Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Cercando Alaska

Chi sei? Chi eri? Perché te ne sei andata?

By John Green

(377)

| Paperback | 9788846210531

Like Cercando Alaska ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Miles Halter ha sedici anni e sente di non aver ancora veramente vissuto. Assetato di esperienze lascia il tranquillo nido familiare per cercare il suo Grande Forse a Cuvler Creek, un prestigioso liceo in Alabama. E qui la sua vita prenderà finalment Continue

Miles Halter ha sedici anni e sente di non aver ancora veramente vissuto. Assetato di esperienze lascia il tranquillo nido familiare per cercare il suo Grande Forse a Cuvler Creek, un prestigioso liceo in Alabama. E qui la sua vita prenderà finalmente un altro passo. Culver Creek sarà il luogo di tutte le cose possibili. E di tutte le prime volte. E' lì che conosce Alaska Young. Brillante, spiritora, imprevedibile, intelligente e spavalda, sexy quanto lo si può essere, per Miles diventa un pensiero fisso, una magnifica ossessione e un enigma. Lei lo attira nel suo mondo, lo lancia nel Grande Forse, e gli ruba il cuore. Poi... niente sarà più come prima. La vita esplode in questo romanzo, forte e delicato allo stesso tempo, che ci diverte e un attimo dopo ci commuove, e che vorremmo non finisse mai.

262 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    *** This comment contains spoilers! ***

    Troppo adolescenziale e poco costruttivo

    Questo è il secondo romanzo di Green che leggo e che ancora mi lascia un retrogusto amaro in bocca. L'impostazione della storia così come il suo lessico la fanno apparire quasi come fuoriuscita dal diario di un adolescente che racconta giorno per gio ...(continue)

    Questo è il secondo romanzo di Green che leggo e che ancora mi lascia un retrogusto amaro in bocca. L'impostazione della storia così come il suo lessico la fanno apparire quasi come fuoriuscita dal diario di un adolescente che racconta giorno per giorno le sue avventure scolastiche in compagnia dei suoi amici. La crescita in termini di profondità psicologica del protagonista sicuramente si sente al termine della lettura rispetto alle prime pagine tuttavia trovo comunque abbastanza piatto il modo in cui alla fine si tirano le somme, molte volte non si fa altro che ripetere di continuo gli stessi schemi e per l'ennesima volta serve l'intervento di un evento tragico per rendere più appetibili i personaggi. La stessa Alaska tanto decanta nel libro come personaggio affascinante e misterioso altro non è che una ragazza profondamente turbata da un'evento della sua infanzia che ancora oggi la tormenta a mio parere senza un ragione giustificabile. L'autore la usa come elemento conduttore degli eventi data la sua personalità particolarmente marcata, quasi tutto inizia e termina con lei tanto che la storia si conclude quasi in concomitanza della sua dipartita (che giustamente non era evitabile? questa voglia di aggiungere drammaticità da parte di Green nei momenti meno opportuni mi da sui nervi). Non si può puntare tutto l'equilibrio di un romanzo su un personaggio così instabile sotto diversi punti di vista e penso che questo sia stato un errore abbastanza grave.

    Is this helpful?

    hermès said on Sep 18, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Decolla

    All'inizio ero un po' infastidita nel procedere con la lettura, mi sembrava il classico romanzo leggero per adolescenti (niente da dire, ma io l'adolescenza l'ho superata da tanto tempo, almeno anagraficamente) ma poi, a metà libro, non riuscivo più ...(continue)

    All'inizio ero un po' infastidita nel procedere con la lettura, mi sembrava il classico romanzo leggero per adolescenti (niente da dire, ma io l'adolescenza l'ho superata da tanto tempo, almeno anagraficamente) ma poi, a metà libro, non riuscivo più a posarlo, dovevo procedere, capire cosa succedeva, anche se in parte l'ho intuito. Personaggi ben delineati, in particolare Alaska, che avrei tanto voluto conoscere, nella mia vita, a costo di fumare a più non posso e prendersi mille sbronze.

    Is this helpful?

    freckles said on Sep 18, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    John Green non sbaglia un colpo ed anche con questo libro va in buca. Bellissimo il personaggio di Alaska, caratterizzato bene in tutte le sue contraddizioni, difetti e pregi. È impossibile non innamorarsi di lei.

    Is this helpful?

    Ma le stelle quante sono. said on Sep 16, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    “Dobbiamo essere presenti in ogni istante della nostra vita, presenti fino in fondo.”

    “Passi la vita inchiodato nel labirinto, pensando al modo in cui un giorno ne uscirai, e a come sarà fantastico, e immagini che il futuro ti trascinerà pian piano fuori di lì, ma non succede. È solo usare il futuro per sfuggire al presente.”

    Lo zio ...(continue)

    “Passi la vita inchiodato nel labirinto, pensando al modo in cui un giorno ne uscirai, e a come sarà fantastico, e immagini che il futuro ti trascinerà pian piano fuori di lì, ma non succede. È solo usare il futuro per sfuggire al presente.”

    Lo zio John colpisce ancora: dopo aver letto tre dei suoi libri, non riesco a capacitarmi della sua bravura nel descrivere i problemi che caratterizzano la nostra società, in particolare gli adolescenti, in poche e semplici parole che hanno il potere di rimanere incise nel cuore.

    Is this helpful?

    Fearless said on Sep 15, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Sicuramente non è paragonabile a "colpa delle stelle". Però lo stile di Green si sente eccome! E' difficile non affezionarsi ai personaggi, unici!!

    Is this helpful?

    (=Sabry=) said on Sep 14, 2014 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book