Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Che tu sia per me il coltello

Di

Editore: Arnoldo Mondadori

3.8
(4646)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: | Formato: eBook | In altre lingue: (altre lingue) Spagnolo , Inglese , Tedesco

Isbn-10: 8852010491 | Isbn-13: 9788852010491 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Tascabile economico , Altri , Paperback , Copertina rigida

Genere: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Romance

Ti piace Che tu sia per me il coltello?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
EPUB con Adobe DRM

In un gruppo di persone, un uomo nota una donna sconosciuta che sembra volersi isolare dagli altri. Yair, commosso da quella che egli interpreta come un'impercettibile e ostinata difesa, le scrive una lettera, proponendole un rapporto profondo, aperto, libero da qualsiasi vincolo. Più che una proposta è un'implorazione e Myriam ne resta colpita, forse sedotta. Un mondo privato si crea così fra loro e in questo processo di reciproco avvicinamento Yair e Myriam scoprono l'importanza dell'immaginazione nei rapporti umani e la sensualità che si nasconde nelle parole. Finché Yair si rende conto che le lettere di quella donna stanno aprendo un varco dentro di lui, chiedendogli con imperiosa delicatezza una inaspettata svolta interiore... Romanzo avvolgente e "impudico" di uno dei più grandi autori contemporanei, Che tu sia per me il coltello mostra a ognuno di noi quanta strada e quanto coraggio occorrano per arrivare a toccare con pienezza l'anima (e il corpo) di un altro essere umano.

Ordina per
  • 3

    Anima nuda, cruda, come un coltello

    è un libro su cui ho una posizione parecchio ambigua. È difficile. Non per la trama, ma perché richiede al lettore un impegno introspettivo non da poco. In realtà, se si sa cogliere come determinati p ...continua

    è un libro su cui ho una posizione parecchio ambigua. È difficile. Non per la trama, ma perché richiede al lettore un impegno introspettivo non da poco. In realtà, se si sa cogliere come determinati punti siano presenti sempre e comunque nella vita di tutti noi, potremmo cogliere il punto più bello della storia, quello dell'altro punto di vista.
    Un rapporto esclusivamente epistolare, senza realtà, ma intrinseco di realtà.
    Un uomo e una donna imparano a scoprire se stessi tramite la condivisione della propria anima con un estraneo. È molto bello, e sottolinea la difficoltà di essere davvero se stessi nella vita reale.
    La gestione di questo tipo di rapporto è difficile, scuote, i protagonisti e il lettore stesso. Come se si vedesse un'altra faccia del reale, che reale non è, perché non incanalata in nessuno schema.
    Forse, azzarderei, distruttivo.

    Inizialmente ho avuto difficoltà a leggerlo. Non è un libro scorrevole. Perché ciò di cui parla non è scorrevole. Di conseguenza ho gradito davvero molto la capacità dell'autore di lasciar trasparire la particolarità del legame con un altrettanto particolare stile di scrittura. Ho faticato per leggerlo, ma dalla seconda metà è scivolato come olio, forse perché sono riuscita ad addentrarmi nella sua profondità.

    ha scritto il 

  • 0

    Dopo circa un centinaio di pagine in cui speravo di riuscire a capirne il senso e quindi entrare nel libro, l'ho abbandonato perchè non ce la facevo...noiaaaaaaaaaaaaaaaaa

    ha scritto il 

  • 3

    ".. svelare a una persona qualcosa che non sa di se stessa è un grande dono d'amore, il più grande.."
    "..chi può resistere alla tentazione di sbirciare nell'inferno di un altro.."
    l'ho trovato faticos ...continua

    ".. svelare a una persona qualcosa che non sa di se stessa è un grande dono d'amore, il più grande.."
    "..chi può resistere alla tentazione di sbirciare nell'inferno di un altro.."
    l'ho trovato faticoso. Ha svelato senza pudore però, il suo animo profondo e sensibile, e sicuramente può essere d'aiuto nella comprensione di se stessi..quindi grazie.

    ha scritto il 

  • 4

    Senti, forse ti cerco già da anni, ti cerco disordinatamente, a casaccio, e continuo a brancolare. Capisco che ti sto cercando da molto tempo come uno che cerca una finestra in una stanza piena di fumo.

