Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Chanel

Una vita da favola

Di

Editore: Mondadori

3.4
(186)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 228 | Formato: Altri

Isbn-10: 8804583738 | Isbn-13: 9788804583738 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Genere: Biography , Non-fiction

Ti piace Chanel?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Una vita, quella di Coco, di Gabrielle, in cui Signorini si insinua con abilità e garbo, fino a coglierne tratti umorali, sentimenti profondi, creatività travolgente --- Quella Coco Chanel che il mondo eleggerà regina del gusto, musa della bellezza, consacrata da successi assoluti, è la protagonista di un’epopea drammatica che vince e lotta contro le brutalità di un mondo, di un secolo. Curiosità innata, paura divorante che t’insegue, ti fa correre. Un desiderio di grazia e bellezza capaci di sanare un’infanzia e un’adolescenza sfigurate dalla tristezza.
Ordina per
  • 3

    piacevole

    Ho preso questo libro x caso e alla fine sono stata contenta della lettura
    Descrive la vita di Coco Chanel in modo molto romanzato.
    Purtroppo non ho idea se sia veritiero o totalmente inventato
    personalmente l'ho trovato piacevolmente interessante anche se non mi ha entusiasmato molto il modo in ...continua

    Ho preso questo libro x caso e alla fine sono stata contenta della lettura Descrive la vita di Coco Chanel in modo molto romanzato. Purtroppo non ho idea se sia veritiero o totalmente inventato personalmente l'ho trovato piacevolmente interessante anche se non mi ha entusiasmato molto il modo in cui è scritto

    ha scritto il 

  • 2

    CHANEL. Una vita da favola

    Coco Chanel. Regina della moda dall’intramontabile stile e dal talento straordinario unito ad una risoluta ambizione e ad un’innata creatività, è stata la protagonista indiscussa di innovativi cambiamenti al passo con le mutate esigenze delle donne, regalando loro una grande libertà di movimento ...continua

    Coco Chanel. Regina della moda dall’intramontabile stile e dal talento straordinario unito ad una risoluta ambizione e ad un’innata creatività, è stata la protagonista indiscussa di innovativi cambiamenti al passo con le mutate esigenze delle donne, regalando loro una grande libertà di movimento e d’azione senza mai rinunciare al garbo, all’eleganza e alla femminilità. Alfonso Signorini, in questa biografia romanzata, ci racconta la sua vita artistica e sentimentale piena di drammi, di amori, di passioni, di emozioni affrontate sempre con coraggiosa fierezza e grande dignità. Figlia di un venditore ambulante, donnaiolo e scapestrato, che lascia spesso soli e nell’indigenza la moglie e i figli, Gabrielle ( il vero nome di Coco) perde presto la madre stroncata dalla tisi e viene trasferita, con la sorella Julia, in un orfanotrofio gestito dalle suore. Da qui, trascorsi diversi anni di triste e tormentata solitudine, esce per diventare commessa nella sartoria dell’insopportabile Madame Desboutins. E’ in questo periodo che, durante una delle sue frequentazioni al Cafè Chantant, Gabrielle assapora i primi applausi esibendosi casualmente come cantante in “Chi ha visto Coco al Trocadero” e questo evento fortuito le frutterà il soprannome con cui sarà conosciuta in tutto il mondo. L’abbinamento genialità-fortuna ( perché anche la fortuna ebbe la sua parte nel trovare chi finanziò abbondantemente le sue idee, permettendo la piena realizzazione dei suoi temerari progetti) le consentì di costruire quell’impero economico fonte di una vita trascorsa nell’agiatezza e nel lusso, sempre al centro dell’attenzione e dell’ammirazione per il suo operato e le concesse di vivere quella che fu considerata, forse un po’ superficialmente, “una vita da favola”. Signorini, con fervida immaginazione, traccia il suo percorso mettendone in rilievo gli intimi dispiaceri, vissuti soprattutto nel periodo infantile e adolescenziale, che le ferirono il cuore e i sentimenti. Quel cuore offeso, nascosto sotto la scorza di un carattere apparentemente duro, aspro e severo, continuerà a sanguinare per tutta la vita per ogni amore sbagliato, per l’unico vero amore perduto, per i tanti giovani amori comprati con lussuosi regali. Ma tanto è stata bella, commovente e scorrevole la precedente biografia scritta dall’ autore e dedicata alla vita del famoso soprano Maria Callas (Troppo fiera, troppo fragile. Il romanzo della Callas edita nel 2007),quanto questa spicca per la sua narrazione slegata e frammentaria, strutturata in lunghi paragrafi privi di luoghi e date utili ad una maggiore comprensione degli avvenimenti e con frequenti salti temporali che generano confusione. A causa di una trama inesistente e della mancanza di un filo logico, la scrittura sembra incepparsi e intorpidirsi, diventando monotona e piatta. Interessanti le parti che riguardano l’origine del suo nomignolo, la nascita dei suoi raffinati cappellini, del suo prezioso profumo, il famoso Chanel N. 5, il boom del tubino nero ancora oggi capospalla di ogni guardaroba femminile, la creazione dei suoi celebri tailleurs agevolmente portabili con gonne o pantaloni. Poco o niente viene detto riguardo al suo “modus operandi” lavorativo e di come prendessero forma, consistenza e ispirazione le sue fantasiose illuminazioni ( si intuisce la sua abilità nel disegno ma nulla è dato sapere sull’organizzazione e la struttura mentale e pratica delle sue progettazioni). Troppa superficialità e un eccesso d’inventiva, l’assenza di tanti interessanti aneddoti a lei attribuiti, una maggiore profondità nell’analisi dei suoi sentimenti, la dispersione delle vicende di tanti personaggi comprimari ma non meno importanti di cui non si individuerà nessun epilogo all’interno del romanzo, tolgono briosità allo scritto e poco o nulla aggiungono, in termini di conoscenza, a questa figura di donna straordinaria diventata un’icona di stile senza tempo per le donne ( e non solo) di tutto il mondo.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    1

    Finto

    Sono rimasta senza parole sin dall'inizio. Va bene narrare i fatti, porli come una storia per rendere meno noiosa la storia di una vita, ma inventarsi di sana pianta cose, pensieri e sensazioni di cui non si può aver riscontro è terrificante in una biografia. Un personaggio interessante annichili ...continua

    Sono rimasta senza parole sin dall'inizio. Va bene narrare i fatti, porli come una storia per rendere meno noiosa la storia di una vita, ma inventarsi di sana pianta cose, pensieri e sensazioni di cui non si può aver riscontro è terrificante in una biografia. Un personaggio interessante annichilito dai pasticci pretenziosi dell'autore. Alla masturbazione in dormitorio ho mollato. Ridicolo e fastidioso.

    ha scritto il 

  • 4

    Ero estremamente diffidente nei confronti di Signorini, non mi ha mai dato l'idea di essere valido come scrittore. Invece mi sono ricreduta ancor prima di averlo finito: davvero piacevole e scorrevole

    ha scritto il 

  • 2

    Senza nulla togliere alla vita della grande stilista ho trovato questo libro terribilmente noioso, la prosa e lo stile sono semplicemente inconsistenti, il così così l'ha guadagnato solo perchè dare di meno a chanel non si può..assolutamente sconsigliato

    ha scritto il