Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Chesil Beach

By

Publisher: Editorial Anagrama, S.A.

3.7
(3962)

Language:Español | Number of Pages: 184 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) English , Portuguese , Italian , Chi traditional , Chi simplified , French , Catalan

Isbn-10: 843397470X | Isbn-13: 9788433974709 | Publish date:  | Edition 1

Translator: Jaime Zulaika

Also available as: Hardcover , Others

Category: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Romance

Do you like Chesil Beach ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Tienen poco más de veinte años, y se conocieron en una manifestación en contra de las armas nucleares. Florence es una chica de clase media alta, su padre es un exitoso hombre de negocios y su madre una activa profesora universitaria. Edward, en cambio, pertenece a una familia que apenas se sostiene en la zona baja de la clase media; su padre es maestro y su madre, tras un insólito accidente, vive desde hace años en una nebulosa. Florence es violinista, y Edward ha estudiado historia. Y ambos son inocentes, y vírgenes, y se aman. Es un día de julio de 1962, un año antes de que, según Philip Larkin, en Inglaterra se empezara a follar, cuando El amante de Lady Chatterley aún estaba prohibido, no había aparecido el primer LP de los Beatles, y el tsunami de la revolución sexual no había llegado a esas costas. Edward y Florence se han casado y van a pasar su noche de bodas en un hotel junto a Chesil Beach, y lo que sucede esa noche entre estos dos inocentes, en unos años donde hablar sobre problemas sexuales era imposible, es la materia con que McEwan construye su chejoviano, delicadísimo, terrible mapa de una relación, del amor, del sexo, y también de una época, y de sus discursos y sus silencios.
Sorting by
  • 4

    Anticonvenzionale

    Questo è un romanzo breve ma anticonvenzionale che rimane impresso non solo per i contenuti ma anche per il modo ingegnoso e per alcuni versi "artistico" in cui viene narrato. Si compone principalment ...continue

    Questo è un romanzo breve ma anticonvenzionale che rimane impresso non solo per i contenuti ma anche per il modo ingegnoso e per alcuni versi "artistico" in cui viene narrato. Si compone principalmente di una sola scena della durata di una mezz'ora al massimo, scena cardine che è l'unica ragione di esistere del romanzo e che viene analizzata approfonditamente descrivendo con dovizia di particolari ogni cosa sia dal punto di vista oggettivo (caratteristiche fisiche delle persone, dei luoghi, degli oggetti...) e sia dal punto di vista soggettivo intimistico ed emozionale dei due protagonisti della storia (Florence e Edward, una coppia di neo-sposi alla loro prima notte di nozze). La tematica affrontata è assai peculiare e offre un duplice confronto tra due persone che la pensano diametralmente all'opposto ma che per varie ragioni, tra cui l'educazione e la riservatezza personale, non ne hanno mai parlato e darà quindi luogo a una sequela di equivoci e a una rapida discesa verso un inaspettato epilogo. Nel leggere questo libro mi sono sentita quasi più una spettatrice che una lettrice perché fin dall'inizio le scene che si presentano sono talmente vivide e ben descritte che appaiono reali come a guardarle. Ma lo stile narrativo non è totalmente omogeneo e ci sono anche un paio di capitoli in cui l'autore decide di farci prendere una pausa dalla scena centrale che si sta svolgendo per raccontarci il passato dei personaggi, il contesto in cui sono cresciuti e il destino che li ha fatti incontrare. Indubbiamente la scrittura di McEwan rimane eccellente anche durante questi passaggi, che però risultano forse eccessivamente dettagliati rispetto all'importanza secondaria che hanno rispetto alla scena principale e questo può creare dei piccoli moti di noia in cui non si vede l'ora di ritornare a seguire la "vera" storia. Ciò non toglie che è nell'intento dell'autore creare questo genere di approccio altalenante al suo romanzo, una sorta di "tira e molla" che anche se ben costruito non sono riuscita ad apprezzare fino in fondo, forse proprio perché durante la lettura ne sono rimasta spiazzata. In definitiva penso che "Chesil Beach" sia un libro da leggere assolutamente, dai contenuti relativamente leggeri e abbastanza breve come numero di pagine, ma scritto magistralmente e che rimane impresso molto più a lungo del tempo impiegato per terminarlo. Una piccola perla da conservare nella propria libreria come tutti i libri che meritano.

