Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Cervello

Di

Editore: Fabbri

3.5
(137)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 255 | Formato: Copertina rigida

Isbn-10: A000054804 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Altri , Tascabile economico

Genere: Fiction & Literature , Mystery & Thrillers , Science Fiction & Fantasy

Ti piace Cervello?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 0

    Il protagonista di questo romanzo, il medico Martin Philips, scopre che nel centro medico in cui lavora, giovani donne con pap test anomali, ricoverate per accertamenti, manifestano sintomi di ...continua

    Il protagonista di questo romanzo, il medico Martin Philips, scopre che nel centro medico in cui lavora, giovani donne con pap test anomali, ricoverate per accertamenti, manifestano sintomi di lesioni cerebrali e muoiono. Nell'obitorio dell'ospedale, Martin ha la sconcertante rivelazione che nelle scatole craniche dei cadaveri il cervello non c'è più. Per porre fine a un simile obbrobrio si trova a rischiare molto di più di una promettente carriera. Anche la vita.

    ha scritto il 

  • 2

    Sono solo a pagina 35 e già spero che il protagonista muoia. Non partiamo molto bene.

    Edit di fine lettura: protagonisti insopportabili, pov irritante, caruccio il colpo di scena alla fine ma son ...continua

    Sono solo a pagina 35 e già spero che il protagonista muoia. Non partiamo molto bene.

    Edit di fine lettura: protagonisti insopportabili, pov irritante, caruccio il colpo di scena alla fine ma son rimasta con molti "meh". Comunque si lascia leggere e un briciolo di curiosità riguardo alle ragazze c'è.

    ha scritto il 

  • 4

    Un buon romanzo di Cook. Dalle parole e dalla trama del romanzo non può non risultare evidente che lo scrittore sia un medico. Un medical thriller che si legge velocemente e con piacere.

    ha scritto il 

  • 5

    Probabilmente sono di parte in quanto medico, ma soprattutto per il finale "atipico" e per i ragionamenti che fa sorgere (pur trattandosi di un libro vecchio di 30 anni!) questo libro è stupendo. ...continua

    Probabilmente sono di parte in quanto medico, ma soprattutto per il finale "atipico" e per i ragionamenti che fa sorgere (pur trattandosi di un libro vecchio di 30 anni!) questo libro è stupendo.

    ha scritto il 

  • 4

    Il libro è stato scritto negli anni '80. Oggi è un po' datato nei contenuti scientifici; tuttavia è suggestivo e, in qualche modo, più profondo di quanto appare, per essere un thriller. Il vero ...continua

    Il libro è stato scritto negli anni '80. Oggi è un po' datato nei contenuti scientifici; tuttavia è suggestivo e, in qualche modo, più profondo di quanto appare, per essere un thriller. Il vero valore del racconto, secondo me, sta tutto nelle riflessioni etiche finali, che riguardano la sperimentazione scientifica su umani e animali. Complessivamente sono stata soddisfatta.

    ha scritto il 

  • 5

    Avvincente

    E' un libro che riesce ad attirare molto l'attenzione del lettore. Cook sa essere diretto e sa creare il giusto pathos. Un libro avvincente come pochi nel suo genere. Consigliato.

    ha scritto il 

  • 4

    Uno dei pochi libri dove alla fine mi sono commosso...che dire, in ogni sua opera, Robin Cook mi sorprende sempre più e stavolta sono arrivato veramente fino alle ultime pagine senza intuire chi ...continua

    Uno dei pochi libri dove alla fine mi sono commosso...che dire, in ogni sua opera, Robin Cook mi sorprende sempre più e stavolta sono arrivato veramente fino alle ultime pagine senza intuire chi c'era dietro tutta questa storia terrificante. Leggere alla fine del libro la nota dell'autore e la bibliografia è stato agghiacciante quasi quanto il romanzo. Due cose da far notare però le avrei: la prima è per il traduttore, "i TAC" si sarebbe dovuto tradurre "le TAC". La seconda è invece per Robin: è vero che bisogna spiegare alla gente le cose basilari della medicina ma non avrei fatto fare la figura dell'ignorante al dott. Martin Philips che non conosceva la colposcopia e il desossi-glucosio radioattivo!

    ha scritto il