Un incontro fortuito nelle strade di Parigi. Michel, pilota di linea, è ubriaco di dolore e si comporta come un fuggiasco. Lydia, un'elegante signora ebrea di origine russa, gli presta dei soldi per pagare un taxi. I due protagonisti passeranno insie ...Continua
Ha scritto il 21/05/16
"Le verità non sono tutte abitabili. Spesso manca il riscaldamento e si muore di freddo"
Una storia toccante, un punto di vista originale e ostinatamente fiducioso sulla coppia, sull'amore, sul dolore e sulla felicità. Romain Gary ha un gusto spiccato per la frase a effetto, ma c'è da dire che è bravo, ci sa fare, mescola sapientemente i ...Continua
  • 23 mi piace
  • 8 commenti
Ha scritto il 17/04/16
Come in una tragedia greca, l'unità di tempo è rispettata. Tutto, o quasi, si svolge in una lunghissima notte a Parigi, in un tentativo disperato di sopravvivere alla disgregazione di una coppia, elemosinando l'aiuto di uno sconosciuto, perché divent ...Continua
  • 1 mi piace
Ha scritto il 21/08/15
La felicità è sempre circondata di denti.
Un uomo e una donna, naufraghi della vita, s’incontrano per caso in una strada di Parigi e trascorrono insieme un giorno ed una notte.
Ognuno porta sulle spalle un proprio pesante fardello di dolore, ma in due, unendo le forze, sperano di riuscir
...Continua
  • 20 mi piace
  • 11 commenti
Ha scritto il 02/08/14
L'amore al tempo del dolore. Scritto con intensità e sentimento.
  • 5 mi piace
Ha scritto il 02/06/14
È il primo romanzo di Gary che leggo, ma non sarà certo l' ultimo. Triste, struggente, doloroso, mi ha regalato alcune ore di malinconica dolcezza.
  • 1 mi piace

Ha scritto il May 20, 2016, 08:55
La psicologia è una miniera di possibilità. Una serie inesauribile di combinazioni. E poi si può barare. Si può togliere, aggiungere, sostituire i pezzi. Qualsiasi mossa è legittima e si gioca sempre contro se stessi. Perché se ci sono un'infinità di ...Continua
Pag. 87
Ha scritto il Feb 20, 2013, 18:27
L'uomo "indipendente" la donna "indipendente"sono voci che vengono a altri luoghi dalle grandi solitudini ghiacciate: sono l'onre degli indigenti
Pag. 97
Ha scritto il Feb 20, 2013, 18:24
Non fare del mio ricordo un gruzzolo da conservare gelosamente.Spendimi. Dammi ad un'altra.Allora sarò salva.Rimarrò donna. ......mi sforzerò di immaginarla, per sapere che faccia avrò, quanti anni, come mi vestirò, il colore dei miei nuovi occhi
Pag. 93
Ha scritto il Feb 20, 2013, 18:13
Vi parlo di una felice assenza ,perchè la felictà non ha niente da inventare
Pag. 35
Ha scritto il Sep 18, 2012, 15:23
"Non mi va di essere smontata come un giocattolo, Michel. è avvilente. Da un certo punto in poi è una questione di dignità. Parti, vattene lontano come hai promesso. Ecco. Metti la testa qui, al tuo posto. Non chiuderti nel dolore, non pensare a me d ...Continua
Pag. 23
  • 1 commento

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi