Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Che tempo farà

Falsi allarmismi e menzogne sul clima

Di ,

Editore: Piemme

3.5
(13)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: | Formato: Altri

Isbn-10: 8838488037 | Isbn-13: 9788838488030 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1ª ed.

Genere: Non-fiction , Science & Nature , Science Fiction & Fantasy

Ti piace Che tempo farà?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Mentre da più parti si levano prepotenti le voci dei nuovi profeti della climatologia, una breve storia di tale disciplina mette in luce le mille domande sul clima che ancora attendono risposta: interrogativi sufficienti a gettare ancor più dubbi e incertezze sul futuro. Al contrario delle pretese di verità accampate dai movimenti ambientalisti che, nel nome della salvezza del pianeta terra, si ergono a profeti di sventura, prefigurando scenari apocalittici legati al surriscaldamento globale. Le testimonianze e i documenti qui raccolti mostrano invece che tali previsioni sono scientificamente inattendibili. Fondate sulle manipolazioni dei pochi dati scientifici certi, queste false teorie fanno del clima un "mito" che mira unicamente a spargere timori infondati e a sostenere, di riflesso, il business dell'energia rinnovabile, favorendo interessi economici di parte. Un'inchiesta approfondita per smascherare ancora una volta le tante bugie propagandate oggigiorno dagli ambientalisti.
Ordina per
  • 3

    scambio/vendo

    L'inchiesta che svela tutte le "ecoballe" del complotto ambientalista.
    Segreti e retroscena di una politica sul clima viziata dalla menzogna e dagli interessi di parte.

    ha scritto il 

  • 1

    c'erano buoni spunti..

    c'erano tanti buoni spunti per questo libro ma sono stati gettati alle ortiche. Il libro interessante all'inizio risulta poi di una noia mortale e incapace di tenere il lettore interessato e incollato alle pagine

    ha scritto il 

  • 5

    Ma quale riscaldamento globale dei miei stivali!

    Da ecologa non ho mai creduto alla teoria del riscaldamento globale. Sarà perché ho sentito sempre parlare fin da piccola di questo fantomatico innalzamento della temperatura dovuto all'aumento della concentrazione di anidride carbonica nell'aria a causa dell'uomo, ma col passare dei decenni non ...continua

    Da ecologa non ho mai creduto alla teoria del riscaldamento globale. Sarà perché ho sentito sempre parlare fin da piccola di questo fantomatico innalzamento della temperatura dovuto all'aumento della concentrazione di anidride carbonica nell'aria a causa dell'uomo, ma col passare dei decenni non l'ho mai visto verificarsi. E un po' mi spiaceva, perché avrei voluto che ci fosse un clima più mite tutto l'anno, con estati più lunghe.
    Tanto meno l'intera faccenda mi ha convinto, quando ho iniziato a studiare le dinamiche ecologiche che regolano il clima, quando ho capito che l'effetto serra è una benedizione e che è dovuto per il 90% al vapore acqueo nell'aria, quando mi sono resa conto di quanto l'uomo fosse presuntuoso nel pensare addirittura di essere in grado di cambiare il clima dell'intero pianeta, sia che si trattasse di creare danni che di risolverli.
    In realtà ciò che ho capito con certezza come ecologa è che non abbiamo affatto questa capacità, anche se ci piace pensarlo.
    Questo libro è una lettura che definirei essenziale per tutti coloro che si interessano anche solo marginalmente di ambiente. Con questo intendo anche chi legge o ascolta le notizie sull'argomento e non ha necessariamente una preparazione in merito. Anzi, sono proprio queste persone a essere più esposte alle conseguenze della cattiva informazione e del sensazionalismo mediatico, poiché tendono a prendere per buono qualsiasi cosa sentono.
    A tutti loro (ma anche agli altri) dico: leggete questo libro.
    Capirete, tra le varie cose, come la teoria del riscaldamento globale sia solo l'ultimo tormentone pseudoecologico catastrofico di una lunga serie, che si sono succeduti in più di un secolo, in cui si è passati alternativamente e con un'eccessiva disinvoltura dalla paura di una nuova glaciazione al timore dello scioglimento dei ghiacci e conseguente sollevamento degli oceani.
    Nonostante tutte le notizie diffuse a proposito, nulla è mai accaduto, ma si è sempre trattato di una ciclica variazione delle condizioni climatiche, che "affligge" il nostro pianeta con tempistiche a volte lunghissime (parecchie migliaia o decine di migliaia di anni) a volte brevi (poche decadi) dalla notte dei tempi, con conseguenze spesso tragiche e che per ovvi motivi, almeno in passato, non potevano essere certo attribuite all'uomo.
    Leggendo questo ottimo saggio, capirete le motivazioni (economiche) dietro alle scelte "verdi" dei governi, ma soprattutto scoprirete che il riscaldamento globale e gli eventi climatici estremi non vanno necessariamente di pari passo, ma che anzi negli ultimi 2000 anni ad un aumento della temperatura media globale (ben superiore a quella odierna) si è osservato un generale miglioramento delle condizioni di vita con il prosperare di grandi civiltà (quella dell'antica Roma, per esempio), mentre ad una sua riduzione sono corrisposti periodi bui (le invasioni barbariche e il Medio Evo, per esempio).
    La lettura non è sempre scorrevolissima, per chi non ha solide basi scientifiche, ma le argomentazioni principali sono in grado comunque di emergere e farsi strada nella mente di chiunque abbia una certa cultura e voglia di imparare.
    Si tratta di un saggio del 2007, quindi non aggiornato con le ultime novità, ma è comunque un punto di partenza, che suggerirei di accompagnare con la lettura di qualcosa di ben più leggero, ma sempre sul tema: il romanzo/saggio "Stato di paura" di Michael Crichton.

    ha scritto il 

  • 3

    La lettura non è sicuramente scorrevole.
    Il libro ha come unico punto di forza il fatto di rappresentare un altro punto di vista sul tema del "cambiamento climatico" anche se spesso le argomentazioni sono solo citazioni e anedotti.

    ha scritto il