Chocolat

Di

Editore: Garzanti Libri

3.9
(3483)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 327 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Francese , Tedesco , Polacco , Olandese , Spagnolo , Finlandese , Svedese , Portoghese , Ceco

Isbn-10: 8811683343 | Isbn-13: 9788811683346 | Data di pubblicazione:  | Edizione 3

Disponibile anche come: Paperback , Altri , Tascabile economico , eBook

Genere: Cucina, Cibo & Vini , Narrativa & Letteratura , Rosa

Ti piace Chocolat?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Siamo a Lansquenet-sous-Tannes, un villaggio al centro della Francia, dove la vita scorre placida. Un po' troppo placida: sono rimasti soprattutto gli anziani - contadini e artigiani - mentre i giovani sono partiti verso la città. È una comunità chiusa, dominata con rude benevolenza dal giovane curato Francis Reynaud. E' martedì grasso - una tradizione pagana avversata dalla Chiesa - quando nel villaggio arrivano Vianne Rocher e la sua giovane figlia Anouk. La donna è assai simpatica e originale, sexy e misteriosa, forse è l'emissaria di potenze superiori (o magari inferiori). Vianne rileva una vecchia pasticceria, ribattezzata "La Celeste Praline", che ben presto diviene - agli occhi del curato - un elemento di disordine. Anche perché Vianne non frequenta la chiesa e inizia ad aiutare chi si trova in difficoltà: il solitario maestro in pensione Guillaume, l'adolescente ribelle Jeannot, la cleptomane Josephine, l'eccentrica Armande. Ben presto il tranquillo villaggio diventa più disordinato, ribelle e soprattutto felice. E lo scontro tra Benpensanti e Golosi, tra le delizie terrestri offerte da Vianne e quelle celesti promesse da padre Reynaud, tra Carnevale e Quaresima, diventa inevitabile. "Chocolat" è un romanzo pieno di vita, frizzante e divertente; ricco di personaggi indimenticabili e ricette paradisiache. Vianne Rocher è una protagonista di travolgente simpatia: una donna che sa gustare i piaceri dell'esistenza, e che soprattutto sa farli apprezzare agli altri.
Ordina per
  • 2

    Più Vianne che Chocolat

    Non male in linea generale. Ma da un libro che ha a che fare con il cibo mi aspetto che ogni pagina profumi di cannella e cioccolato, come succede in La maga delle spezie o in molti testi di Amado. Ri ...continua

    Non male in linea generale. Ma da un libro che ha a che fare con il cibo mi aspetto che ogni pagina profumi di cannella e cioccolato, come succede in La maga delle spezie o in molti testi di Amado. Rispetto al film (che ahimé in questo caso considero superiore) c'è molto più Vianne che Chocolat

    ha scritto il 

  • 3

    Le aspettative per questo libro erano molto alte. Ho amato il film, speravo che il romanzo fosse meglio, come di norma succede. Ed invece è stato l'esatto opposto.
    Per quanto la caratterizzazione dei ...continua

    Le aspettative per questo libro erano molto alte. Ho amato il film, speravo che il romanzo fosse meglio, come di norma succede. Ed invece è stato l'esatto opposto.
    Per quanto la caratterizzazione dei personaggi sia ben riuscita, specialmente le doti di Vianne, la trama mi ha lasciato molto amaro in bocca, e poco gustoso come dovrebbe essere il cioccolato.

    ha scritto il 

  • 3

    Premesso che conoscevo già la storia, dato che avrò visto il film almeno 400 volte, ero comunque curiosa di leggere questo libro. La trama è grossomodo questa: Lansquenet-sous-Tannes, un villaggio al ...continua

