ordina per