Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Cent'anni di solitudine

By Gabriel Garcia Marquez

(202)

| Paperback

Like Cent'anni di solitudine ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

2426 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    "Figlio mio, a me basterebbe essere sicuro che tu e io esistiamo in questo momento".
    A un certo punto ha iniziato a mettermi ansia.
    Ma in spagnolo esistono altri nomi maschili oltre a Josè, Arcadio e Aureliano con tutte le loro possibili combinazioni ...(continue)

    "Figlio mio, a me basterebbe essere sicuro che tu e io esistiamo in questo momento".
    A un certo punto ha iniziato a mettermi ansia.
    Ma in spagnolo esistono altri nomi maschili oltre a Josè, Arcadio e Aureliano con tutte le loro possibili combinazioni?

    Is this helpful?

    Sirycyae said on Oct 22, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Non è il punto finale che determina questa storia

    Tipico romanzo sudamericano, sinceramente non mi ha entusiasmato.
    Molto leggero, un romanzo di compagnia, a volte anche travolgente.
    Ho letto furiosamente le pagine finali per sapere come sarebbe finita la storia ma sono rimasta un po' così, a bocca ...(continue)

    Tipico romanzo sudamericano, sinceramente non mi ha entusiasmato.
    Molto leggero, un romanzo di compagnia, a volte anche travolgente.
    Ho letto furiosamente le pagine finali per sapere come sarebbe finita la storia ma sono rimasta un po' così, a bocca asciutta.
    Non è il punto finale che determina questa storia, come si evince dalle vicissitudini della famiglia Buendia,
    Inoltre devo ammettere che non ho mai perso il filo del racconto, sebbene i nomi dei personaggi maschili si somigliassero tutti (Aureliano-Arcadio).

    Is this helpful?

    Eugeniafarte said on Oct 16, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Aburrido

    Quizás sea por que cuando lo leí era muy jovencita, pero este libro no me gustó nada. Se me hizo tedioso y muy pesado. No le encontraba ningún sentido a la historia, ni una trama argumental fija con suficiente "chicha" como para engancharme.

    Is this helpful?

    Reah 29 said on Oct 16, 2014 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    Mi regalarono questo libro che ero poco più che adolescente. L'ho riletto qualche anno fa. Ogni volta me ne innamoro, trovandoci rivelazioni altre volte nascoste. Favola, storia, metafora, poesia, o tutt'uno, è il racconto di un uomo, della sua famig ...(continue)

    Mi regalarono questo libro che ero poco più che adolescente. L'ho riletto qualche anno fa. Ogni volta me ne innamoro, trovandoci rivelazioni altre volte nascoste. Favola, storia, metafora, poesia, o tutt'uno, è il racconto di un uomo, della sua famiglia, della possibilità che si ha, se si ha volontà, di costruire il proprio mondo, il proprio Macondo.
    Con una mano sul cuore. A Marquez! Perché ci sono Uomini che segnano il tempo, evolvendolo in sogno con le loro parole.
    Nel link, un pezzo su Remedios la bella.
    http://germogliare.wordpress.com/2011/08/19/in-un-certo…

    Is this helpful?

    Agara said on Oct 5, 2014 | 1 feedback

  • 1 person finds this helpful

    Recensione su http://bookshelf54.blogspot.it/2014/08/gabriel-garcia-marquez-centanni-di.html

    Is this helpful?

    Hella said on Sep 28, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    «Non c’erano misteri nel cuore di un Buendía che le fossero impenetrabili, perché un secolo di cartomanzia e di esperienza le aveva insegnato che la storia della famiglia era un ingranaggio di ripetizioni irreparabili, una ruota giratoria che avre ...(continue)

    «Non c’erano misteri nel cuore di un Buendía che le fossero impenetrabili, perché un secolo di cartomanzia e di esperienza le aveva insegnato che la storia della famiglia era un ingranaggio di ripetizioni irreparabili, una ruota giratoria che avrebbe continuato a ronzare fino all’eternità, se non fosse stato per il logorio progressivo e irrimediabile dell’asse.»

    Cent’anni di solitudine possiede il raro talento (una formula alchemica, si teme, perduta per sempre) di scoraggiare ogni imbrigliamento teorico/descrittivo, riducendo qualsiasi abbozzo di sintesi a uno sciupio di incantesimo. Individuare linee di continuità e di frattura nel destino dei personaggi, incasellarli nel loro quadratino genealogico, regolarizzare, imbrigliare possono sembrare allettanti ai più, perché pongono una pezza al disordine e rassicurano il nostro animo neoclassico. Tuttavia nell’atto di ordinare si smarrisce quella melodiosità che solo è figlia del caos e del lavorio ininterrotto di mille piccoli rumori fastidiosissimi, di mille splendide interferenze, di mille metafore crocchianti come biscotti e crude come agonie. Una melodiosità da ballata, fatta di strofe e ritornelli, piena di svolte inaspettate e di avvitamenti ciclici che riportano al tempo di partenza, un tempo bloccato, presente tutto assieme, dove parlare di piani temporali è semplicemente assurdo. Una ballata o una profezia (che poi è il libro stesso, stando alle carte di Melquíades).
    Polveroso, apocalittico, grottesco, infinitamente triste, a tratti buffo, a tratti insensatamente crudele, lascia in cuore la stessa solitudine che è il sigillo apposto su Macondo e sui Buendía, nessuno escluso. Si capisce che siamo Buendía tutti.

    Is this helpful?

    Chiara Pagliochini said on Sep 24, 2014 | Add your feedback

Improve_data of this book