Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Cime tempestose

Di

Editore: Newton Compton (I grandi dell'800)

4.2
(16935)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 320 | Formato: Copertina morbida e spillati | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Portoghese , Chi tradizionale , Spagnolo , Tedesco , Francese , Coreano , Chi semplificata , Catalano , Svedese , Slovacco , Norvegese , Polacco , Olandese , Greco , Turco , Ungherese , Ceco , Macedone

Isbn-10: 8854102369 | Isbn-13: 9788854102361 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Mariagrazia Oddera Bianchi ; Prefazione: Mario Lunetta

Disponibile anche come: Altri , Paperback , Copertina rigida , Cofanetto , Tascabile economico , CD audio , eBook

Genere: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Romance

Ti piace Cime tempestose?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 5

    Wuthering Heights

    "Cime tempestose" è uno dei romanzi più amati-odiati della letteratura. Il carattere ed il comportamento dei personaggi ha fatto odiare il libro a molti, la splendida storia d'amore che si cela tra le ...continua

    "Cime tempestose" è uno dei romanzi più amati-odiati della letteratura. Il carattere ed il comportamento dei personaggi ha fatto odiare il libro a molti, la splendida storia d'amore che si cela tra le righe (anche se poi tra le righe celata non è, forse è più nascosta tra i vari eventi che si avvicendano) lo ha fatto amare ai più. Ho sentito spesso pareri negativi sul romanzo, di molti che sono anche stati tentati di abbandonarlo, ma che lo hanno rivalutato nel finale, quando, come un colpo di scena, tutti i pezzi tornano al proprio posto e tutto sembra essere chiaro e limpido come non mai.
    Personalmente, ho amato dalla prima all'ultima pagina il romanzo di Emily Bronte; gli aspetti più macabri e spaventosi del racconto sono da imputare al periodo del romanzo Gotico in cui è vissuta l'autrice (e, in tutta onestà, non dispiace leggere di storie d'amore "alternative", oltre alle solite in cui tutto è rose e fiori).

    ha scritto il 

  • 4

    Devo ammettere che mi aspettavo una storia completamente diversa. L'amore che pensavo avrebbe avuto un ruolo più dominante nella storia è in realtà un sottofondo che si genera tutta la trama che comun ...continua

    Devo ammettere che mi aspettavo una storia completamente diversa. L'amore che pensavo avrebbe avuto un ruolo più dominante nella storia è in realtà un sottofondo che si genera tutta la trama che comunque resta quasi accantonata,ben più forte è lo spirito vendicativo. A suo modo ogni personaggio si è fatto odiare,non c'è stato per quanto mi riguarda un personaggio per cui tifare e questo rende singolare questo libro. Pur essendo un classico l'hotrovato comunque molto scorrevole e di facile lettura! Consigliato!

    ha scritto il 

  • 0

    Mi spiace ma questo classico non si può sopportare. Si legge senza problemi ma è pieno di situazioni e personaggi che non hanno senso. E poi, a che serve quel povero affituario stupido e curioso, se n ...continua

    Mi spiace ma questo classico non si può sopportare. Si legge senza problemi ma è pieno di situazioni e personaggi che non hanno senso. E poi, a che serve quel povero affituario stupido e curioso, se non al semplice racconto degli avvenimenti?

    ha scritto il 

  • 1

    mediocre...

    Ho impiegato mesi a leggere questo libro, ogni volta che provavo a leggere una pagina, gli occhi mi si chiudevano. Troppo noioso e personaggi detestabili. Mi dispiace perché avevo grosse aspettative v ...continua

    Ho impiegato mesi a leggere questo libro, ogni volta che provavo a leggere una pagina, gli occhi mi si chiudevano. Troppo noioso e personaggi detestabili. Mi dispiace perché avevo grosse aspettative visto che la maggioranza lo ama.

    ha scritto il 

  • 4

    La prima volta a nove anni con un'amica lo abbiamo letto ad alta voce una pagina per uno. Poi,negli anni, come minimo l'ho riletto almeno altre cinque volte. È proprio adatto a tutti.
    Ogni volta che s ...continua

    La prima volta a nove anni con un'amica lo abbiamo letto ad alta voce una pagina per uno. Poi,negli anni, come minimo l'ho riletto almeno altre cinque volte. È proprio adatto a tutti.
    Ogni volta che sento le parole "brughiera ed erica" il mio pensiero torna a là

    ha scritto il 

  • 3

    Cime tempestose mi è piaciuto meno, per restare nella famiglia Bronte, di Jane Eyre. Ma pur non essendo un capolavoro in senso assoluto, lo è nell'ambito della letteratura romantica inglese, di quella ...continua

    Cime tempestose mi è piaciuto meno, per restare nella famiglia Bronte, di Jane Eyre. Ma pur non essendo un capolavoro in senso assoluto, lo è nell'ambito della letteratura romantica inglese, di quella che ha in Jane Austen il suo pilastro. Intriso di elementi gotici, non racconta molto della società, di cui il romanzo inglese è imbevuto, e regala una storia d'amore e di vendetta originale, soprattutto per l'epoca in cui è stato scritto

    ha scritto il 

  • 4

    L'amore visto con un ulteriore metro.

    Finalmente ho avuto il piacere di leggere questo grande classico che tutti mi continuavano a decantare ed io, povera ignara, non mi decidevo a prendere sul serio l'inizio di questa lettura.

    È un class ...continua

    Finalmente ho avuto il piacere di leggere questo grande classico che tutti mi continuavano a decantare ed io, povera ignara, non mi decidevo a prendere sul serio l'inizio di questa lettura.

    È un classico scritto bene anche se a tratti la narrazione diventa prolissa e ridondante creando solo noia nel lettore, i personaggi e le storie sono intriganti e appassionanti. Secondo me Cime Tempestose è uno di quei libri da salotto letterario in cui il bello del libro è la discussione dopo la lettura finita e cercare di capire, attraverso varie opinioni, il carattere o le azioni di ciascun personaggio.

    La storia inizia quando il signor Lockwood vuole prendere in affitto il podere di Trushcross Grange e in un momento di poca salute, si fa raccontare dalla donna di servizio, la signora Dean, la storia dei personaggi che hanno vissuto nei due poderi della brughiera: Cime Tempestose e La Grange.
    Inizia così il viaggio nel racconto della signora Dean che ha vissuto sulla propria pelle tutti gli avvenimenti di quegl'anni.
    La vicenda, di per sè, si legge in modo MOLTO spicciolo nella descrizione del libro qua sopra.
    I personaggi, invece, hanno tutti una loro sfumatura tant'è che ognuno era particolare a modo suo.
    Partiamo dai "fantastici tre": Catherine e Hindley (fratelli Earnshaw) e Heathcliff (figlio di ignoti e adottato dal padre di Hindley e Catherine, padrone di Cime Tempestose). Inutile dire che, da parte dei due fratelli, inizia quasi una sorta di odio e gelosia verso questo povero bambino dai capelli e dalla pelle scura, ma dopo averlo conosciuto, Catherine lo prende sotto alla sua ala e lo proteggerà come un caro amico. La prima parte del libro è tutta incentrata fra la loro storia che parte dall'amicizia e sfocia, per noi lettori, in una sorte di amore un po' diverso dal solito.
    Hindley, sia da bambino che da adulto si farà beffa di Heathcliff per poi esserne quasi schiavo.
    Nella seconda parte del libro incontriamo i due fratelli Linton ormai signori di Trushcross Grange: Isabella e Edgar Linton e dei loro figli: Cathy (figlia di Edgar e Catherine), Linton (figlio di Heathcliff e Isabella) e Hareton (figlio di Hindley). E da qui inizia un'altra storia collegata a quella precedente.
    Non posso raccontare oltre o, qualsiasi cosa io scriva, passa tutto per spoiler e direi di evitarlo!

    Le ultime parole del libro ti lasciano qualcosa che già avevi capito in precedenza ma non vedi l'ora di confermare la tua tesi e spargere lodi affinché qualcuno, curioso come te, finisce per leggersi romanzi con un valore che non porta nessuna data di scadenza: è il bello di prendere in mano questo genere di libri.

    ha scritto il 

  • 0

    Sarà che partivo con troppe aspettative ma io non l'ho trovato poi tutto sto capolavoro. Buon libro? si. Scritto bene? certo. Personaggi interessanti? si. ho trovato però poco approfondite le "persona ...continua

    Sarà che partivo con troppe aspettative ma io non l'ho trovato poi tutto sto capolavoro. Buon libro? si. Scritto bene? certo. Personaggi interessanti? si. ho trovato però poco approfondite le "personalità", ovvero, situazioni e caratteri portati all'esasperazione poco attinenti alla realtà. Tutto sommato è un buon libro ma di certo non uno dei migliori classici che io abbia mai letto (e quando mi accosto ad un grande classico è questo che mi aspetto).

    ha scritto il 

  • 5

    CIME TEMPESTOSE – BRONTE
    E’ arrivato il famoso brivido di cui parlo spesso nei miei commenti. Si manifesta appena leggo l’ultima parola del romanzo, scorrendomi lungo la schiena e scaricandosi sul pav ...continua

    CIME TEMPESTOSE – BRONTE
    E’ arrivato il famoso brivido di cui parlo spesso nei miei commenti. Si manifesta appena leggo l’ultima parola del romanzo, scorrendomi lungo la schiena e scaricandosi sul pavimento. E resto fermo, attonito, pensieroso, emozionato.
    Cime Tempestose, per me, è un capolavoro. Parla di quello che siamo, della nostra natura perversa, bastarda, ma anche dolce, buona e ipocrita allo stesso tempo.
    … e parla di odio e rabbia.
    “Tu dici che io ti ho uccisa: tormentami, allora. Le vittime perseguitano i loro assassini, io credo. Io so di fantasmi che hanno errato sulla terra. Sta sempre con me... prendi qualunque forma... rendimi pazzo! Ma non lasciarmi in questo abisso, dove non ti posso trovare! Oh Dio, è impossibile! Non posso vivere senza la mia vita, non posso vivere senza la mia anima!”
    Ma parla soprattutto d’amore. Quell’amore forte, ossessivo e possessivo che ci spinge a maledire il nostro stesso sangue e a cercare di soddisfare la nostra sete di vendetta.
    “Io lo amo più di me stessa, Ellen; e lo so da questo: tutte le sere io prego di potergli sopravvivere, perché preferirei essere infelice io, piuttosto che saperlo infelice. È la prova che l'amo più di me stessa”
    Cosa saremmo senza l’amore? Degli esseri grigi e insignificanti, forse. Oppure delle persone forti, padroni del proprio destino e della propria esistenza, incapaci di far del male e provocare sofferenza.
    Ho amato Heathcliff e Catherine, la signora Nelly e perfino il servo Joseph, ho amato la Brughiera e il vento delle terre del Nord e non mi sono fatto scoraggiare dalla pronuncia del nomi delle tenute.
    Sono felice di averlo letto e ringrazio la mia amica Ilaria che non sbaglia un colpo.

    ha scritto il 

  • 5

    Che ci combina l'amour...

    CIME TEMPESTOSE – BRONTE
    E’ arrivato il famoso brivido di cui parlo spesso nei miei commenti. Si manifesta appena leggo l’ultima parola del romanzo, scorrendomi lungo la schiena e scaricandosi sul pav ...continua

    CIME TEMPESTOSE – BRONTE
    E’ arrivato il famoso brivido di cui parlo spesso nei miei commenti. Si manifesta appena leggo l’ultima parola del romanzo, scorrendomi lungo la schiena e scaricandosi sul pavimento. E resto fermo, attonito, pensieroso, emozionato.
    Cime Tempestose, per me, è un capolavoro. Parla di quello che siamo, della nostra natura perversa, bastarda, ma anche dolce, buona e ipocrita allo stesso tempo.
    … e parla di odio e rabbia.
    “Tu dici che io ti ho uccisa: tormentami, allora. Le vittime perseguitano i loro assassini, io credo. Io so di fantasmi che hanno errato sulla terra. Sta sempre con me... prendi qualunque forma... rendimi pazzo! Ma non lasciarmi in questo abisso, dove non ti posso trovare! Oh Dio, è impossibile! Non posso vivere senza la mia vita, non posso vivere senza la mia anima!”
    Ma parla soprattutto d’amore. Quell’amore forte, ossessivo e possessivo che ci spinge a maledire il nostro stesso sangue e a cercare di soddisfare la nostra sete di vendetta.
    “Io lo amo più di me stessa, Ellen; e lo so da questo: tutte le sere io prego di potergli sopravvivere, perché preferirei essere infelice io, piuttosto che saperlo infelice. È la prova che l'amo più di me stessa”
    Cosa saremmo senza l’amore? Degli esseri grigi e insignificanti, forse. Oppure delle persone forti, padroni del proprio destino e della propria esistenza, incapaci di far del male e provocare sofferenza.
    Ho amato Heathcliff e Catherine, la signora Nelly e perfino il servo Joseph, ho amato la Brughiera e il vento delle terre del Nord e non mi sono fatto scoraggiare dalla pronuncia del nomi delle tenute.
    Sono felice di averlo letto e ringrazio la mia amica Ilaria che non sbaglia un colpo.

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per