    PS= Per chi ha già avuto modo di leggere "Espiazione" e ha apprezzato il particolare stile narrativo della prima parte del suddetto libro sono sicura amerà anche "Chesil Beach", dato che a mio avviso ci sono alcuni aspetti similari a livello "creativo". Intendiamoci, Ian McEwan non è un autore dal quale ci si può aspettare elementi in comune tra un romanzo ed un altro, tutti i suoi romanzi sono talmente diversi tra loro, sia per stile che per contenuti che sembrano addirittura scritti da persone diverse (ne ho letti al momento solo quattro, di cui uno non mi è piaciuto per niente al punto tale di assegnargli una sola stellina di valutazione, mentre gli altri mi erano piaciuti anche se in modo diverso... quindi potrete capire che anche se ti piacciono un paio di suoi libri non puoi buttarti a capofitto pensando di andare sul sicuro), ma pur essendo profondamente diversi sono riuscita a ritrovare in "Chesil Beach" alcune delle sensazioni provate mentre leggevo la prima parte di "Espiazione" (e ci tengo a precisare: solo la prima parte), una caratteristica assolutamente positiva dato che per me la prima parte di "Espiazione" era stata un vero e proprio colpo di fulmine.

    said on 

  • 5

    E per l'ennesima volta, e ancora altre ce ne saranno, grazie Ian.

    Recensione completa su http://bookshelf54.blogspot.it/2015/08/ian-mcewan-chesil-beach.html

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    4

    Ho adorato questo libro che definirei un vero e proprio gioiellino. Il modo di scrivere di Mc Ewan mi piace parecchio, e le sue trame anche se povere di avvenimenti (specialmente in questo libro), son ...continue

    Ho adorato questo libro che definirei un vero e proprio gioiellino. Il modo di scrivere di Mc Ewan mi piace parecchio, e le sue trame anche se povere di avvenimenti (specialmente in questo libro), sono sempre originali, angoscianti, malinconiche. Ti trasmettono un leggero subdolo malessere. Quello che più mi piace di questo autore, che ho ritrovato anche in Espiazione sono i suoi personaggi. Essi si ritrovano ad un certo punto della loro vita fare scelte che decideranno il loro futuro. Prendono una decisione e poi si guardano indietro ma preferiscono vivere con i rimpianti e i rimorsi piuttosto che cercare di rimediare tornando sui loro passi. Seguono una loro etica ferrea, non accettano compromessi.
    È inevitabile poi provare un moto di irritazione per Florence: non sono così tante tra di noi le lettrici che condividono la sua condizione di donna frigida. Ma per me è stato impossibile non provare anche un più forte moto di stima e ammirazione: amava così tanto il suo Edward da accettare di "dividerlo" con altre donne, ma ancora di più amava se stessa al punto di voler scendere a compromessi pur di rimanere lei stessa, pur di non vivere per compiacere il marito ma per continuare e in pace con se stessa. Pur sapendo di essere diversa è riuscita ad accertarsi per come è, e anche se alla fine ha perduto il suo amore lei non si è mai persa. Questa per me a dispetto della liberazione dai tabù sessuali avvenuta in Inghilterra nel 63 è la vera libertà. Florence potrà anche essere giudicata dalla maggioranza una ragazza prettamente all'antica ma per me è così moderna! Edward invece nonostante possa sembrare la persona più all'avanguardia nella coppia, con la sua passione per il rock, non è riuscito ad accettare
    la diversità della moglie e fermo nell'idea che la donna debba compiacere l'uomo sotto le lenzuola del talamo nunziale si è dimostrato molto meno innamorato e molto più tradizionalista di quanto all'apparenza si possa pensare

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    4

    (Lettura di qualche anno fa. Il commento era sparito)
    McEwan è sempre bravo nella scelta del soggetto. Poi è bravissimo a stressare lo spunto della narrazione lentamente, fino all'estremo, tirandone f ...continue

    (Lettura di qualche anno fa. Il commento era sparito)
    McEwan è sempre bravo nella scelta del soggetto. Poi è bravissimo a stressare lo spunto della narrazione lentamente, fino all'estremo, tirandone fuori storie inquietanti, che creano incertezza, tensione, attese angoscianti, disagio. E sempre per portare il lettore dove vuole lui, a conclusioni precise.

