Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Cento anni prima

Il Giallo Mondadori n. 2503

Di

Editore: Mondadori

3.7
(18)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 220 | Formato: Tascabile economico

Isbn-10: A000153606 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Igor Longo

Genere: Mystery & Thrillers

Ti piace Cento anni prima?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
LE OMBRE DI UN OSCURO PASSATO SI ESTENDONO SULLE IMPRESE DI UN ASSASSINO DI OGGI
John Braid è un uomo solitario e introverso, sempre perso in misteriose meditazioni. Anche la moglie ignora quasi tutto della sua vita, tanto che si decide a farlo seguire da un investigatore privato. Ma qual è il segreto dell'uomo e perché la sola vista di una fotografia della Londra vittoriana lo fa cadere in stato di shock? Un romanzo sorprendente e affascinante che sfiora la porta proibita del soprannaturale.
Ordina per
  • 4

    L’occhio è un organo che ha la detestabile abitudine di trarre conclusioni affrettate.

    Vi è mai capitato di provare una forte emozione, di quelle che vi bruciano la gola, e la vista vi si appanna e vi sentite straniti come se aveste la pelle d’oca? Può essere la paura, o la tristezza, o la disperazione. Persino la felicità, in quei rari momenti di intensa gioia che vi intorpidis ...continua

    Vi è mai capitato di provare una forte emozione, di quelle che vi bruciano la gola, e la vista vi si appanna e vi sentite straniti come se aveste la pelle d’oca? Può essere la paura, o la tristezza, o la disperazione. Persino la felicità, in quei rari momenti di intensa gioia che vi intorpidiscono le membra e la mente. O la scomparsa di una persona cara, che vi colpisce al plesso, mentre vi ripetete: “Manca un solo essere umano e tutto il mondo è deserto”. O la vampata di calore che assale il colpevole quando viene scoperto. Certo vi è capitato, a voi come a tutti. Almeno una volta nella vita.

    Non conoscevo Halter, l’ho scoperto per una sfida ed è stata una bella sorpresa. Un autore moderno abile a creare atmosfere degne del miglior giallo classico e con un gran talento per gli enigmi della camera chiusa. Nel libro si alternano passato e presente che in modo assurdo sembrano essere in qualche modo collegati. Mistero e suspense sono abilmente alimentati da una trama avvincente e uno stile molto coinvolgente.

    ha scritto il 

  • 5

    Mes compliments, Monsieur Halter!

    Sembra incredibile. Eppure è vero. L'ho iniziato in una calma domenica pomeriggio, leggendone più di metà, e ha infestato la mia notte agitandomi. E' il primo libro che entra in maniera così inquietante e prepotente nella mia vita reale, trasferendo gli incubi dalla carta stampata direttamente al ...continua

    Sembra incredibile. Eppure è vero. L'ho iniziato in una calma domenica pomeriggio, leggendone più di metà, e ha infestato la mia notte agitandomi. E' il primo libro che entra in maniera così inquietante e prepotente nella mia vita reale, trasferendo gli incubi dalla carta stampata direttamente alla mia mente.
    Mi sono avvicinata a Paul Halter, un po' spinta dal mio attuale interesse nei confronti del giallo classico, un po' incuriosita dal fatto che tale autore francese contemporaneo venisse spesso citato come erede del grande John Dickson Carr...ed è stata una totale folgorazione!
    Il consiglio di un amico anobiano ha dato il via alla caccia al libro, la trama mi ha stuzzicata, la splendida copertina (con quel carro in mezzo a una strada insanguinata sullo sfondo di una fumosa Londra vittoriana) mi ha chiamata a sè, ma la storia, la storia in sè mi ha completamente affascinata. E mi ha regalato delle vere ore di paura.
    Anni 1960. John Braid è un uomo strano e taciturno e tutti, perfino la moglie, ignorano chi sia veramente e quale sia la sua professione. Quando l'uomo cade in stato di shock alla vista della copertina di un romanzo che ritrare la Londra vittoriana decide di sottoporsi a sedute d'ipnosi durante le quali svelerà a poco poco i particolari di un passato confuso e di un delitto inquietante. Nel frattempo, in città, un astuto assassino si diverte a bruciare le sue vittime nell'acido.
    Anni 1880 circa. Amelia Jacobs, nobildonna borghese e madre di famiglia, viene assassinata da tre balordi di notte nel cortile di casa sua. Poco dopo, l'indovino che le aveva predetto tale sventura, viene a sua volta rinvenuto pugnalato, all'interno del suo studio, chiuso dall'interno e senza vie di fuga. L'assassino si nasconde fre le vie nebbiose della Londra vittoriana, ma chi è? E perchè ha ucciso?
    Questi due binari temporali, che si alternano nei paragrafi del libro, col proseguire della lettura, dimostreranno sempre più inquietanti somiglianze, fino all'impensabile soluzione finale. Soluzione che, dopo aver strizzato l'occhio al soprannaturale, sarà logica e naturale come da miglior tradizione di giallo classico, e addirittura oserà interessanti riflessioni sui mondi della psicologia e della scrittura, dimostrando al lettore il talento e la genialità di Paul Halter. Un autore che riprende lo schema del giallo classico e gli aggiunge, in ritmo e tematiche, qualcosa del thriller contemporaneo, in una suggestiva commistione fra il fascino dell'ieri e la complessità dell'oggi.
    Mes compliments Monsieur Halter...ha scritto proprio ciò che cerco in un libro di questo genere e mi ha fatto una paura tale che non la dimenticherò così in fretta!

    ha scritto il