    Ho avuto un rapporto difficile con questo libro: un tira e molla iniziale,e poi con un sguizzo improvviso l'ho finito in due giorni.E' incredibile come le parole lascino un segno nell'anima,questo lib ...continua

    Ho avuto un rapporto difficile con questo libro: un tira e molla iniziale,e poi con un sguizzo improvviso l'ho finito in due giorni.E' incredibile come le parole lascino un segno nell'anima,questo libro ne è la prova.
    Davvero bello,vale la pena finirlo.

    ha scritto il 

  • 5

    Mi è venuto in mente questo:

    Ritengo davvero fortunati coloro ai quali gli dèi concedono
    di fare cose degne di essere narrate o di scrivere cose degne di essere lette.
    Fortunati oltremodo coloro ai quali sono concesse entrambe le ...continua

    Ritengo davvero fortunati coloro ai quali gli dèi concedono
    di fare cose degne di essere narrate o di scrivere cose degne di essere lette.
    Fortunati oltremodo coloro ai quali sono concesse entrambe le cose.

    ha scritto il 

  • 2

    L'ho letto a gran fatica. Non mi è piaciuto per nulla. Per me, troppo pesante e il rapporto di dipendenza tra i due troppo morboso.

    "Se è davvero così, se ti senti tra parentesi, permettimi allora di ...continua

    L'ho letto a gran fatica. Non mi è piaciuto per nulla. Per me, troppo pesante e il rapporto di dipendenza tra i due troppo morboso.

    "Se è davvero così, se ti senti tra parentesi, permettimi allora di infilarmici dentro, e che tutto il mondo ne rimanga fuori, che sia solo l'esponente al di fuori della parentesi e ci moltiplichi al suo interno".

    ha scritto il 

  • 2

    Non va

    Raramente abbandono una lettura. Stavo per farlo. La stima per l'autore mi ha fatto recedere. Probabilmente questo libro aveva senso nel 1998, quando uscì. Oggi i romanzi "pseudo epistolari" sono nume ...continua

    Raramente abbandono una lettura. Stavo per farlo. La stima per l'autore mi ha fatto recedere. Probabilmente questo libro aveva senso nel 1998, quando uscì. Oggi i romanzi "pseudo epistolari" sono numerosi (alcuni, come quello di Roncoroni, molto validi).
    Perché non convince? Credo che in effetti, per una volta, si possa usare senza scandalo la qualifica di "noioso". Infatti il sadomasochismo, che sembra essere il fluido in cui questo morboso rapporto è immerso e affoga,, appesantisce la scrittura rendendola ripetitiva, grigia, inesorabilmente asfittica. Un certame di forza tra i due interlocutori che mette a dura prova soprattutto i lettori.

    ha scritto il 

  • 5

    Comprato anni fa in preda ad un'attrazione fatale per il titolo, rimane nella libreria, ho anche quella materiale :D, dopo, se non sbaglio, due tentativi di lettura falliti. Uno, di sicuro. Lo riprend ...continua

    Comprato anni fa in preda ad un'attrazione fatale per il titolo, rimane nella libreria, ho anche quella materiale :D, dopo, se non sbaglio, due tentativi di lettura falliti. Uno, di sicuro. Lo riprendo in mano un mesetto e poco più fa. Mi infastidisco, non deve vincere lui. Non sopporto di non portare a termine un libro. Questa volta, mi pare fosse la terza, sono stata più paziente, perseverante e comprensiva. E vi devo dire che ne è valsa la pena. Questo libro è veramente bello e toccante, bisogna solo avere pazienza per le prime 150 pagine :D Merita sul serio. Ne comprerò altri di Grossman, sperando che non mi facciano dannare così. :) Lo consiglio, è una dolcissima storia umana.

    ha scritto il 

Ordina per