Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Chiedi alla polvere !! SCHEDA INCOMPLETA !!

By John Fante

(199)

| Mass Market Paperback

Like Chiedi alla polvere !! SCHEDA INCOMPLETA !! ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Scheda INCOMPLETA, da non aggiungere in libreria.

1012 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Se fu Bukowski uno dei primi ad apprezzarlo, ed anzi contribuì al suo riscatto e al suo rilancio e al suo successo, un motivo ci sarà! In Fante probabilmente Bukowski si rivedeva, soprattutto nel suo modo crudo di descrivere la realtà, con quel lingu ...(continue)

    Se fu Bukowski uno dei primi ad apprezzarlo, ed anzi contribuì al suo riscatto e al suo rilancio e al suo successo, un motivo ci sarà! In Fante probabilmente Bukowski si rivedeva, soprattutto nel suo modo crudo di descrivere la realtà, con quel linguaggio asciutto, schietto e spinoso. Fante per me è un Bukowski meno dedito all'alcol, diversamente dedito alle donne, meno volgare e più sentimentale. Fante arriva prima al cuore, e qui, in questo libro, ti lascia impotente: come fossi interrato nella sabbia del deserto con la testa fuori a guardare la polvere presa dal vento e sentire lo strisciare, volare e zampettare degli animali diretti verso di te.

    Is this helpful?

    Alessandro said on Jul 18, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Dice chiedi, allora io ho chiesto, ma sono allergico e ho preso a starnutire come un matto, allora lei sai cosa ha fatto?, mi ha chiesto Parigi, l'amico che si è costruito la ragazza, Sylvie, mi ha drogato mi ha addormentato e quando mi sono risvegli ...(continue)

    Dice chiedi, allora io ho chiesto, ma sono allergico e ho preso a starnutire come un matto, allora lei sai cosa ha fatto?, mi ha chiesto Parigi, l'amico che si è costruito la ragazza, Sylvie, mi ha drogato mi ha addormentato e quando mi sono risvegliato non ero più allergico, guarda, mi fa, e finalmente abilita il video della chiamata. Cazzo ma che hai?, gli chiedo io. È un filtro olfattivo, pensa oltre a non essere più allergico non sento neanche alcuni cattivi odori, non li sentirò mai più, per esempio non sentirò mai più puzza di merda, bello no? Se lo dici tu, gli dico io, e lui si è girato per prendere il bicchiere di aranciata che aveva sul tavolo e allora dietro il collo gli ho visto una placca di metallo. Che hai sul collo ma stai rotto?, gli chiedo io, no no mi risponde lui, questo è per il pudore. Ma che cazzo dici? Eh, per il pudore, senti, questa andava in giro per casa tutta nuda, fuori in balcone a stendere i panni nuda mi si forma la folla sotto casa, allora le ho detto di mettersi qualcosa addosso e lei mi ha detto che sono uno sciocco e che lei non ha nessun problema se gli altri la guardano, per lei non fa differenza, ha detto lei, in effetti ha ragione, ho detto io, infatti, ha aggiunto Parigi, e per questo lei mi ha detto che o mi stava bene o avrei dovuto smettere di vergognarmi. Ho scelto la seconda, così lei mi ha costruito questo, dice Parigi, e si toglie la camicia e mi fa vedere. Cazzo ma ti prende tutta la schiena praticamente, dico io, sì, fa lui, infatti credo che dovremo inventarci qualche rinforzo per le gambe altrimenti così un giorno di questi mi spezzo. E come funziona?, gli ho chiesto io, e lui ha cominciato a spiegare. Aspetta, gli dico io, i pop corn. Giusto, fa lui.

    Is this helpful?

    (skate) said on Jul 10, 2014 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    non mi interessa spendere lunghe righe di dettagliata recensione, mi interessa annotare e condividere il fatto che questo libro ha qualcosa. cosa sia, ancora non l'ho capito e me ne interrogo, ma quel qualcosa che questo libro ha mi ha restituito la ...(continue)

    non mi interessa spendere lunghe righe di dettagliata recensione, mi interessa annotare e condividere il fatto che questo libro ha qualcosa. cosa sia, ancora non l'ho capito e me ne interrogo, ma quel qualcosa che questo libro ha mi ha restituito la passione per la lettura che da molti mesi avevo perduto e cercavo affannosamente. questo libro, questa storia semplice, irrequieta, un po' triste, che non ha niente di speciale, mi ha teso la mano e preso con sé. gli sono grata con tutto il cuore

    Is this helpful?

    róró said on Jul 7, 2014 | Add your feedback

  • 6 people find this helpful

    Inizialmente Arturo Bandini mi stava sonoramente sulle scatole. Ma proprio tanto, eh.

