Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Cent'anni di solitudine

Di

Editore: Mondadori

4.4
(24074)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 382 | Formato: Copertina morbida e spillati | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Chi tradizionale , Chi semplificata , Spagnolo , Portoghese , Francese , Tedesco , Giapponese , Olandese , Svedese , Catalano , Lettone , Polacco , Turco , Greco , Croato , Ungherese , Norvegese , Finlandese , Danese , Ceco , Rumeno

Isbn-10: A000018279 | Data di pubblicazione:  | Edizione 4

Traduttore: Enrico Cicogna

Disponibile anche come: Tascabile economico , Altri , Paperback , Copertina rigida

Genere: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Science Fiction & Fantasy

Ti piace Cent'anni di solitudine?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 5

    "Cosa vuole," mormorò "il tempo passa." "Così è," disse Ursula "ma non tanto."

    Un libro straordinario, da Nobel per la letteratura senz'altro.

    A un certo punto il senso del ripetersi del tempo è tale, come dice Ursula, che pensi che la famiglia Buendìa non debba finire mai. ...continua

    Un libro straordinario, da Nobel per la letteratura senz'altro.

    A un certo punto il senso del ripetersi del tempo è tale, come dice Ursula, che pensi che la famiglia Buendìa non debba finire mai.

    ha scritto il 

  • 4

    E niente; la penna di Marquez come fosse una telecamera: si sposta dolcemente tra i personaggi seguendo prima uno, poi un altro, un altro ancora e così fino alla fine. Là dove il cerchio si chiude e c ...continua

    E niente; la penna di Marquez come fosse una telecamera: si sposta dolcemente tra i personaggi seguendo prima uno, poi un altro, un altro ancora e così fino alla fine. Là dove il cerchio si chiude e cessa d'essere infinito.

    ha scritto il 

  • 5

    Cent'anni di...

    ...magia, umanità, vita e morte, realtà, amore, dolore, gioia, tristezza, solitudine. Ho iniziato a leggere questo libro svogliata, pensando che fosse troppo strano, troppo elevato per me e, superate ...continua

    ...magia, umanità, vita e morte, realtà, amore, dolore, gioia, tristezza, solitudine. Ho iniziato a leggere questo libro svogliata, pensando che fosse troppo strano, troppo elevato per me e, superate le prime cinquanta pagine, mi sono fermata. Ho chiuso il libro e mi sono detta che ora c'era bisogno di leggere seriamente, godendomi ogni singola parola, con passione. Mi sono immersa in un modo strano, diverso, in cui la magia fa da padrona insieme alle guerre, alle piogge e alle carestie e ho scoperto che, quel mondo, non è altro che il nostro. L'autore ci conduce a conoscere i Buendìa spiegandoceli uno per uno, con i loro sentimenti, le loro capacità e la loro indole. Ognuno di loro è diverso eppure uguale. Hanno tutti nomi molto simili perché, in fondo, le persone si ripetono negli anni, nei secoli, per sempre. Tutti siamo buoni, tutti siamo cattivi, tutti siamo puri e lussuriosi, tutti amiamo e odiamo. Siamo tutti uomini. Così, in un susseguirsi di vita e di morte, Marquez ci spiega come funziona la vita, che siamo tutti soli, eppure tutti accomunati dalle stesse caratteristiche.
    Se consiglio cent'anni di solitudine? A chi è pronto per scoprire il segreto della vita, lo consiglio di certo!

    ha scritto il 

  • 4

    È pressoché impossibile riassumere la trama di questo libro. Non perché il libro sia particolarmente lungo, ma se vogliamo considerare il ritmo della storia adottato da Marquez, possiamo sicuramente a ...continua

    È pressoché impossibile riassumere la trama di questo libro. Non perché il libro sia particolarmente lungo, ma se vogliamo considerare il ritmo della storia adottato da Marquez, possiamo sicuramente affermare che la narrazione è un lunghissimo sommario di una storia durata più di un secolo e sei generazioni. È la storia di una famiglia sudamericana e dei suoi membri, così tanti, ma così soli. È in parte la storia del mondo poiché vede sullo sfondo il susseguirsi degli sviluppi della società moderna: prima il treno, poi il telefono, il cinema e così via.
    In questo commento non parlerò della trama, ma commenterò questo libro per spingere coloro che non l’hanno mai letto farlo e coloro che lo hanno letto a ragionare sul significato profondo e sulle allegorie che l’autore nasconde nella storia.
    Marquez affronta un’analisi della società molto profonda, concentrandosi sulla descrizione della solitudine dell’uomo, della sua avidità e della lussuria, della forza e della debolezza, della prepotenza, dell’umiltà, dell’ignoranza, della conoscenza, della diversità. E dove possiamo vedere tutto questo? Nel carattere dei personaggi. Sta al lettore interpretare ogni personalità a modo proprio, riconoscercisi e rifletterci.

    ha scritto il 

  • 5

    Non scriverò la trama del libro perchè la si può trovare ovunque.Posso dire che è un libro che andrebbe letto tutto d'un fiato,un libro che tiene sospesi fra la realtà e la fantasia in un continuo gio ...continua

    Non scriverò la trama del libro perchè la si può trovare ovunque.Posso dire che è un libro che andrebbe letto tutto d'un fiato,un libro che tiene sospesi fra la realtà e la fantasia in un continuo gioco di spazio tempo.Capisco perchè non hanno fatto un film tratto da quest'opera,chi avrebbe il coraggio di tradurre in immagini una poesia!?

    ha scritto il 

  • 4

    Cent'anni di solitudine di Gabriel Garcia Marquez

    Libro del Mese di Giugno 2014

    SINOSSI
    E' la storia centenaria della famiglia Buendia e della città di Macondo. In un intreccio di vicende favolose, secondo il disegno premonitorio tracciato nelle perg ...continua

    Libro del Mese di Giugno 2014

    SINOSSI
    E' la storia centenaria della famiglia Buendia e della città di Macondo. In un intreccio di vicende favolose, secondo il disegno premonitorio tracciato nelle pergamene di un indovino, Melquiades, si compie il destino della città dal momento della sua fondazione alla sua momentanea e disordinata fortuna, quando i nordamericani vi impiantarono una piantagione di banane, fino alla sua rovina e definitiva decadenza. La parabola della famiglia segue la parabola di solitudine e di sconfitta che sta scritta nel destino di Macondo, facendo perno sulle 23 guerre civili promosse e tutte perdute dal colonnello Aureliano, padre di 17 figli illeggittimi e descrivendo in una successione paradossale le vicende e le morti dei vari Buendia.

    RECENSIONE
    "Cent'anni di solitudine" non ha certo bisogno di presentazioni: scritto dal Premio Nobel Gabriel Garcia Màrquez, è la sua opera più celebre ed una pietra miliare della letteratura del Novecento.
    Sei generazioni della famiglia Buendia si susseguono lungo il romanzo: sempre dagli stessi nomi e dallo stesso destino segnate. Una saga familiare fatta di uomini, ma anche - in fin dei conti, soprattutto - di donne, che trova la sua essenza nella sua stessa ambientazione, l'immaginaria città di Macondo, fondata proprio dai Buendia e metafora della situazione sudamericana e dell'umanità tutta.
    Potrebbe essere complicato districarsi tra i vari José Arcadio e gli Aureliano, ma è proprio questa ripetitività dei nomi a contribuire al senso di circolarità del romanzo, del destino, della vita. Così come potrebbe essere difficile seguire una narrazione molto veloce e tanto povera di dialoghi quanto densa di personaggi, eventi e suggestioni, non fosse per la prosa eccezionale e lo stile evocativo eppure pulito di Garcia Màrquez.
    "Cent'anni di solitudine" è un romanzo poetico e malinconico, in cui sogno, soprannaturale e realtà vengono sapientemente mescolati tra loro. Un romanzo che accompagna il lettore a Macondo, lo fa vivere insieme alla famiglia Buendia per un secolo e gli fa scoprire una verità universale: la solitudine dell'uomo, intrinseca in lui ed ineluttabile, in qualsiasi tempo ed in qualsiasi luogo.

    RECENSIONE A CURA DI ZIABETTY

    Passa a trovarci!!
    www.ilclubdellibro.it

    ha scritto il 

  • 5

    increíble

    Se ha convertido en mi libro favorito. Al principio no lo entendía, hicieron falta 75 páginas hasta que empezó a engancharme. Y a partir de ahí no podía parar de leer.
    Este libro tiene todo lo que una ...continua

    Se ha convertido en mi libro favorito. Al principio no lo entendía, hicieron falta 75 páginas hasta que empezó a engancharme. Y a partir de ahí no podía parar de leer.
    Este libro tiene todo lo que una novela debe tener: está escrito con un estilo exquisito, la historia es perfectamente genial, me hizo sentir y, sobre todo, me hizo pensar.
    La gente suele decir en sus reseñas que pese a las innumerables muertes no es un libro triste. Yo creo que es tristísimo: trata del olvido, la muerte, y, sobre todo, la soledad. Naces solo, mueres solo, pero también vives solo. Y lo único que puede salvarte es el amor.

    ha scritto il 

  • 5

    Del generale che fondeva l'oro

    Ho iniziato ad inserire la mia libreria proprio da qui, perchè, si tratta di uno dei miei libri preferiti. Non posso dire che si tratti del primo libro di Gabriel Garcia Marquez che ho letto, perchè n ...continua

    Ho iniziato ad inserire la mia libreria proprio da qui, perchè, si tratta di uno dei miei libri preferiti. Non posso dire che si tratti del primo libro di Gabriel Garcia Marquez che ho letto, perchè non sarebbe vero e soprattutto perchè per arrivare qui avevo percorso parecchi suoi libri. Ho amato ed amo la sua scrittura, da così tanto tempo, che a volte mi sento addirittura cambiata dalle sue parole. Macondo, per le settimane in cui leggevo questo libro è stata casa mia, ed a volte mi trovo a ritornarvici alla ricerca di qualche consiglio. L'immagine che più mi è rimasta impressa nel corso del tempo, è quella di Aureliano, uomo sconfitto più da se stesso che dalla vita che, non economicamente,continuava a realizzare pesciolini in oro per poi fondere le monete che guadagnava nella rivendita. E' l'immagine cardine del mio ricordo, ed è la parte di questo libro che porto con me ogni giorno. Credo sia un libro che vada riletto nel corso degli anni, perchè crescendo i punti di vista cambiano e si può raggiungere una diversa comprensione.

    ha scritto il 

Ordina per