Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Cento anni di psicoterapia e il mondo va sempre peggio

Di ,

Editore: Garzanti Libri

3.9
(56)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 272 | Formato: Altri | In altre lingue: (altre lingue) Inglese

Isbn-10: 881173827X | Isbn-13: 9788811738275 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: P. Donfrancesco

Genere: Social Science

Ti piace Cento anni di psicoterapia e il mondo va sempre peggio?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 4

    C'è bisogno di teorie che muovano la mente, come può fare l'arte, non di teorie che sistemino la mente.
    Lo scopo non è che la vita guarisca, o che diventi normale, e nemmeno che cessino le sue sofferenze, ma che la vita diventi più se stessa, che sia più onesta, sia più fedele al suo demone. ...continua

    C'è bisogno di teorie che muovano la mente, come può fare l'arte, non di teorie che sistemino la mente. Lo scopo non è che la vita guarisca, o che diventi normale, e nemmeno che cessino le sue sofferenze, ma che la vita diventi più se stessa, che sia più onesta, sia più fedele al suo demone.

    ha scritto il 

  • 4

    Genialità e contraddizioni

    Stimo Hillman, ma non si può non rilevare la strana posizione in cui si è messo da solo denunciando l'inutilità della psiconalisi, continuando al contempo ad esercitare. Forse si può dire che Hillman onestamente riconosce quanto poco la psicoanalisi possa contribuire ad arrestare il crescente ma ...continua

    Stimo Hillman, ma non si può non rilevare la strana posizione in cui si è messo da solo denunciando l'inutilità della psiconalisi, continuando al contempo ad esercitare. Forse si può dire che Hillman onestamente riconosce quanto poco la psicoanalisi possa contribuire ad arrestare il crescente malessere che la modernità ha portato con sé, pur cercando di continuare a lenire, con i propri mezzi dialogici, la sofferenza dei singoli che si rivolgono a lui.

    ha scritto il 

  • 5

    Che bel libro! Il titolo non gli rende giustizia. Un dialogo per corrispondenza fra uno dei più grandi psicanalisti del Novecento e un giornalista di grande perspicacia e sensibilità.
    Cos'è oggi la psicoterapia? Che funzione assolve all'interno di questa società schizofrenica, materialista e ...continua

    Che bel libro! Il titolo non gli rende giustizia. Un dialogo per corrispondenza fra uno dei più grandi psicanalisti del Novecento e un giornalista di grande perspicacia e sensibilità.
    Cos'è oggi la psicoterapia? Che funzione assolve all'interno di questa società schizofrenica, materialista e disincantata?
    La psicoterapia è uno strumento che dovrebbe risolvere i problemi degli individui "da dentro".. e se ci stessimo sbagliando?! Se la psicanalisi e tutte le scienze affini stessero guardando le cose da una prospettiva parziale?!
    Prima che dentro è là fuori che dobbiamo guardare, sostiene Hillmann, perchè l'anima è nel mondo.. perchè l'anima di ognuno è un pezzo di mondo.
    Questo è un libro che, pur scritto in forma colloquiale o forse proprio per quello, non può lasciare indifferenti.
    “Tutti i proverbi secondo i quali l’assenza rende il cuore più ardente dicono qualcosa di vero riguardo al bisogno che ha il cuore di sprofondare nei propri recessi, per cercare i pensieri da tradurre in parole che in presenza dell’altro non vengono alle labbra”
    James Hillmann
    Giù il cappello signori..

    ha scritto il