    Premesso che conoscevo già la storia, dato che avrò visto il film almeno 400 volte, ero comunque curiosa di leggere questo libro. La trama è grossomodo questa: Lansquenet-sous-Tannes, un villaggio al centro della Francia, è una comunità chiusa e bigotta, guidata dal giovane curato Francis Reynaud. Nel villaggio giungono il giorno di Carnevale Vianne Rocher e la sua figlioletta Anouk. Vianne rileva una vecchia pasticceria, ribattezzandola La Celeste Praline, e la trasforma in una cioccolateria che sin da subito turberà gli equilibri della comunità. Lo scontro tra moralisti timorati di Dio e golosi peccatori, tra le delizie terrestri offerte da Vianne e quelle celesti promesse da padre Reynaud, diventerà ben presto inevitabile.
    Che dire? Un bel libro, una lettura piacevole e uno stile scorrevole scorrevole. Le descrizioni dei dolci e del cioccolatini preparati da Vianne sono così verosimili ed accurate (anche se a tratti alquanto prolisse) da far venire l'acquolina in bocca! Però continuo a preferire il film... Merito di Johnny? Sicuramente si!
    Voto: 6,5/10
    Visitate la mia pagina Facebook, per scambiarci opinioni e consigli! www.facebook.com/quandounlibroticambialavita

    ha scritto il 

  • 5

    Che dire: come al solito, molto meglio del film!

    La prima volta che l'ho letto mi sono arresa, per via dei nomi che mi creavano confusione, o forse perchè non era il momento adatto...
    Stavolta non riuscivo a staccarmi! Vianne rappresenta la libertà, ...continua

    La prima volta che l'ho letto mi sono arresa, per via dei nomi che mi creavano confusione, o forse perchè non era il momento adatto...
    Stavolta non riuscivo a staccarmi! Vianne rappresenta la libertà, l'amore per la vita (e per il cioccolato) e soprattutto l'indifferenza per i pregiudizi e per la normalità.
    Sicuramente una delle mie eroine preferite, in cui mi sono immedesimata subito: altro che spade e cattiveria, datemi del cioccolato e conquisterò il cuore del mondo!

    ha scritto il 

  • 3

    Ho trovato molte diversità rispetto al film, mi chiedo come mai sono state fatte determinate scelte, ad esempio, perché stravolgere il ruolo del prete?!?! Boh.. Comunque libro particolare e scorrevole ...continua

    Ho trovato molte diversità rispetto al film, mi chiedo come mai sono state fatte determinate scelte, ad esempio, perché stravolgere il ruolo del prete?!?! Boh.. Comunque libro particolare e scorrevole, anche se vi sono alcuni punti che non si comprendono a fondo, sono poco chiari.

    ha scritto il 

  • 4

    Un romanzo che fa venire l'aquolina in bocca

    Questo libro mi è piaciuto molto. E' la storia di una donna di nome Vianne che, insieme alla figlia Anouk, si trasferisce in nu paesino della Francia e apre una cioccolateria, ma la cosa non viene vis ...continua

    Questo libro mi è piaciuto molto. E' la storia di una donna di nome Vianne che, insieme alla figlia Anouk, si trasferisce in nu paesino della Francia e apre una cioccolateria, ma la cosa non viene vista bene dal parroco del paese... durante la storia, Vianne conoscerà i cittadini e svolgerà, tra alti e bassi, la sua vita...
    Come lettura personalmente l'ho trovata un pò pesante, almeno per quanto riguarda la prima parte, dopo è abbastanza scorrevole; alcuni punti bisogna rileggerli attentamente perchè sono poco chiari. Fa davvero venire l'acquolina in bocca, con tutte quelle ricette di dolci =)
    Mi piace molto il messaggio che vuole dare, e cioè che bisogna sempre cercare qualcosa di positivo nelle cose, anche se non ci piacciono, e cercare di sorridere e di dimostrare quanto valiamo, anche se inizialmente abbiamo tutto contro.

    ha scritto il 

  • 4

    "Credo che essere felici sia l'unica cosa importante"

    Vianne Rocher e la figlia Anouk sono arrivate a Lansquenet-sous-Tannes in un giorno di carnevale. Dopo anni trascorsi a spostarsi da una città all'altra, il desiderio di fermarsi definitivamente è for ...continua

    Vianne Rocher e la figlia Anouk sono arrivate a Lansquenet-sous-Tannes in un giorno di carnevale. Dopo anni trascorsi a spostarsi da una città all'altra, il desiderio di fermarsi definitivamente è forte. Forse Lansquenet è il posto giusto.
    Dopo aver trasformato una panetteria abbandonata in una chocolaterie dal nome La Céleste Praline; Vianne, con la sua dolce stravaganza, anima il piccolo paese, suscitando pettegolezzi e grandi cambiamenti.
    Gli abitanti di Lasquenet stanno cambiando e tutto questo non piace al curato del paese, Francis Reynaud. L'uomo, con la chiesa di fronte alla chocolaterie, si ritrova a dover sopportare l'affluire sempre costante di persone a La Céleste Praline. Il suo gregge preferisce, persino nei giorni di Santa Messa, seguire la donna: un affronto.
    I rapporti tra i due saranno fatti di frecciatine nascoste da sorrisi. Vianne se lo sente: Reynaud nasconde qualcosa. E Armande Voizin scoprirà il segreto tanto gelosamente custodito da Vianne? Cosa nascondono le nuove arrivate?

    Il profumo di cioccolata ci avvolge teneramente, durante il corso della lettura, dandoci l'impressione di poter assaporare i cioccolatini appena sfornati da Vianne. In un battito di ciglia, sono stata catapultata nella La Céleste Praline. Avendo l'impressione di gustare dolci che sanno di magia, in compagnia di personaggi che hanno un che di magico. Alcuni tratti troppo descrittivi rallentano il momento in cui si leggono; nonostante ciò la storia cattura e si lascia leggere piacevolmente.

    ha scritto il 

  • 4

    Non poter fare nulla, però sentire, pensare... Questo è il vero inferno, spogliato dal suo sforzo medievale. Questa perdita di contatto. Però mi rivolgo a te perché tu mi insegni a comunicare. Perché mi insegni la speranza.

    Prima di leggere Chocolat avevo immaginato rumori e un'attività febbrile: istruzioni urlate a squarciagola da locandandieri vecchi e affannati; il profumo del cioccolato appena fuso che invade le nost ...continua

