Che cos'è il tempo? Che cos'è lo spazio?

Di

Editore: Di Renzo Editore

3.9
(38)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 58 | Formato: Altri | In altre lingue: (altre lingue) Francese

Isbn-10: 8883230825 | Isbn-13: 9788883230820 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Paperback

Genere: Scienza & Natura

Ti piace Che cos'è il tempo? Che cos'è lo spazio??
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
L'autore racconta il proprio percorso umano, intellettuale e scientifico, cheparte dalla ribellione giovanile per continuare in una ricerca scientificasentita come avventura affascinante e come modello di un pensiero aperto alnuovo, che rifiuta regole e dogmi e vuole guardare il mondo "sempre con occhinuovi". Rovelli descrive i risultati recenti della teoria della gravitàquantistica, la teoria che combina relatività generale e meccanicaquantistica, e ci dice che lo spazio è fatto di "grani di spazio" e che il"tempo non esiste"; ci spiega anche perché i buchi neri sono caldi e comestudiare l'inizio dell'Universo.
Ordina per
  • 5

    Che cos'è la divulgazione ?

    Questo testo è perfetto: veloce, sintetico, accattivante.
    Fornisce elementi utili per capire o avvicinarsi a concetti difficili da digerire, ostici ai più. Lo fa senza ricorrere a tecnicismi, che non ...continua

    Questo testo è perfetto: veloce, sintetico, accattivante.
    Fornisce elementi utili per capire o avvicinarsi a concetti difficili da digerire, ostici ai più. Lo fa senza ricorrere a tecnicismi, che non potrebbero essere padroneggiati da un lettore medio, ma senza contemporaneamente banalizzare le questioni.
    Gli inserti sulla biografia dell'autore o sui suoi percorsi decisionali sono utili, proprio per rendere la materia ancora più vicina: è utile inquadrare gli argomenti trattati all'interno delle scelte di vita che opera un addetto ai lavori; li rende meno "inarrivabili", più vivi, non soltanto teorie.
    E infatti, il risultato palpabile è che l'interesse per la materia viene immediatamente innalzato, dopo la lettura.

    ha scritto il 

  • 3

    Ho letto il libro in pochissimo tempo, sia a causa della sua brevità che della piacevole fluidità.
    Una volta iniziato a leggere, appare subito chiaro che quello a cui ci si accinge ad entrare è un 'di ...continua

    Ho letto il libro in pochissimo tempo, sia a causa della sua brevità che della piacevole fluidità.
    Una volta iniziato a leggere, appare subito chiaro che quello a cui ci si accinge ad entrare è un 'dialogo', come preannunciato dalla collana cui il libro appartiene. Ci si trova infatti di fronte non ad un uomo di scienza che vuole mettere in mostra il suo sapere, ma ad un appassionato della conoscenza che vuole mettere a nudo la propria storia.
    Perché rimanga un dialogo, è ovvio che non si possa accettare di impelagarsi né nei dettagli di una biografia né in una meticolosa descrizione della fisica che descrive il fenomeno. Ho apprezzato molto il clima colloquiale in cui si è subito trasportati e che accompagna il lettore fino alla fine del testo. Tra le altre cose, l'autore sembra spesso presagire le domande che il lettore potrebbe fare, ma senza entrare troppo nei dettagli, così da stimolare una forte curiosità e una nuova voglia di sapere, di indagare (e credo che in fondo, fosse proprio questo lo scopo dell'autore stesso). Di fatto il libro è stato per me come uno degli incontri dell'autore con i grandi personaggi che ha conosciuto, un incontro casuale con un argomento che mi era ignoto e che, per quanto affascinante, approfondirò senza dubbio.
    Nonostante sia riuscita a passare una buona mattinata in compagnia di questo libro, devo evidenziare un piccolo disappunto: una volta vissuta l'esperienza di questo grande uomo che si è dimostrato essere l'autore, mi avrebbe fatto piacere poter entrare dentro il significato che tali teorie abbiano per lui. In un certo senso, abbandonare il pragmatismo della vita e cercare di capire se studiare un argomento come la gravità quantistica porti a rivisionare la propria idea di filosofia e di approccio con il mondo. Questo elemento, che aspettavo sin dalla copertina, è sembrato essere appena accennato, sfiorato di striscio, senza donargli il ruolo importante che secondo me avrebbe meritato.
    Complessivamente sono soddisfatta. Consiglierei questo libro a tutti i miei colleghi in Fisica. Penso che per uno studente come me, questo libro possa essere molto interessante. Percorrendo le emozioni dell'autore, si viene spesso incontro alle proprie, alle stesse ambizioni, agli stessi sogni. La passione, accompagnata dalla capacità di non demordere, può essere una spinta grandiosa per perseguire i propri desideri. In questo senso, 'Che cos'è il tempo? Che cos'è lo spazio?' è un piccolo viaggio che chi si appresta ad entrare nel mondo della ricerca dovrebbe affrontare. E più in generale, dovrebbe essere affrontato dalla mia generazione di studenti: per ricordare, a chi lo avesse dimenticato, il desiderio di sapere, spesso perso a causa di brama di potere o di una necessaria corsa per la sopravvivenza che si sovrappone ai propri sogni. In sintesi è un libro della serie 'Aude Sapere', che merita tutta la mia approvazione.

