Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Chimaira

Di

Editore: Mondadori

3.6
(1396)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 245 | Formato: Altri | In altre lingue: (altre lingue) Catalano , Spagnolo , Greco

Isbn-10: 8804501111 | Isbn-13: 9788804501114 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Copertina rigida , eBook

Genere: Fiction & Literature , History , Mystery & Thrillers

Ti piace Chimaira?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Al museo di Volterra il giovane archeologo Fabrizio Castellani sta cercando disvelare il mistero racchiuso nella statuetta etrusca "L'ombra della sera",quando inquietanti telefonate gli "consigliano" di lasciar perdere. Nelfrattempo nei boschi circostanti la necropoli vengono rinvenuti cadaveri dipersone sbranate da una terrificante belva. Fabrizio è convinto che tutto siafrutto di un'ira implacabile dalle lontanissime origini. E da archeologo si fadetective del passato.
Ordina per
  • 2

    “E la verità, se una verità esiste, è nascosta in fondo alla mente di quel bambino, fra le nebbie dei suoi sogni quando vengono a visitarlo con le ombre della sera”.

    Ancora non sono riuscita a capire se Manfredi sia un bluff o quel tipo di scrittore che io non riesco a capire come dovrei.
    Ho amato la trilogia di “Alexandros”, uno dei libri più affascinanti che abbia letto negli ultimi dieci anni, ma poi sono rimasta molto delusa da “Idi di Marzo”, “l’is ...continua

    Ancora non sono riuscita a capire se Manfredi sia un bluff o quel tipo di scrittore che io non riesco a capire come dovrei.
    Ho amato la trilogia di “Alexandros”, uno dei libri più affascinanti che abbia letto negli ultimi dieci anni, ma poi sono rimasta molto delusa da “Idi di Marzo”, “l’isola dei morti” e da “l’ultima legione”(perlomeno non mi hanno coinvolta allo stesso modo).
    Anche “Chimaira” mi ha deluso, un inizio promettente, ma che poi si perde in un miscuglio di magia nera, superstizione e poteri paranormali.
    Siamo nell’affascinante e suggestiva Volterra dove un giovane archeologo di nome Fabrizio Castellani sta cercando di decifrare una misteriosa iscrizione racchiusa in una tomba etrusca.
    Una notte, mentre si trova al lavoro, riceve una misteriosa telefonata da una donna che gli intima di lasciare stare quella tomba e la sua iscrizione. Come se non bastasse, nei giorni seguenti vengono trovati i cadaveri gravemente mutilati da una specie di belva feroce proprio nei pressi della tomba etrusca.
    Al centro di tutto sembra esserci una statua e un’antica maledizione…
    Come ho scritto sopra l’incipit è più che interessante(una tomba etrusca che contiene una misteriosa iscrizione, un’antica leggenda, una maledizione che si protrae nel tempo), ma la storia non decolla(una storia che, tra l’altro, sembra un ibrido tra “il mastino dei Baskerville” di Arthur Conan Doyle e “Il mistero di Sleepy Hollow” di Washington Irving), i dialoghi sono piuttosto banali e inverosimili e soprattutto ci sono molti punti oscuri che non vengono spiegati, come il legame tra il bambino e la bestia.
    In sostanza una storia dai pochi contenuti, un’atmosfera alla Indiana Jones de’ noantri, una storia d’amore da soap-opera, un finale frettoloso, scontato e soprattutto privo di spiegazioni.
    Per come era iniziato avrebbe potuto prendere pieghe decisamente migliori, invece l’unica nota positiva risiede nella città di Volterra e nella sua bellezza.
    Un romanzo grigio, come le giornate della mia vita…

    ha scritto il 

  • 0

    Sono una lettrice affezionata di Manfredi. Questo libro però mi ha fatto arrabbiare, tanto è vero che lo tengo fisicamente separato dagli altri. Che bisogno c'era di andare a scomodare l'esoterismo, gli spiriti e la parapsicologia?! <br />Lo considero un incidente di percorso

    ha scritto il 

  • 5

    Un Manfredi in versione King

    Questo libro è stato una piacevole sorpresa!
    Mi sono ritrovato a leggerlo tutto d'un fiato tanto la storia mi ha rapito e coinvolto.
    Scritto molto bene, questo libro si inserisce in ambiente storico-archeologico ma si incentra tutto in un'atmosfera alla King che strizza l'occhio al pa ...continua

