Cigni selvatici

Tre figlie della Cina

Di

Editore: TEA (Teadue)

4.3
(1683)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 677 | Formato: Tascabile economico | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Chi tradizionale , Spagnolo , Catalano , Francese , Tedesco , Portoghese , Svedese , Olandese , Ceco , Norvegese , Greco , Finlandese

Isbn-10: 8878184497 | Isbn-13: 9788878184497 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Lidia Perria

Disponibile anche come: Copertina rigida , Altri , Paperback , eBook

Genere: Biografia , Narrativa & Letteratura , Storia

Ti piace Cigni selvatici?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
La storia vera di "tre figlie della Cina" (l'autrice, sua madre, sua nonna) le cui vite e le cui sorti rispecchiano un secolo di storia cinese, un tempo di rivoluzioni, di tragedie e di speranze: dall'epoca dei "signori della guerra" all'occupazione giapponese e poi russa, dalla guerra civile tra i comunisti e il Kuomintang alla lunga Marcia di Mao e alla Rivoluzione Culturale. Allevata come una "Guardia rossa", Jung Chang raccoglierà infine l'eredità di dolore e di speranza di sua nonna e di sua madre, opponendosi al regime, che le deporterà i genitori in un campo di rieducazione e la esilierà ai piedi dell'Himalaya, fino all'insperata occasione di espatrio, nel 1978, verso l'Inghilterra.
Ordina per
  • 5

    Definitely a masterpiece, both as a beautifully written epic novel, and as a reliable historical document. The stories of the author's family are depicted in such a realistic and vivid way that read ...continua

    Definitely a masterpiece, both as a beautifully written epic novel, and as a reliable historical document. The stories of the author's family are depicted in such a realistic and vivid way that readers may be under an illusion that they were watching a movie, not a true history, the contemporary Chinese history in the 20th century.

    ha scritto il 

  • 4

    Un libro in cui si ripercorrono più di cento anni di storia cinese attraverso tre generazioni di donne. Mi ha affascinato la semplicità con cui, all'interno del romanzo, si passa dall'ambientazione qu ...continua

    Un libro in cui si ripercorrono più di cento anni di storia cinese attraverso tre generazioni di donne. Mi ha affascinato la semplicità con cui, all'interno del romanzo, si passa dall'ambientazione quasi "impalpabile" della vicenda della nonna e la nuda e cruda realtà degli anni suoi e di sua madre: quello che è riportato nel testo è veramente sconcertante. Un libro ricco di emozioni e di passioni, pieno di vita, con una scrittura focalizzata sull'evento, l'autrice ha creato una nitida fotografia della Cina pre e durante il periodo Maoista. Avere la coscienza di ciò che è successo non è solo un dovere storico ma è anche un dovere umano che porta a riflettere sulla potenza dell'ideologia e sulla misteriosa crudeltà del cuore umano. Tragica e bella è la figura del padre tradito da quella causa cui ha dato la vita. L'inizio stenta un po' a decollare per la narrazione rigorosamente storica, ma di fronte alla devastazione dell'uomo emerge come appiglio di salvezza anche la bellezza del creato che forse è la parte più interessante come dicevo prima, mentre il periodo che più mi ha incuriosita è quello della rivoluzione culturale.

    ha scritto il 

  • 4

    Vite intrappolate

    Le vite, in primis, sono quelle di tre donne, la scrittrice, Jung Chang, la madre, l' amata nonna materna che, come punte di un aisberg da una massa di figure più o meno importanti nella vita di Jung, ...continua

    Le vite, in primis, sono quelle di tre donne, la scrittrice, Jung Chang, la madre, l' amata nonna materna che, come punte di un aisberg da una massa di figure più o meno importanti nella vita di Jung, come lo è stato il padre, uomo incorruttibile, moralmente integerrimo, fedele al ruolo che ricopriva in modo esasperante, ma in fondo degno di stima.
    Lo scenario è quello dell' immensa Cina di quasi tutto il '900.
    Nelle pagine di questo impegnativo libro Jung, con ciglio asciutto, ce la fa percorrere in lungo e in largo per estenuanti chilometri fornendoci tanti dettagli da rallentare talvolta la lettura. Tuttavia essi mi sembrano determinanti per ricreare l' atmosfera a dir poco pesante della quotidianità, e per darci un quadro della situazione politico-sociale del tempo, con le conseguenti implicazioni sulla vita privata dei cittadini, anche se di privato poco o nulla era consentito.
    Comunque il libro è un mix di privato e pubblico che ci immerge in un periodo abbastanza complicato della storia cinese, dalla più lontana lotta contro nemici interni ed esterni fino ai tempi del "Grande Timoniere", Mao.
    E' un periodo carico di speranze ma anche di delusioni, che Jung Chang ricostruisce quando il passato non è più acutamente doloroso, e vengono a galla i ricordi personali chiariti, sostenuti e rafforzati dai contributi della madre e dai tanti tasselli "offerti" dai racconti di familiari, amici, conoscenti.
    Certamente la ricostruzione degli avvenimenti che irrompono e travolgono la vita quotidiana in modo altamente invasivo, rispecchia il punto di vista di chi li ha vissuti sulla propria pelle; ma non c' è dubbio che evocano e trasmettono tanto dolore e tanti interrogativi.
    Svelano, inoltre, come la macchina del potere può essere messa in moto e schiacciare anche gli spiriti più forti, facendo ricorso a campagne ad hoc, slogan, iperboli retoriche, parole d' ordine, cacce alle streghe, umiliazioni, torture, annientamento della fazione avversa.
    Una macchina organizzativa ben oleata con l' inflessibilità, l' indottrinamento, il terrore al fine di, silenziando qualsiasi dubbio o ribellione, poter ottenere il controllo assoluto di cuore e mente.
    Fanno venire i brividi le pagine in cui la scrittrice si sofferma a descrivere le angherie di ogni genere, le brutalità inflitte a chi non si piega alle assurdità di certi ordini.
    Poi, fortunatamente, Jung Chang ci lascia un po' respirare quando , pur con il cuore in tumulto ma con occhi e orecchie attenti, indugia sulla magia dei paesaggi, la bellezza della natura, il "respiro" di alberi, fiori, montagne a perdita d' occhio.

    Sono queste, come pure le pagine più intime degli affetti, che rendono il romanzo interessante!

    ha scritto il 

  • 5

    不論作者筆下的毛澤東是否客觀,但對中國整個近代史的觀點卻絕對獨立
    也解開了我多次對兩岸文化差異甚大的疑問
    甚至那些未浮現在檯面上的歷史,經由文字也深刻地在腦海中浮出畫面

    ha scritto il 

  • 4

    http://jysnow.pixnet.net/blog/post/42616922 看完張戎寫的《鴻》,才能理解他為什麼接著會寫出《毛澤東:鮮為人知的故事》。無論張戎筆下的毛澤東是否客觀嚴謹,但不能否認,毛澤東對中國帶來莫大的災難。可是這樣的災難被中共有意的忽略或掩蓋,即使是共產中國政治氣氛最鬆弛的1980年代,這件事情也從來沒有真正放到檯面上討

    ha scritto il 

  • 4

    Il libro è molto interessante, perchè, dall'interno delle Cina comunista, questa viene raccontata, con i suoi orrori, follie, manipolazioni.
    Un punto di vista interessante e per noi insolito ...continua

    Il libro è molto interessante, perchè, dall'interno delle Cina comunista, questa viene raccontata, con i suoi orrori, follie, manipolazioni.
    Un punto di vista interessante e per noi insolito

    ha scritto il 

  • 5

    Molto interessante

    Il romanzo è davvero molto bello. E' la storia vera di Jung Chang, autrice del romanzo, della vita della nonna, della mamma e della sua. Racconta quasi un secolo di Cina, partendo dalla nonna nata nel ...continua

    Il romanzo è davvero molto bello. E' la storia vera di Jung Chang, autrice del romanzo, della vita della nonna, della mamma e della sua. Racconta quasi un secolo di Cina, partendo dalla nonna nata nel 1909. Accosta alla parte romanzata, dedicata agli eventi delle loro vite, anche parti storiche ed eventi fondamentali per la Cina. Particolare attenzione viene posta sulla figura di Mao che, per una volta, viene visto per quello che davvero è stato: un tiranno.

    ha scritto il 

  • 5

    La prima impressione non è quella che conta

    Ammetto che il primo impatto con il libro della Chang è quasi mistico... Ho sviluppato pensieri del tipo: se mi cade su un piede non potrò mai più diventare ballerina classica o deambulare, accidenti ...continua

    Ammetto che il primo impatto con il libro della Chang è quasi mistico... Ho sviluppato pensieri del tipo: se mi cade su un piede non potrò mai più diventare ballerina classica o deambulare, accidenti mancano i dialoghi, che fine hanno fatto le virgolette???
    Mai opinione fu più errata (ah l'orgoglio... ah il pregiudizio), il libro conquista da subito ed è scritto in modo fluente, un fiume in piena che trasporta il lettore in un secolo di storia cinese... mirato e raccontato da donne. Donne che affrontano diversi periodi storici, con e senza piedi fasciati, con e senza vestiti alla rivoluzionaria, ma sempre ricche di passione e coraggio...
    Bello e decisamente interessante, ricco di dettagli su una storia recente e nascosta, raccontata e dimenticata...

    ha scritto il 

  • 4

    Mi è piaciuto molto, mi ha dato uno spaccato di vita di cui non ero a conoscenza se non vagamente!
    Molti film sull'olocausto nazista forse un pò meno sulla cina di Mao, ma forse dovrei fare una maggio ...continua

    Mi è piaciuto molto, mi ha dato uno spaccato di vita di cui non ero a conoscenza se non vagamente!
    Molti film sull'olocausto nazista forse un pò meno sulla cina di Mao, ma forse dovrei fare una maggiore ricerca e sicuramente il meritò sarà di questo libro. Sconvolgente l'uomo fin dove è capace di spingersi e come una cultura così profonda riesca a degenerare nell'arco di pochi anni.

    ha scritto il 

Ordina per