    ha scritto il 

  • 2

    Ho iniziato la lettura con una certa perplessità, visto il titolo piuttosto impegnativo a fronte dell'esiguità del volumetto (meno di 60 pagine), e devo dire che alla fine tale perplessità non si è sc ...continua

    Ho iniziato la lettura con una certa perplessità, visto il titolo piuttosto impegnativo a fronte dell'esiguità del volumetto (meno di 60 pagine), e devo dire che alla fine tale perplessità non si è sciolta, ma semmai è aumentata.
    Fatte salve la invidiabile capacità di sintesi dell'autore e la modestia che lo caratterizza come persona, il libro però si situa in un'area di confine tra la divulgazione e la biografia senza approfondire né l'uno né l'altro aspetto. Rimane così un senso di smarrimento alla fine; un po' come aver osservato da una finestra un ricco banchetto a cui però non si è stati invitati.
    L'aspetto prettamente scientifico resta un po' sullo sfondo, trattato quasi con noncuranza (sia pure in maniera precisa e affascinante), e la teoria sviluppata è lasciata isolata dal contesto scientifico (appena un accenno alla teoria delle stringhe e neppure una citazione sul lavoro di Barbour, per dire).
    La lettura di testi più recenti sull'argomento forse non mi ha fatto apprezzare fino in fondo l'idea alla base di questo libro. La prima edizione del libro è del 2004 e credo sarebbe stata opportuna l'aggiunta di una appendice che aggiornasse sullo stato attuale della fisica teorica, o perlomeno un aggiornamento delle letture consigliate (6 anni non sono pochi in questo campo).

    ha scritto il 

  • 5

    Un librino snello e semplice in cui Rovelli illustra la teoria sua e di Lee Smolin circa la struttura dello spazio tempo e la quantizzazione della gravità. Di facile lettura, a cavallo tra l'autobiogr ...continua

    Un librino snello e semplice in cui Rovelli illustra la teoria sua e di Lee Smolin circa la struttura dello spazio tempo e la quantizzazione della gravità. Di facile lettura, a cavallo tra l'autobiografia e i nuovi concetti sull'Universo.

    ha scritto il 

  • 2

    Più che divulgazione scientifica, una chiacchierata autobiografica

    In questo libretto davvero smilzo l'autore, fisico teorico e uno dei cosiddetti "cervelli all'estero", racconta le sue ricerche sulla natura dello spazio-tempo. Spero di non rovinare la sorpresa a nes ...continua

    In questo libretto davvero smilzo l'autore, fisico teorico e uno dei cosiddetti "cervelli all'estero", racconta le sue ricerche sulla natura dello spazio-tempo. Spero di non rovinare la sorpresa a nessuno se vi dico che secondo la sua "teoria dei loop" (da non confondersi con la più nota teoria delle stringhe) non esiste né spazio né tempo. Ciò detto, devo anche rassicurare il lettore allergico alla matematica: qui di formule e robacce del genere non ne troverà affatto; piuttosto leggerà una specie di rapida autobiografia dove qua e là si parla anche di fisica. Magari la cosa può anche interessare, ma di una divulgazione così all'acqua di rose non me ne faccio molto.

    ha scritto il