    Questo libro è stato una piacevole sorpresa!
    Mi sono ritrovato a leggerlo tutto d'un fiato tanto la storia mi ha rapito e coinvolto.
    Scritto molto bene, questo libro si inserisce in ambiente storico-archeologico ma si incentra tutto in un'atmosfera alla King che strizza l'occhio al paranormale.
    Consigliatissimo

    ha scritto il 

  • 4

    Cinematografico

    A metà strada tra il thriller, l'horror , il poliziesco ed il romanzo storico, questo testo di Manfredi tiene attaccato alle pagine il lettore. Il finale imprevedibile forse non è all'altezza dell'intero romanzo, ma è comunque una degna chiosa di un buon testo. Degna di nota è sicuramente anch ...continua

    A metà strada tra il thriller, l'horror , il poliziesco ed il romanzo storico, questo testo di Manfredi tiene attaccato alle pagine il lettore. Il finale imprevedibile forse non è all'altezza dell'intero romanzo, ma è comunque una degna chiosa di un buon testo. Degna di nota è sicuramente anche la "fotografia" che rende quest'opera quasi una proiezione cinematografica.

    ha scritto il 

  • 5

    il fanciullo di Volterra una delle statue più mistoriose della storia etrusca, il rito del fersu e una bestia chimerica che uccide i nativi di qll terra in un giallo archeologico sensazionale. Manfredi che di storia greco romana se ne intende è riuscito a scrivere un romanzo che incolla il naso a ...continua

    il fanciullo di Volterra una delle statue più mistoriose della storia etrusca, il rito del fersu e una bestia chimerica che uccide i nativi di qll terra in un giallo archeologico sensazionale. Manfredi che di storia greco romana se ne intende è riuscito a scrivere un romanzo che incolla il naso alle pagine del libro finchè nn lo finisci ttt... cm al solito semplicemente spettacolare!

    ha scritto il 

  • 3

    Quando Manfredi abbandona lo storico diventa quasi uno scrittore normale. L'archeologo Castellani giunge a Volterra per studiare la statua etrusca "L'ombra della sera" ma subito viene minacciato via telefono di abbandonare le sue ricerche; contemporaneamente una belva misteriosa inizia a sbranare ...continua

    Quando Manfredi abbandona lo storico diventa quasi uno scrittore normale. L'archeologo Castellani giunge a Volterra per studiare la statua etrusca "L'ombra della sera" ma subito viene minacciato via telefono di abbandonare le sue ricerche; contemporaneamente una belva misteriosa inizia a sbranare alcuni abitanti della cittadina in coincidenza con il ritrovamento di una tomba etrusca. Lo studio di una maledizione scritta su una tavola di bronzo, permetterà di risolvere il mistero. Volendo accettare lo sfociare della storia nel paranormale, credo che il comportamento di Castellani sia spesso poco plausibile e mancano molte rifiniture che, sommate, lasciano un grande vuoto nel racconto. Mmmm... Manfredi sa fare di meglio!

    ha scritto il 

  • 2

    Le due stellette dicono tutto. Ho letto altri romanzi di Manfredi e mi erano piaciuti, primo fra tutto L'oracolo, letto molti anni fa e che ancora ricordo. Questo invece mi ha molto deluso. La storia, innanzitutto: non sono riuscita a sospendere l'incredulità. Ma non per l'animale uscito dal pass ...continua

    Le due stellette dicono tutto. Ho letto altri romanzi di Manfredi e mi erano piaciuti, primo fra tutto L'oracolo, letto molti anni fa e che ancora ricordo. Questo invece mi ha molto deluso. La storia, innanzitutto: non sono riuscita a sospendere l'incredulità. Ma non per l'animale uscito dal passato, quello potevo accettarlo. Sono i contorni della realtà ad essere irrealistici. Come Fabrizio diventa il direttore degli scavi è assurdo, persino la storia d'amore con Francesca è appiccicata lì, tanto perché ci deve essere.
    Come se no bastasse i dialoghi sono davvero improbabili, me li sono sentita sulla pelle fin dalle prime pagine.
    Insomma, una delusione.

    ha scritto il