Ha scritto il 07/12/17
I giuramenti, i sogni, i progetti, tutto si risolve in un pugno di cenere
Il piccolo Anania nasce da un amore giovanile, irresponsabile e impulsivo di Olí, bella e ardente come sua madre che fuggì diseredata di casa con il suo innamorato per non sposare un vecchio possidente, e di Anania grande “coi suoi sogni bambineschi ...Continua
  • 1 mi piace
Ha scritto il 13/11/17
Quasi una tragedia greca
Terribile il destino degli uomini che pretendono di imporre la propria idea di giustizia senza pietà e senza compassione: trascineranno tutto nella rovina, oggi come ieri. Saperlo raccontare sapientemente e in maniera così avvincente come fa la Dele ...Continua
  • 3 mi piace
Ha scritto il 29/09/17
Il ritmo e la tensione narrativa, lo sfondo paesaggistico, le pennellate sulla società, rivelano una sensibilità ottocentesca.
Nei laceranti e palpitanti dialoghi tra sventurata madre e figlio disperato, nei vibranti scambi epistolari tra i fidan
...Continua
  • 1 mi piace
Ha scritto il 06/03/17
E' una storia struggente: ho provato subito simpatia per Anania, sia per la sua triste storia sia per la sua forte personalità che dimostra crescendo man mano.
Ha scritto il 22/04/15
“Avanti morite, crepate ma seguite il filo che vi tira!”
Nella splendida terra di Sardegna, tra il paradisiaco mare, le aspre montagne e la feconda campagna, si consuma il dramma di Anania. Un destino già scritto dove si ereditano colpe come vecchie mura crepate. Peccati che latri hanno commesso e che vann ...Continua
  • 2 mi piace

Ha scritto il Dec 07, 2017, 09:52
Un tramonto meraviglioso illuminava l'orizzonte: pareva un miraggio apocalittico. Le nuvole disegnavano un paesaggio tragico; una pianura ardente solcata da laghi d'oro e da fiumi porpurei, e sul cui sfondo sorgevano montagne di bronzo profilate d'am ...Continua
Pag. 188
Ha scritto il Dec 07, 2017, 09:52
La luna illuminava il cortile, e nella notte diafana il canto tremulo dei grilli faceva pensare a un popolo di folletti minuscoli, ciascuno dei quali suonasse un violino scordato, accompagnando con quel motivo monotono il mormorio delle foglie umide ...Continua
Pag. 172
Ha scritto il Dec 07, 2017, 09:51
La primavera palpitava al di là dell'orizzonte; giovinetta selvaggia e pura ella scorrazzava attraverso le tancas coperte d'erbe alte aromatiche, e cantava con gli uccelli palustri in riva ai torrenti, e scherzava coi mufloni e con le lepri, fra i ci ...Continua
Pag. 143
Ha scritto il Dec 07, 2017, 09:51
Una dolcezza orientale calava con la sera splendida; il viale che conduce al Santuario era deserto, e la luna cominciava a brillare attraverso gli alberi immobili:il cielo di un azzurro verdastro prendeva, sopra la linea madreperlacea del mare, una t ...Continua
Pag. 118
Ha scritto il Dec 07, 2017, 09:50
Ma ecco che le cerule montagne della Barbagia natia svaniscono all'orizzonte: una sola cresta dell'Orthobene appare ancora, dietro altre cime, violacea sul cielo pallido; ancora un lembo, una punta, una pietra...più niente. Anche i monti tramontano c ...Continua
Pag. 116

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi