Un'isola livida e crudele della Nuova Scozia sul finire dell'Ottocento, ungiovane accordatore di pianoforti, una tredicenne libanese. I due si amano, eper sposarsi non esitano a fuggire. La loro passione sarà breve e bruciante,immani le ... Continua
Ha scritto il 22/01/17
Diciamo che a pagina 18 mi sono spaventata e sono corsa alla pagina 69 che era peggio delle prime 18 messe insieme. Ann-Marie e io non abbiamo feeling. Delusione totale.
Ha scritto il 11/08/16
Una saga familiare. Una maledizione che riesce. Segreti portati avanti negli anni,i la verità però chiederà il conto. Personaggi che a vario grado non sono del tutto innocenti e sicuramente il titolo si riferisce a quello. All'inizio ho faticato ..." Continua...
  • 1 mi piace
Ha scritto il 25/06/16
Testo interessante ed emozionante, vi sono racchiuse tutte le debolezze e le virtù della natura umana, i personaggi sembrano uscire dalle pagine, tanto sembrano reali e vivi nelle loro contraddizioni. Sensuale ,onirica ed emozionante la storia ..." Continua...
  • 5 mi piace
Ha scritto il 27/01/16
Trovato quasi per caso all'usato, ho letto che l'autrice é canadese e tanto é bastato a convincermi. L'ho preso ad occhi chiusi anche perché la descrizione in copertina é davvero striminzita. L'ho divorato. L'autrice ha intessuto una trama che ..." Continua...
  • 2 mi piace
Ha scritto il 01/11/15
Un libro molto, molto bello. Intenso, cupo, drammatico, dolce, amaro. Nella sua trama raccoglie personaggi a tratti graffianti e leggere questa storia ti porta a passare attraverso tante, intense emozioni.
  • 1 mi piace

Ha scritto il Jun 01, 2011, 22:40
La speranza è un dono. Non si sceglie. Aver fede e non avere speranza è come morire di sete vicino a una fontana.
Pag. 581
Ha scritto il Jun 01, 2011, 22:39
Quando scoprirà che appartengo a una razza minore di immortali? Ma le divinità hanno sempre avuto bisogno di spiritelli per convincerle a scendere sulla terra. Quando non avrà più bisogno di un intermediario, mi amerà ancora?
Pag. 552
Ha scritto il Jun 01, 2011, 22:38
Ero un fantasma finché non ti ho toccata. Non ho mai ingoiato cibo mortale finché non ti ho assaggiata, non mai capito il linguaggio parlato finché non ho trovato la tua lingua. Ho camminato nel sonno, triste sonnambula, mani tese per colpire ... Continua...
Pag. 546
Ha scritto il Jun 01, 2011, 22:33
[...] ma ormai sa che non c'è buona azione che non si accompagni immancabilmente al male.
Pag. 399
Ha scritto il Jun 01, 2011, 22:32
"Si vergogna, perciò cerca di far vergognare te"
Pag. 383

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi