Chesil Beach

By

Publisher: Editorial Anagrama, S.A.

3.7
(4162)

Language: Español | Number of Pages: 184 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) English , Portuguese , Italian , Chi traditional , Chi simplified , French , Catalan

Isbn-10: 843397470X | Isbn-13: 9788433974709 | Publish date:  | Edition 1

Translator: Jaime Zulaika

Also available as: Hardcover , Others

Category: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Romance

Do you like Chesil Beach ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Tienen poco más de veinte años, y se conocieron en una manifestación en contra de las armas nucleares. Florence es una chica de clase media alta, su padre es un exitoso hombre de negocios y su madre una activa profesora universitaria. Edward, en cambio, pertenece a una familia que apenas se sostiene en la zona baja de la clase media; su padre es maestro y su madre, tras un insólito accidente, vive desde hace años en una nebulosa. Florence es violinista, y Edward ha estudiado historia. Y ambos son inocentes, y vírgenes, y se aman. Es un día de julio de 1962, un año antes de que, según Philip Larkin, en Inglaterra se empezara a follar, cuando El amante de Lady Chatterley aún estaba prohibido, no había aparecido el primer LP de los Beatles, y el tsunami de la revolución sexual no había llegado a esas costas. Edward y Florence se han casado y van a pasar su noche de bodas en un hotel junto a Chesil Beach, y lo que sucede esa noche entre estos dos inocentes, en unos años donde hablar sobre problemas sexuales era imposible, es la materia con que McEwan construye su chejoviano, delicadísimo, terrible mapa de una relación, del amor, del sexo, y también de una época, y de sus discursos y sus silencios.
Sorting by
  • 3

    Ingredienti: due sposini inglesi 22enni in luna di miele, l’incontro di due corpi alla prima notte di nozze, lo scontro tra le inibizioni femminili e il desiderio maschile, un contatto sessuale che ri ...continue

    Ingredienti: due sposini inglesi 22enni in luna di miele, l’incontro di due corpi alla prima notte di nozze, lo scontro tra le inibizioni femminili e il desiderio maschile, un contatto sessuale che rischia di far saltare una relazione sentimentale.
    Consigliato: a chi vuol tornare a tabù e inibizioni di un’epoca ormai tramontata, a chi si avvicina all’altro sesso tra frenate e accelerazioni.

    said on 

  • 3

    L'inizio era super promettente, mi stava piacendo un sacco.. peccato che poi un po' si perde..
    In generale l'ho comunque trovato un buon libro, ben scritto, con una storia carina e con diversi spunti ...continue

    L'inizio era super promettente, mi stava piacendo un sacco.. peccato che poi un po' si perde..
    In generale l'ho comunque trovato un buon libro, ben scritto, con una storia carina e con diversi spunti di riflessione.

    said on 

  • 3

    Guardarsi negli occhi

    Strano romanzo, ammantato di apparente banalità ma caratterizzato da profonda indagine psicologica e da una tragica verità non rivelata in modo esplicito.
    La prima notte di nozze di una coppia di vent ...continue

    Strano romanzo, ammantato di apparente banalità ma caratterizzato da profonda indagine psicologica e da una tragica verità non rivelata in modo esplicito.
    La prima notte di nozze di una coppia di ventenni inglesi degli anni Sessanta diventa una sorta di commedia dalle sfumature drammatiche e farsesche: il dramma scorre in profondità, legato soprattutto al passato, la farsa resta in superficie, rafforzata da gustosi inevitabili equivoci.
    Lui, Edward, giovane con ambizioni letterarie, ha poca esperienza con le donne in generale e con la neosposa in particolare, di certo innamorata ma estremamente riservata e pudica.
    Lei, Florence, violinista non meno ambiziosa, nutre un'inconfessata e patologica repulsione per il sesso, forse a causa dell'educazione ricevuta, o perché la passione totalizzante per la musica ne esclude a priori ogni altra, relegando l'artista in un mondo incontaminato.
    Questo almeno, è ciò che sembrerebbe dalle prime battute, ma a bloccare la donna, vittima in modo molto più amaro dell'ipocrisia alto borghese, è in realtà qualcosa di «ben più atroce e del tutto incontrollabile», ricordo vergognoso rimosso almeno in parte dalla memoria.
    Ed ecco la verità nascosta che sfugge ad una lettura poco attenta e che lo scrittore - per altri versi senza peli sulla lingua - lascia intendere al lettore attraverso frasi ben ponderate e allusioni neanche troppo velate.
    Fulcro della vicenda è il rapporto tra genitori e figli e le conseguenze inesorabili sulla personalità e sulle scelte di questi ultimi, condannati a scontare in una spirale viziosa traumi infantili e adolescenziali.
    La narrazione procede con qualche digressione di troppo (limite di McEwan è senz'altro la prolissità) ma è notevole la sistematica dissacrazione di sesso e amore, che ha inizio con la meticolosa e asettica descrizione di baci accompagnati da riflessioni che fanno a pugni con l'erotismo:
    «Le passò per la testa un pensiero assurdo: e se gli avesse vomitato in bocca?».
    Lo scrittore sceglie di adottare in molti passaggi il registro ironico, e persino il sentimento puro esce malconcio sotto i colpi sferzanti dell'irrisione:
    «Continuarono a guardarsi negli occhi: in questo non li batteva nessuno».
    La luna di fiele avrà il suo epilogo nel letto a baldacchino «dalla candida sopraccoperta tesissima» che fin dalle prime pagine - insieme alla penosa tensione degli stessi protagonisti - lascia presagire il disastro.
    Una spiaggia al tramonto inutilmente romantica, il crepuscolo di ogni speranza, ciò che avrebbe potuto essere e non è stato...
    L'amore è più forte del sesso? La risposta è racchiusa tra le righe di questa storia.

    said on 

  • 4

    Amore non fa rima con pazienza

    Mi è piaciuto molto questo lungo racconto di McEwan, dalla prima all'ultima pagina soprattutto perché mi ha lasciato tanti spunti su cui riflettere. È un romanzo più profondo di quanto possa apparire ...continue

    Mi è piaciuto molto questo lungo racconto di McEwan, dalla prima all'ultima pagina soprattutto perché mi ha lasciato tanti spunti su cui riflettere. È un romanzo più profondo di quanto possa apparire al primo impatto, mette in gioco problematiche complesse: quanto conta il sesso in un rapporto di coppia? Fino a che punto l'educazione ricevuta e il rapporto con i genitori ci condizionano nel modo di relazionarci con il partner? Quanto può influire il tacere all'altro le nostre più intime aspettative per paura di deluderlo? La storia dei due sposini degli anni Sessanta va oltre il contesto storico e culturale dell'epoca in cui è ambientata e tocca temi universali sempre attuali. Se solo Edward avesse avuto più pazienza, se Florence non fosse scappata...ma spesso nella vita non si può tornare indietro e il non detto o il non fatto ci costringono a vivere nel rimpianto. Un bel libro, breve, ben scritto, scorrevole, a tratti sottilmente ironico, consigliatissimo

    said on 

  • 3

    Il solito McEwan, che mica gli puoi dire che scrive male, anzi, per carità, a me piace tanto, ma in bocca mi lascia sempre una sensazione di incompiuto.

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    4

    bellissimo. scritto in un inglese incantevole, il libro racconta l'amore tra i due protagonisti, novelli sposi. un amore che non riesce ad esprimersi carnalmente per via della repulsione di lei, flore ...continue

    bellissimo. scritto in un inglese incantevole, il libro racconta l'amore tra i due protagonisti, novelli sposi. un amore che non riesce ad esprimersi carnalmente per via della repulsione di lei, florence. un romanzo mai inopportuno che fa riflettere sul peso che il sesso ha in una relazione e su come la sua assenza possa mandare tutto a monte nonostante il legame profondo e sincero che esiste tra due persone. dolce, eppure straziante. profondo, bello.

    said on 

  • 4

    Un romanzo ambientato negli anni 60 prima della rivoluzione sessuale, descrive i pensieri, i sentimenti e le azioni di due giovani, innamorati ed inesperti fino alla loro prima notte di nozze. La magn ...continue

    Un romanzo ambientato negli anni 60 prima della rivoluzione sessuale, descrive i pensieri, i sentimenti e le azioni di due giovani, innamorati ed inesperti fino alla loro prima notte di nozze. La magnifica scrittura di Ian McEwan anche in questo caso ha la capacità di far vivere ogni sfumatura ed emozione. Un gioiellino!

    said on 

  • 1

    Mi è capitato di leggere libri intensi, avvincenti, a volte anche solo "interessanti" in cui l'autore non riusciva però a chiudere nello stesso modo la storia con cui mi aveva intrattenuta per ore, gi ...continue

    Mi è capitato di leggere libri intensi, avvincenti, a volte anche solo "interessanti" in cui l'autore non riusciva però a chiudere nello stesso modo la storia con cui mi aveva intrattenuta per ore, giorni, settimane ed anche mesi. In questo caso purtroppo è il contrario: solo l'ultima pagina è memorabile, tutto il resto è pura noia. Che delusione, la finta indagine introspettiva dei due protagonisti è meno interessante delle descrizioni degli ordini religiosi di Eco ne Il nome della rosa; in quel caso, se si sopravviveva alla pesantezza soporifera del dettaglio perlomeno si imparava qualcosa!

    said on 

Sorting by
Sorting by