    Anche la storia di due sposini in viaggio di nozze, il loro breve passato di formazione, incontro, conoscenza e matrimonio, nella sua banalità, può essere raccontata come un thriller se lo scrittore è bravo. E McEwan, appunto, lo è. Tanto più il clima della narrazione si fa sgradevole e spiazzante, tanto più risalta la sua precisione chirurgica.

    In questo caso i preannunci di quel che accadrà sono vaghi e inquietanti come un tuonare lontano, un caricarsi progressivo dell'atmosfera. Poi lui finalmente ci porta con loro dentro la camera da letto, la prima notte di nozze. Quando la porta si chiude, capiamo che il temporale scoppierà. Che il non detto sta per addensarsi, esplodere e vincere sulla forza d'inerzia, sulla linea di minor resistenza che è l'unica forza veramente potente che li ha condotti sin lì. E il non detto chissà da dove viene. Forse viene dalla mancanza di passione; forse dalla disabitudine alla corporeità dei legami; forse dal rifiuto dei limiti e dei difetti dell’altro o anche dall'incapacità di denudarsi e mostrare la propria ignoranza, la propria fragilità. Forse, più semplicemente viene dalla pura ineducazione, dalla "impreparazione tecnica". Così, accade quel che accade. Poi l'analfabetismo sentimentale, l'incapacità a gestire sentimenti e conflitti rade al suolo quel che resta.

    Mi chedevo a fine lettura se c'era ancora bisogno di spendere un romanzo sulle responsabilità delle educazioni sessuofobiche inflitte per millenni come una condanna a miliardi di ragazzi e di ragazze. E tornare sulla massa di sofferenze che ha generato. Forse si, ce n'era bisogno. Pensavo anche che si parla tanto del '68 e, spesso, a sproposito: male, cioè. Beh, se il '68 fosse stato solo la rivoluzione dei costumi e l’avvio della liberazione sessuale che è stato, sarebbe da celebrare con una festa ogni anno.

    said on 

  • 4

    Mezz'ora

    Il romanzo racconta della prima notte di nozze di una coppia di ragazzi nell'Inghilterra del 1962 e anche se il fatto narrato, il cuore della storia, si compie in appena mezz'ora, McEwan si muove agil ...continue

    Il romanzo racconta della prima notte di nozze di una coppia di ragazzi nell'Inghilterra del 1962 e anche se il fatto narrato, il cuore della storia, si compie in appena mezz'ora, McEwan si muove agilmente nel passato dei personaggi e ripercorre con dovizia di particolari le vite dei suoi protagonisti raccontandone l'infanzia, l'incontro fortunoso e il breve fidanzamento in maniera estremamente chiara e approfondita.

    said on 

  • 3

    Nel complesso è una bella storia, che fa riflettere. L'importanza della comunicazione e i diversi punti di vista dell'uomo e della donna. A tratti, però, mi ha un po' annoiata, quindi non mi sento di ...continue

    Nel complesso è una bella storia, che fa riflettere. L'importanza della comunicazione e i diversi punti di vista dell'uomo e della donna. A tratti, però, mi ha un po' annoiata, quindi non mi sento di dargli più di tre stelline purtroppo.
    La scrittura di MCEwan è sicuramente degna di nota.

    said on 

  • 5

    I racconti di IME scorrono come operazioni chirurgiche, la asetticità del ritmo narrativo accentua il dramma e l'inquietudine dei personaggi. Non è nelle mie corde, troppo freddo e distaccato, ma la f ...continue

    I racconti di IME scorrono come operazioni chirurgiche, la asetticità del ritmo narrativo accentua il dramma e l'inquietudine dei personaggi. Non è nelle mie corde, troppo freddo e distaccato, ma la forza del suo sguardo resta ineguagliata.

    said on 

  • 4

    Sex beacg?

    Solo Mc Ewan riesce a creare una storia con due personaggi, una spiaggia e uno spazio temporale ristretto. Ho fatto una scorpacciata di Ian in questi ultimi giorni e nessuno dei suoi libri mi ha delus ...continue

    Solo Mc Ewan riesce a creare una storia con due personaggi, una spiaggia e uno spazio temporale ristretto. Ho fatto una scorpacciata di Ian in questi ultimi giorni e nessuno dei suoi libri mi ha deluso. Alcuni mi hanno lasciato una leggera eccitazione addosso, altri un po' di malinconia e di orrore, altri di solitudine e tenerezza. Da leggere, tutti.

    said on 

Sorting by
Sorting by