    Man mano che procedevo con la lettura mi è diventato sempre meno antipatico, fino a risultarmi quasi - ho detto quasi - simpatico nel finale.

    Non credo proprio ch ...(continue)

    Inizialmente Arturo Bandini mi stava sonoramente sulle scatole. Ma proprio tanto, eh.

    Man mano che procedevo con la lettura mi è diventato sempre meno antipatico, fino a risultarmi quasi - ho detto quasi - simpatico nel finale.

    Non credo proprio che l'intento di Fante fosse quello di creare un personaggio simpatico, né di scrivere un libro emozionale; credo che il suo intento fosse un altro, cioè quello di rendere un senso di vuotezza, di incapacità di modificare il corso di alcune cose. E in quello è riuscito benissimo.
    E il finale è bellissimo. Un pugno nello stomaco, ma dato con poesia.

    Per quanto mi riguarda però, no emozioni no party, per cui bye bye Arturo Bandini!
    Almeno per un po'.

    ----------------------------------------------------------

    A distanza di qualche giorno...

    Bah, a volte succedono cose strane.
    Ti sembra che un libro non ti abbia emozionato e poi invece dopo qualche giorno scava scava, e ti è rimasto lì. Dentro.
    E tu nemmeno te ne eri accorta.

    Pazzesco. Si può parlare di rilascio ritardato di emozioni?!

    Forse alcuni libri non andrebbero commentati appena chiusi; bisognerebbe aspettare di vedere l'effetto che fanno a distanza...

    Is this helpful?

    Casper said on Jun 27, 2014 | 8 feedbacks

  • 1 person finds this helpful

    El maestro de Bukowski

    Pregúntale al polvo (Ask the dust) es una novela semi-autobiográfica del escritor norteamericano John Fante. Publicada por primera vez en el año 1939 por la editorial Stakpole, no fue hasta los ochenta cuando la obra adquirió cierta fama, gracias a u ...(continue)

    Pregúntale al polvo (Ask the dust) es una novela semi-autobiográfica del escritor norteamericano John Fante. Publicada por primera vez en el año 1939 por la editorial Stakpole, no fue hasta los ochenta cuando la obra adquirió cierta fama, gracias a una reedición insistida por el popular escritor Charles Bukowski, quien idolatraba a Fante desde que se encontrase por casualidad este libro en una de las estanterías de la Biblioteca Municipal de Los Angeles a la que acudía. La novela, escrita en primera persona con una prosa de lúdica sencillez pero también con una cruda lírica por momentos impactante, nos presenta al histriónico Arturo Bandini (alter-ego del propio Fante), un joven italoamericano que malvive en un hotel de Bunker Hill (Los Angeles) ansiando convertirse en escritor. En una de sus aventuras por estos barrios sórdidos conocerá a Camila, una camarera mexicana de la que se enamorará llevando hasta el absurdo un amor caprichoso y autodestructivo.

    Un poco más sobre el libro, junto con el prólogo de Bukowski, aquí: http://fragmentosarbitrarios.blogspot.com.es/2014/06/re…

    Is this helpful?

    Apatía said on Jun 23, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    fante è sempre un pugno allo stomaco.
    e per di più è autentico. senti che la disperazione è vera e che le parole possono essere quelle e che solo quelle sono giuste.
    come la tensione nelle pagine.
    vite senza finzioni e filtri, parole a dire com'è.
    gr ...(continue)

    fante è sempre un pugno allo stomaco.
    e per di più è autentico. senti che la disperazione è vera e che le parole possono essere quelle e che solo quelle sono giuste.
    come la tensione nelle pagine.
    vite senza finzioni e filtri, parole a dire com'è.
    grande letteratura.
    e quando la storia finisce ti accorgi che non poteva essere diversamente.
    grande grande e sottovalutato fante.
    ti adoro

    Is this helpful?

    Gianni Bestagno said on Jun 9, 2014 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book