Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Cicatrici

Di

Editore: Guanda (Narratori della Fenice)

3.5
(354)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 238 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8860884020 | Isbn-13: 9788860884022 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Disponibile anche come: Altri

Genere: Crime , Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Ti piace Cicatrici?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
In una grande città del Nord Italia, un uomo insospettabile ha compiuto un efferato delitto davanti a centinaia di testimoni. Nemo Quegg, un grigio e tranquillo tipografo di periferia, ha ucciso una persona con un coltello da cucina, in mezzo a una folla di bambini e genitori che assistevano alla sfilata di un circo. Poi ha gettato il coltello e ha aspettato con calma l’arrivo della polizia. Alla psicologa che dovrà stilare la perizia sulla sanità mentale, Nemo Quegg racconta la sua agghiacciante storia: quella di una ragazza che compariva su un autobus notturno sempre alla stessa ora, di una nave in bottiglia, e di un famoso medico dagli occhi freddissimi. Cosa c’entra in tutto questo un padre che, senza motivo, una notte stermina la propria famiglia nella sala da pranzo, vedendo sfuggire solo la figlia minore? Cosa c’entrano due bambini che calciano un pallone su un promontorio, sotto un cielo pieno di nuvole vorticanti e di stormi di uccelli? E cosa significa quel foglio coperto da scritte indecifrabili, date lontane nel tempo, frasi dei Beatles, e un nome di donna al centro di tutto?
Ordina per
  • 4

    Prima di dare un giudizio fermati, respira e riflettici su. Assimilalo in ogni sua sfumatura, nelle sue parole, nei suoi pensieri. Rimani spettatore ma cerca di non farti coinvolgere dal corso delle cose! Impossibile! Morozzi ti trascina dentro anche se tu non vuoi e con una capacità impressionan ...continua

    Prima di dare un giudizio fermati, respira e riflettici su. Assimilalo in ogni sua sfumatura, nelle sue parole, nei suoi pensieri. Rimani spettatore ma cerca di non farti coinvolgere dal corso delle cose! Impossibile! Morozzi ti trascina dentro anche se tu non vuoi e con una capacità impressionante tutto quello che leggi ha un volto, un colore, una luce, una personalità, una nota, un profumo, una sensazione. Gradevole o sgradevole che sia ti ritrovi a fianco di quei personaggi a patteggiare per loro, a sostenerli, a incitarli, amarli, odiarli; impossibilie l'indifferenza. Morozzi ha una capacità straordinaria nel mostrare lati psicologici e anche psicanalitici molto profondi dei suoi personaggi. Li rende vivi, veri, che si possono toccare capire comprendere. Se inizi un suo libro sei dentro come a una spirale non puoi chiuderlo finchè non lo hai finito! Assolutamente da leggere ma con un pizzico di preparazione alla sfrenata fantasia dello scrittore!

    ha scritto il 

  • 2

    ... mah... le prime cinquanta pagine (circa) del libro mi avevano incuriosita, quest'uomo solo che si innamorara di una misteriosa ragazza che sale sul suo stesso autobus e che tra un sospiro e l'altro riesce a conoscere, ma...
    ... tra ossessioni, autolesionismo, perversioni varie, vendetta, rein ...continua

    ... mah... le prime cinquanta pagine (circa) del libro mi avevano incuriosita, quest'uomo solo che si innamorara di una misteriosa ragazza che sale sul suo stesso autobus e che tra un sospiro e l'altro riesce a conoscere, ma... ... tra ossessioni, autolesionismo, perversioni varie, vendetta, reincarnazioni, forse l'autore ha un po' ecceduto, secondo me.

    ha scritto il 

  • 3

    faccio fatica a definirlo.
    è scritto bene, t'intriga e ti prende..
    l'idea è anche piuttosto originale e, malgrado il già sentito, riesce a proporre qualcosa di nuovo che apprezzi per come l'ha saputo gestire e l'ha saputo usare per sorprendere il lettore.
    ma:
    ma è praticamente diviso in due p ...continua

    faccio fatica a definirlo. è scritto bene, t'intriga e ti prende.. l'idea è anche piuttosto originale e, malgrado il già sentito, riesce a proporre qualcosa di nuovo che apprezzi per come l'ha saputo gestire e l'ha saputo usare per sorprendere il lettore. ma: ma è praticamente diviso in due parti (e lo scopri verso la fine) e la seconda parte (che in verità l'autore spiega che avrebbe dovuto essere la prima), sa troppo di spiegone messo li per far capire e far chiudere il cerchio.. e io avrei preferito arrivarci da sola (è uguale che poi non ci sarei arrivata :3 era per dire.. )

    ha scritto il 

  • 4

    Cicatrici

    Perché un uomo normale, anche se introverso e senza vita sociale di nessun tipo, un giorno assalta un uomo e lo uccide con diverse coltellate?


    La sua storia la racconterà al medico che deve decidere la sua infermità mentale. Alla fine del racconto anche noi crederemo che non poteva fare al ...continua

    Perché un uomo normale, anche se introverso e senza vita sociale di nessun tipo, un giorno assalta un uomo e lo uccide con diverse coltellate?

    La sua storia la racconterà al medico che deve decidere la sua infermità mentale. Alla fine del racconto anche noi crederemo che non poteva fare altrimenti? Che tutti gli attori di questa disgrazia fossero e saranno anche nel futuro, legati da un vincolo impossibile da rompere?

    ha scritto il 

  • 2

    Un romanzuccio sulla vendetta che, nonostante qualche pruriginosità pseudo-erotica e un twist soprannaturale (entrambi isolati dal resto della storia), non dice veramente nulla di nuovo. Mediocre.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    2

    Al termine della cronaca raccontata dalla psicologa di Nemo Queeg, lei stessa si chiede "Come interpretare quell'assurda storia di rincarnazioni?".
    Un'unica cosa dico: assurdo.
    Nemo Quegg muore in carcere, incidente per molti, opera di un secondino per altri. E poi la psicologa scopre di aspetta ...continua

    Al termine della cronaca raccontata dalla psicologa di Nemo Queeg, lei stessa si chiede "Come interpretare quell'assurda storia di rincarnazioni?". Un'unica cosa dico: assurdo. Nemo Quegg muore in carcere, incidente per molti, opera di un secondino per altri. E poi la psicologa scopre di aspettare il secondo figlio...e il cerchio delle reincarnazioni continua a girare.

    ha scritto il 

Ordina per