Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Cime Tempestose

Di

Editore: Dalai (Classici tascabili)

4.2
(16991)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 330 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Portoghese , Chi tradizionale , Spagnolo , Tedesco , Francese , Coreano , Chi semplificata , Catalano , Svedese , Slovacco , Norvegese , Polacco , Olandese , Greco , Turco , Ungherese , Ceco , Macedone

Isbn-10: 8860739586 | Isbn-13: 9788860739582 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: F. Belli

Disponibile anche come: Altri , Copertina rigida , Copertina morbida e spillati , Cofanetto , Tascabile economico , CD audio , eBook

Genere: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Romance

Ti piace Cime Tempestose?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Nell'inquietante, selvaggia brughiera dello Yorkshire una passione distruttiva travolge la vita di due esistenze in conflitto: Heathcliff, misterioso trovatello, non si rassegna a perdere la sua Catherine, la cercherà e l'amerà sempre. A un primo livello di lettura, il romanzo disintegra il mito vittoriano della famiglia. Nonostante il lieto fine, infatti, Emily Brontë rappresenta la storia di un nucleo famigliare diviso da odio profondo, contrasti e rotture insanabili. Elaborato attingendo al repertorio tradizionale del romanzo gotico, il romanzo presenta, tuttavia, alcuni elementi di novità a livello strutturale, anticipando soluzioni che saranno proprie del Novecento.
Ordina per
  • 3

    Immagino che vuoi tutti abbiate sentito parlare almeno una volta di questo libro, però personalmente non mi ha mai attirato molto. A dire la verità, una volta mi è capitato di vedere uno spezzone del ...continua

    Immagino che vuoi tutti abbiate sentito parlare almeno una volta di questo libro, però personalmente non mi ha mai attirato molto. A dire la verità, una volta mi è capitato di vedere uno spezzone del film tratto dal romanzo, e non mi è piaciuto per niente. Non posso dire se il film fosse fatto male o che altro, però questo ha sicuramente contribuito a tenermi lontana da questo classico per diverso tempo, fino a che non ho ceduto alla seduzione di questa collana della Newton e Compton, che offre grandi classici a soli quattro euro.
    Ho letto l'intero libro in tre giorni, approfittando di giornato in cui non avevo nient'altro da fare, e la lettura è stata sicuramente piacevole, però la definirei ormai "passata": insomma, potrei criticare fino a un certo punto se qualche altra ragazza mi venisse a dire che è una pizza mortale, perchè sia lo stile, sia l'impostazione della trama, sono qualcosa di profondamente diverso rispetto ai romanzi a cui noi "moderni" siamo abituati. Il trucco quindi è, come sempre con i libri del passato, contestualizzare l'opera, pensare a Emily mentre la scriveva, immaginarsi il suo tempo, perchè solo così credo si potrebbe intuire il motivo per cui Cime tempestose è diventato una delle opere principali della letteratura inglese.

    Mi sono sorpresa di come io personalmente abbia sempre associato questo titolo a una storia d'amore, sul genere di Orgoglio e Pregiudizio della Austen. Ebbene, anche se tutto prende avvio dai sentimenti che il protagonista Heathcliff nutre fin da bambino per l'amica Catherine, la loro storia non ha assolutamente nulla a che fare con quella tra Darcy e Elizabeth Bennet. La storia di Heathcliff è essenzialmente la ricerca della più tremenda delle vendette: non so ci si possa innamorare di un personaggio simile, io personalmente l'ho trovato diabolico e insensibile. Il suo amore per Catherine, per quanto profondo e radicato in lui, mi è sembrato molto più vicino a una forma di ossessione pericolosa, che lo porterà poi a tentare di vendicarsi della famiglia di lei e di quella di suo marito, puntando a diventare il padrone di tutto e a ritorcere la sua vendetta anche sulla nuova generazione.
    Alcune scene sono davvero crude, tra personaggi ubriachi e alzate di mano. Perfino i personaggi femminili, inclusa la stessa Catherine di cui Heathcliff è innamorato, è una ragazza viziata e a suo modo superficiale, proprio il tipo di ragazza che non mi sarei aspettata di trovare in un romanzo ottocentesco.

    Una delle sorprese è stata scoprire che l'intera vicenda, che si snoda dall'arrivo di Heathcliff bambino in casa Earnshaw alla sua morte, è narrata da Ellen Dean, domestica della famiglia che vivrà assistendo a tutte le vicende, per poi narrarle a un visitatore estraneo, il signor Lockood.
    Macabro in alcuni particolari, si risolve comunque in un lieto fine, ma solo dopo che il dark hero esce finalmente di scena e libera gli altri personaggi dalla sua ombra.
    Non è stata una lettura pesante, ma dovendo affrontare tutti i particolari dell'arco della vita di un personaggio, non c'è stata tutta questa emozione, e personalmente preferire avere a che fare con un Mr.Darcy che non con un Heathcliff!

    ha scritto il 

  • 5

    Cime Tesmpestose è l'opera dell'amore fatale, dell'amore oltre la morte, dell'osmosi uomo-donna, della simbiosi tra l'uomo e la Natura. Heathcliff non è simpatico, certo, ma è proprio la sua oscurità, ...continua

    Cime Tesmpestose è l'opera dell'amore fatale, dell'amore oltre la morte, dell'osmosi uomo-donna, della simbiosi tra l'uomo e la Natura. Heathcliff non è simpatico, certo, ma è proprio la sua oscurità, quasi malefica, a renderlo straordinario e non che Catherine sia migliore, anzi, crudele fino alla morte e oltre: perseguitarlo oltre la morte ha un senso alla luce della sua crudeltà e del suo egoismo. Sono due esseri oscuri che si amano procurandosi dolore reciproco; sono duri e aspri come la brughiera che li circonda e si riconoscono e si amano in quanto esseri solitari, abbandonati, oscuri e nella drammatica consapevolezza di essere crudeli. Sono il lato oscuro di ciascuno di noi, l'amore arrabbiato ed egoista, ma questo non rende il loro amore meno travolgente di un amore "sano" e vincente.

    ha scritto il 

  • 5

    Wuthering Heights

    "Cime tempestose" è uno dei romanzi più amati-odiati della letteratura. Il carattere ed il comportamento dei personaggi ha fatto odiare il libro a molti, la splendida storia d'amore che si cela tra le ...continua

    "Cime tempestose" è uno dei romanzi più amati-odiati della letteratura. Il carattere ed il comportamento dei personaggi ha fatto odiare il libro a molti, la splendida storia d'amore che si cela tra le righe (anche se poi tra le righe celata non è, forse è più nascosta tra i vari eventi che si avvicendano) lo ha fatto amare ai più. Ho sentito spesso pareri negativi sul romanzo, di molti che sono anche stati tentati di abbandonarlo, ma che lo hanno rivalutato nel finale, quando, come un colpo di scena, tutti i pezzi tornano al proprio posto e tutto sembra essere chiaro e limpido come non mai.
    Personalmente, ho amato dalla prima all'ultima pagina il romanzo di Emily Bronte; gli aspetti più macabri e spaventosi del racconto sono da imputare al periodo del romanzo Gotico in cui è vissuta l'autrice (e, in tutta onestà, non dispiace leggere di storie d'amore "alternative", oltre alle solite in cui tutto è rose e fiori).

    ha scritto il 

  • 4

    Devo ammettere che mi aspettavo una storia completamente diversa. L'amore che pensavo avrebbe avuto un ruolo più dominante nella storia è in realtà un sottofondo che si genera tutta la trama che comun ...continua

    Devo ammettere che mi aspettavo una storia completamente diversa. L'amore che pensavo avrebbe avuto un ruolo più dominante nella storia è in realtà un sottofondo che si genera tutta la trama che comunque resta quasi accantonata,ben più forte è lo spirito vendicativo. A suo modo ogni personaggio si è fatto odiare,non c'è stato per quanto mi riguarda un personaggio per cui tifare e questo rende singolare questo libro. Pur essendo un classico l'hotrovato comunque molto scorrevole e di facile lettura! Consigliato!

    ha scritto il 

  • 0

    Mi spiace ma questo classico non si può sopportare. Si legge senza problemi ma è pieno di situazioni e personaggi che non hanno senso. E poi, a che serve quel povero affituario stupido e curioso, se n ...continua

    Mi spiace ma questo classico non si può sopportare. Si legge senza problemi ma è pieno di situazioni e personaggi che non hanno senso. E poi, a che serve quel povero affituario stupido e curioso, se non al semplice racconto degli avvenimenti?

    ha scritto il 

  • 1

    mediocre...

    Ho impiegato mesi a leggere questo libro, ogni volta che provavo a leggere una pagina, gli occhi mi si chiudevano. Troppo noioso e personaggi detestabili. Mi dispiace perché avevo grosse aspettative v ...continua

    Ho impiegato mesi a leggere questo libro, ogni volta che provavo a leggere una pagina, gli occhi mi si chiudevano. Troppo noioso e personaggi detestabili. Mi dispiace perché avevo grosse aspettative visto che la maggioranza lo ama.

    ha scritto il 

  • 4

    La prima volta a nove anni con un'amica lo abbiamo letto ad alta voce una pagina per uno. Poi,negli anni, come minimo l'ho riletto almeno altre cinque volte. È proprio adatto a tutti.
    Ogni volta che s ...continua

    La prima volta a nove anni con un'amica lo abbiamo letto ad alta voce una pagina per uno. Poi,negli anni, come minimo l'ho riletto almeno altre cinque volte. È proprio adatto a tutti.
    Ogni volta che sento le parole "brughiera ed erica" il mio pensiero torna a là

    ha scritto il 

  • 3

    Cime tempestose mi è piaciuto meno, per restare nella famiglia Bronte, di Jane Eyre. Ma pur non essendo un capolavoro in senso assoluto, lo è nell'ambito della letteratura romantica inglese, di quella ...continua

    Cime tempestose mi è piaciuto meno, per restare nella famiglia Bronte, di Jane Eyre. Ma pur non essendo un capolavoro in senso assoluto, lo è nell'ambito della letteratura romantica inglese, di quella che ha in Jane Austen il suo pilastro. Intriso di elementi gotici, non racconta molto della società, di cui il romanzo inglese è imbevuto, e regala una storia d'amore e di vendetta originale, soprattutto per l'epoca in cui è stato scritto

    ha scritto il 

  • 4

    L'amore visto con un ulteriore metro.

    Finalmente ho avuto il piacere di leggere questo grande classico che tutti mi continuavano a decantare ed io, povera ignara, non mi decidevo a prendere sul serio l'inizio di questa lettura.

    È un class ...continua

    Finalmente ho avuto il piacere di leggere questo grande classico che tutti mi continuavano a decantare ed io, povera ignara, non mi decidevo a prendere sul serio l'inizio di questa lettura.

    È un classico scritto bene anche se a tratti la narrazione diventa prolissa e ridondante creando solo noia nel lettore, i personaggi e le storie sono intriganti e appassionanti. Secondo me Cime Tempestose è uno di quei libri da salotto letterario in cui il bello del libro è la discussione dopo la lettura finita e cercare di capire, attraverso varie opinioni, il carattere o le azioni di ciascun personaggio.

    La storia inizia quando il signor Lockwood vuole prendere in affitto il podere di Trushcross Grange e in un momento di poca salute, si fa raccontare dalla donna di servizio, la signora Dean, la storia dei personaggi che hanno vissuto nei due poderi della brughiera: Cime Tempestose e La Grange.
    Inizia così il viaggio nel racconto della signora Dean che ha vissuto sulla propria pelle tutti gli avvenimenti di quegl'anni.
    La vicenda, di per sè, si legge in modo MOLTO spicciolo nella descrizione del libro qua sopra.
    I personaggi, invece, hanno tutti una loro sfumatura tant'è che ognuno era particolare a modo suo.
    Partiamo dai "fantastici tre": Catherine e Hindley (fratelli Earnshaw) e Heathcliff (figlio di ignoti e adottato dal padre di Hindley e Catherine, padrone di Cime Tempestose). Inutile dire che, da parte dei due fratelli, inizia quasi una sorta di odio e gelosia verso questo povero bambino dai capelli e dalla pelle scura, ma dopo averlo conosciuto, Catherine lo prende sotto alla sua ala e lo proteggerà come un caro amico. La prima parte del libro è tutta incentrata fra la loro storia che parte dall'amicizia e sfocia, per noi lettori, in una sorte di amore un po' diverso dal solito.
    Hindley, sia da bambino che da adulto si farà beffa di Heathcliff per poi esserne quasi schiavo.
    Nella seconda parte del libro incontriamo i due fratelli Linton ormai signori di Trushcross Grange: Isabella e Edgar Linton e dei loro figli: Cathy (figlia di Edgar e Catherine), Linton (figlio di Heathcliff e Isabella) e Hareton (figlio di Hindley). E da qui inizia un'altra storia collegata a quella precedente.
    Non posso raccontare oltre o, qualsiasi cosa io scriva, passa tutto per spoiler e direi di evitarlo!

    Le ultime parole del libro ti lasciano qualcosa che già avevi capito in precedenza ma non vedi l'ora di confermare la tua tesi e spargere lodi affinché qualcuno, curioso come te, finisce per leggersi romanzi con un valore che non porta nessuna data di scadenza: è il bello di prendere in mano questo genere di libri.

    ha scritto il 

  • 0

    Sarà che partivo con troppe aspettative ma io non l'ho trovato poi tutto sto capolavoro. Buon libro? si. Scritto bene? certo. Personaggi interessanti? si. ho trovato però poco approfondite le "persona ...continua

    Sarà che partivo con troppe aspettative ma io non l'ho trovato poi tutto sto capolavoro. Buon libro? si. Scritto bene? certo. Personaggi interessanti? si. ho trovato però poco approfondite le "personalità", ovvero, situazioni e caratteri portati all'esasperazione poco attinenti alla realtà. Tutto sommato è un buon libro ma di certo non uno dei migliori classici che io abbia mai letto (e quando mi accosto ad un grande classico è questo che mi aspetto).

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per