    Prima di leggere Chocolat avevo immaginato rumori e un'attività febbrile: istruzioni urlate a squarciagola da locandandieri vecchi e affannati; il profumo del cioccolato appena fuso che invade le nostre narici; il sapore salato delle lacrime provocate da una ferita che non si rimarginerà più. Quando arrivai nel piccolo paesino di Lasquenet - sous - Tonnes, questo puntino su una strada che non ha più di duecento abitanti, e guardai la doppia fila di case dai colori spenti e dal tetto spiovente, che si appoggiano l'uno all'altra come a serbare un segreto, invece, tutto era silenzioso e immobile.
    Non si sentiva niente; un vento tiepido, carico degli odori caldi delle frittelle dorate appena sfornate, delle salsicce o delle cialde croccanti, con coriandoli di zucchero che scivolano sulla loro glassa dolciastra, tirava da nord. Una casa vecchia e diroccata, trasandata e malconcia, stanziava alla fine della strada. Da lontano potevo scorgere i gerani rossi ai davanzali, ghirlande di carta crepata attorno ai parapetti e sopra la porta un'insegna nera dipinta a mano: La Céleste Praline. Un pacco rosso come un regolo d'oro, sullo sfondo di un bianco sfolgorante.
    Già da qualche anno, come un punto di domanda senza frase, il mio viaggio verso un luogo che conoscevo solo per sentito dire, era pronto a fondersi con personaggi le cui radici nascoste nella storia delle loro vite formerà quel lungo cordone che alla fine ci legherà.
    Armata di penna a sfera e del mio block notes preferito, mi avvicinai a Vianne così rapidamente che la sua anima aderì al mio corpo come una seconda pelle. Mi avvicinai a tal punto che riuscì a percorrere i meandri della sua memoria. Scoprirla in una moltitudine imperfetta, vagando per ore e ore come uno spettro.
    Entrambe provenivamo da tutt'altre direzioni. Che cosa ci aveva fatto incontrare? Certamente la passione per il cioccolato. La battaglia tra grasso e magro ridotta a una montagna di cioccolatini e dolci, posti in bella mostra dietro la vetrina di un negozio.
    Vianne, con la voce inequivocabile di chi racconta una cosa estremamente importante, mi ha sussurrato una storia per certi versi originale la cui aura lucente mi ha completamente stregato. La sua sorte mi stava così a cuore da sentire il bisogno di condividerla con qualcuno. Le parole non dette rimasero ancora dov'erano rimaste per tutto questo tempo, il dolore simulato da un sorriso di circostanza che, come un'indescrivibile sensazione di malessere, mostrava la sua identità, celata sotto le mentite spoglie della disinvoltura. Vianne che proiettava la sua malinconia fino al mio cuore caldo rinchiuso nella cassa toracica, dove si dilatava e contraeva ogniqualvolta s'imbarcava in una delle sue riflessioni misteriose.
    In ogni parola erano rinchiusi segreti. Segreti che contengono dettagliatamente i particolari sulla sua vita che, come un flagello per l'anima, popolano le sue notti insonni. Segreti pieni di vita di cui il lettore non sa tuttavia cosa farsene, ma che accrescono il suo interesse nei riguardi della storia.
    Chocolat è la storia di una mamma e della sua bambina apparentemente forte, ma fragile, che in una manciata di giorni ha popolato pomeriggi estremamente noiosi. Una ragazza dall'accento non troppo perfetto, che si mangia le vocali come i cittadini del nord, anche se il taglio degli occhi la fanno sembrare di origine italiana e portoghese, nella soglia dell'insoddisfazione, come una spettatrice attenta si guarda intorno rievocando ricordi che l'allontanano dal mondo. Preparare dolci la rasserena. Le conferisce un forte senso di pace. Io ero nel suo cerchio magico, quando avvertii il forte senso di rammarico che gli impedisce di socializzare con gli abitanti del paese, così folli, stravaganti, diffidenti, atei, amanti di teologia o delle belle arti.
    Salutarla è stato un gesto così rapido da risultare sorprendente. Era dovuto dalla storia che Vianne aveva sussurrato al mio orecchio? Credo di si. Un'eco, un sussurro, che aveva reclamato la mia attenzione, spazzando completamente via la storia della mia vita.
    Non avevo niente che potesse considerarsi come una valida ragione per provare moti di frustrazione. Il suo rifiuto di confidarsi, di mettere a nudo una parte della sua anima - indetto da un passato di cui non si sa ancora nulla - non aveva alcuna urgenza. Non era il mistero mal celato ad incuriosirmi ma l'idea che ci fosse dell'altro. Se Vianne era così riservata come sembrava era di sicuro determinata a mantenere in paese l'anonimato. E se era determinata significava che non sarebbe stato facile scoprire i suoi segreti.
    Ha la dolcezza di un abbraccio appena dato, il profumo dolciastro di un dolce appena sfornato, Chocolat è un romanzo che parla di vita. Speranza. Un romanzo intenso, con un filo di drammaticità, che si camuffa tra i dolorosi ricordi di una giovane mamma timorosa dell'ignoto.

    ha scritto il 

  • 3

    E' abbastanza difficile dare un voto a questo libro, perché mi ha lasciato sensazioni contrastanti.
    Sulle prime, le eccessive descrizioni rallentano molto la lettura ma, superati i primi due capitoli, ...continua

    E' abbastanza difficile dare un voto a questo libro, perché mi ha lasciato sensazioni contrastanti.
    Sulle prime, le eccessive descrizioni rallentano molto la lettura ma, superati i primi due capitoli, questa sensazione si ammorbidisce molto.
    Il cambiamento di POV mi ha dato la stessa sensazione. Sulle prime, mi stavo chiedendo chi stesse parlando.
    Inoltre, il continuo passaggio tra passato e futuro, con Vianne che ricorda la madre, crea diverse volte una sensazione di sdoppiamento. A volte ci si confonde, pensando che è Anouk a parlare, e non Vianne.
    Questi, i lati negativi.
    Passando ai lati positivi, è innegabile l'accuratezza nello stile, così come la singolarità della storia.
    Magia, folclore, credenze popolari, religione, tutto si fonde in una miscellanea morbida come il cioccolato, e si finisce con il percepirne il profumo.
    Nel complesso, una lettura interessante, che necessita di attenzione proprio per i frequenti cambi di POV.

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per