Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Cent'anni di solitudine

Di

Editore: Mondadori

4.4
(24143)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 382 | Formato: Copertina morbida e spillati | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Chi tradizionale , Chi semplificata , Spagnolo , Portoghese , Francese , Tedesco , Giapponese , Olandese , Svedese , Catalano , Lettone , Polacco , Turco , Greco , Croato , Ungherese , Norvegese , Finlandese , Danese , Ceco , Rumeno

Isbn-10: A000018279 | Data di pubblicazione:  | Edizione 4

Traduttore: Enrico Cicogna

Disponibile anche come: Tascabile economico , Altri , Paperback , Copertina rigida

Genere: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Science Fiction & Fantasy

Ti piace Cent'anni di solitudine?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 5

    La solitudine e la passione. Implacabili ed invincibili come il tempo che continua a girare spietatamente intorno - e in tondo - alla famiglia Buendía. Fino al punto di non ritorno.

    "In quella Macondo ...continua

    La solitudine e la passione. Implacabili ed invincibili come il tempo che continua a girare spietatamente intorno - e in tondo - alla famiglia Buendía. Fino al punto di non ritorno.

    "In quella Macondo dimenticata [...] reclusi dalla solitudine e dall'amore e dalla solitudine dell'amore."

    ha scritto il 

  • 5

    Questo è il romanzo per eccellenza che ti fa viaggiare con la fantasia e nella fantasia in una realtà più vera del vero. E' ciò che un maestro come Gabo riesce a trasmettere. E tu ti chiedi dove puoi ...continua

    Questo è il romanzo per eccellenza che ti fa viaggiare con la fantasia e nella fantasia in una realtà più vera del vero. E' ciò che un maestro come Gabo riesce a trasmettere. E tu ti chiedi dove puoi prenotare un viaggio per Macondo...

    ha scritto il 

  • 5

    L'ho iniziato dopo pranzo e nel pomeriggio non ho studiato per l'esame, non sono usccita con gli amici, ho cenato con un pezzo di pane, non mi sono addormentata finhè non l'ho concluso. Questo la prim ...continua

    L'ho iniziato dopo pranzo e nel pomeriggio non ho studiato per l'esame, non sono usccita con gli amici, ho cenato con un pezzo di pane, non mi sono addormentata finhè non l'ho concluso. Questo la prima volta. La seconda volta l'ho gustato più lentamente. Ci torno spesso a Macondo.

    ha scritto il 

  • 3

    Mah. Mille anni fa lo lessi appena uscì, e mi piacque da morire la narrazione lussureggiante di cui si percepivano fisicamente odori e sapori; per cui molti anni dopo, non ritrovandomelo in casa e des ...continua

    Mah. Mille anni fa lo lessi appena uscì, e mi piacque da morire la narrazione lussureggiante di cui si percepivano fisicamente odori e sapori; per cui molti anni dopo, non ritrovandomelo in casa e desiderando riprovare quell'ebbrezza, l'ho ricomprato. Non sono riuscita ad arrivare oltre pagina 7.
    Evidentemente, non è un libro per vecchi.
    Le tre stelline sono una media del mio entusiasmo giovanile con la rottura di scatole della terza età.

    ha scritto il 

  • 5

    "Cosa vuole," mormorò "il tempo passa." "Così è," disse Ursula "ma non tanto."

    Un libro straordinario, da Nobel per la letteratura senz'altro.

    A un certo punto il senso del ripetersi del tempo è tale, come dice Ursula, che pensi che la famiglia Buendìa non debba finire mai. ...continua

    Un libro straordinario, da Nobel per la letteratura senz'altro.

    A un certo punto il senso del ripetersi del tempo è tale, come dice Ursula, che pensi che la famiglia Buendìa non debba finire mai.

    ha scritto il 

  • 4

    E niente; la penna di Marquez come fosse una telecamera: si sposta con cura tra i personaggi seguendo prima uno, poi un altro, un altro ancora e così fino alla fine. Là dove il cerchio si chiude e ces ...continua

    E niente; la penna di Marquez come fosse una telecamera: si sposta con cura tra i personaggi seguendo prima uno, poi un altro, un altro ancora e così fino alla fine. Là dove il cerchio si chiude e cessa d'essere infinito.

    ha scritto il 

  • 5

    Cent'anni di...

    ...magia, umanità, vita e morte, realtà, amore, dolore, gioia, tristezza, solitudine. Ho iniziato a leggere questo libro svogliata, pensando che fosse troppo strano, troppo elevato per me e, superate ...continua

    ...magia, umanità, vita e morte, realtà, amore, dolore, gioia, tristezza, solitudine. Ho iniziato a leggere questo libro svogliata, pensando che fosse troppo strano, troppo elevato per me e, superate le prime cinquanta pagine, mi sono fermata. Ho chiuso il libro e mi sono detta che ora c'era bisogno di leggere seriamente, godendomi ogni singola parola, con passione. Mi sono immersa in un modo strano, diverso, in cui la magia fa da padrona insieme alle guerre, alle piogge e alle carestie e ho scoperto che, quel mondo, non è altro che il nostro. L'autore ci conduce a conoscere i Buendìa spiegandoceli uno per uno, con i loro sentimenti, le loro capacità e la loro indole. Ognuno di loro è diverso eppure uguale. Hanno tutti nomi molto simili perché, in fondo, le persone si ripetono negli anni, nei secoli, per sempre. Tutti siamo buoni, tutti siamo cattivi, tutti siamo puri e lussuriosi, tutti amiamo e odiamo. Siamo tutti uomini. Così, in un susseguirsi di vita e di morte, Marquez ci spiega come funziona la vita, che siamo tutti soli, eppure tutti accomunati dalle stesse caratteristiche.
    Se consiglio cent'anni di solitudine? A chi è pronto per scoprire il segreto della vita, lo consiglio di certo!

    ha scritto il 

Ordina per