Chourmo

Il cuore di Marsiglia

Voto medio di 2285
| 296 contributi totali di cui 252 recensioni , 44 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Il commissario Fabio Montale ha lasciato la polizia, di cui non ha mai condiviso la politica repressiva nei confronti dei giovani immigrati e tantomeno le collusioni di alcuni colleghi con mafiosi e appartenenti al Front National di Le Pen. Quando ...Continua
Ha scritto il 14/09/17
Un po' meglio...
... Ancora a distanza di anni lo trovo il più debole dei tre. Però il tema degli immigrati è forte e premonitore.
Ha scritto il 26/07/17
un desiderio di vendetta
Alla luce del particolare momento storico che stiamo attraversando, Izzo chiarisce molte cose sul proliferare dell'integralismo religioso e probabilmente l'intento dell'autore, nella prima metà degli anni '90 era quello di porre l'attenzione su un ...Continua
Ha scritto il 26/07/17
Essere chourmo
Pur con la simpatia che provo per il personaggio di Montale e per la scrittura di Izzo, questo libro mi è piaciuto meno. L'ho trovato "troppo" di molte cose: trama intricata, nessuno dei personaggi che si salva (tutti hanno fatto o nascondono ...Continua
Ha scritto il 18/02/17
La qualità il ritmo e la modernità della scrittura di Izzo è la cosa che più si fa preferire a fronte di una trama un po' ingarbugliata e di una troppo ingombrante presenza della città di Marsiglia che interagisce troppo con il racconto e di ...Continua
Ha scritto il 16/10/16
Una splendida scoperta
Forse sarà anche la casualità della scoperta ma questo libro è una categoria a se stante, ai livelli del miglior Manchette. Il noir non viene tradito ma diventa strumento di denuncia sociale, la vicenda (che in altra penna sarebbe pretestuosa) ...Continua
  • 1 mi piace

Ha scritto il Apr 24, 2017, 20:59
Anche i rimpianti appartengono alla felicità.
Pag. 425
Ha scritto il Apr 22, 2017, 09:53
Eravamo persi in un silenzio pesante. Quando si apre bocca, si dice sempre troppo. Dopo ci si deve assumere la responsabilità di ciò che si è detto
Pag. 293
Ha scritto il Oct 04, 2015, 20:26
“Sei un tipo strano, Montale. Mi fai pensare a una clessidra. Quando la sabbia è scesa, c’è sempre qualcuno che viene a girarla. Cûc ti ha fatto un bell’effetto!”.
Ha scritto il Oct 04, 2015, 20:26
Vedi, Loubet, quando perdi qualcuno, anche se ormai non c’è più, continui a perderlo per sempre. 
Ha scritto il Oct 04, 2015, 20:26
Cûc posò le labbra sulle mie. Un bacio furtivo. L’ultimo. L’unico. Perché sapevamo che ciò che non era stato possibile compiere non si sarebbe mai compiuto. Anche i rimpianti appartengono alla felicità.

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi