Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Cincuenta sombras liberadas

Trilogía Cincuenta sombras 3

By

Publisher: Grijalbo

3.1
(4102)

Language:Español | Number of Pages: 656 | Format: eBook | In other languages: (other languages) English , Italian , Dutch , German , Portuguese , French , Chi traditional

Isbn-10: 8425349249 | Isbn-13: 9788425349249 | Publish date:  | Edition 1

Also available as: Paperback , Others , Softcover and Stapled

Category: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Romance

Do you like Cincuenta sombras liberadas ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Cuando la inexperta estudiante Anastasia Steele conoció al joven, seductor y exitoso empresario Christian Grey, nació entre ellos una sensual relación que cambió sus vidas para siempre.
Sorting by
  • 3

    Libro un po' più lento rispetto il secondo (che reputo il migliore della trilogia), ma si fa leggere volentieri. Stavolta troviamo anche un po' di momenti drama nella storia e quindi non è solo incent ...continue

    Libro un po' più lento rispetto il secondo (che reputo il migliore della trilogia), ma si fa leggere volentieri. Stavolta troviamo anche un po' di momenti drama nella storia e quindi non è solo incentrato sul sesso.
    Che dire, con questo libro finisce la trilogia più chiacchierata e mi sono fatta una mia idea finale: non è niente di così eccezionale, una lettura semi-coinvolgente, a volte scorrevole/a volte piatta, sicuramente molto molto sopravvalutata.
    Ora mi incuriosirebbe anche un 4° libro con la storia narrata dal punto di vista di Christian Grey, ma secondo me la signora E.L. James fa come la Meyer di Twilight-saga: nessun nuovo libro e scappa con il bottino. Ha fatto soldi e fama con questi 3 romanzi, appende la "penna al chiodo" e chi si è visto, si è visto.

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    0

    Una sola recensione...tre libri....

    Penso di potermi concedere il lusso di scrivere un'unica recensione a conclusione della lettura della trilogia.
    Il primo libro l'ho praticamente odiato. Il mio spirito femminista scalciava a più non p ...continue

    Penso di potermi concedere il lusso di scrivere un'unica recensione a conclusione della lettura della trilogia.
    Il primo libro l'ho praticamente odiato. Il mio spirito femminista scalciava a più non posso e l'ingenuità di Ana mi dava ai nervi.
    Il secondo libro mi è piaciuto di più. Comincia a balenare un minimo di storia, l'amore sembra trionfare e scopriamo lati del carattere di Christian. Però ci sono ancora particolari che mi lasciano perplessa: l'assurdità dei racconti di sesso (la protagonista che raggiunge il culmine a comando, lui che sembra sempre "pronto", anche dopo un incidente in elicottero dove, guarda caso, si è salvato miracolosamente, lei che di colpo riesce a fargli smettere la tradizione di una vita, ovvero le pratiche di sesso sadomaso), la strana coincidenza per cui una stagista di 22 anni si ritrova ad essere a capo di una casa editrice, l'inverosimile spirito protettivo di un ragazzo di ventotto anni già amministratore delegato di non so quante aziende e che guadagna 100 mila (o milioni?) dollari all'ora.
    Il terzo libro è, probabilmente, quello che mi è piaciuto di più; per lo meno abbiamo un accenno di storia, anche se prevedibile all'inverosimile. I due ragazzi si sposano, lei diventa capo redattore della casa editrice dopo una lunga carriera di ben un mese, il suo bel maritino le compra macchine nuove un giorno sì e un giorno no, le regala una villa da 1000 metri quadri con un giardino grande come la Valle D'Aosta, ex fidanzate che ritornano, qualche maniaco che vuole vendicarsi di un torto, un rapimento finale, una gravidanza imprevista (più o meno....il primo libro ci racconta fin troppi particolari del ciclo mestruale della protagonista. Il fatto che non le sia più arrivato per almeno tre mesi poteva essere un chiaro segnale, per le menti acute...), un colpo di scena finale con un po' di paura per la salute della protagonista e del suo bambino. Insomma, una classica trama da soap opera.
    Però, secondo me, bisogna prendere il libro per quello che è: una favola. Sì, perchè secondo me l'autrice vuole far sognare le donne, con una favola simile a quella di cenerentola, ma con qualche contenuto più da adulte. Le trame alla Pretty Woman &Co alla fine piacciono sempre, non c'è che dire.
    Quale donna non sogna di essere il centro della vita di un uomo ricco e bello? Quale donna non sogna di ricevere gioielli di Cartier ad ogni occasione o di essere portata in aereo per un weekend romantico?
    Insomma, se vi aspettate un capolavoro, cambiate libro. Ma se volete sognare e regalarvi una favola, anche ora che siete delle "bimbe" un po' cresciute, allora varrà la pena di dedicare qualche ora a questi romanzi banali, ma che vi faranno sognare.

    said on 

  • 3

    Con 50 sfumature di rosso concludo la trilogia che ho letto dopo aver visto il film e aver sentito lodi e critiche. Il libro che ho apprezzato di più è stato il primo, nel secondo e nel terzo le ripet ...continue

    Con 50 sfumature di rosso concludo la trilogia che ho letto dopo aver visto il film e aver sentito lodi e critiche. Il libro che ho apprezzato di più è stato il primo, nel secondo e nel terzo le ripetizioni si sprecano, sono inutili e rallentano la narrazione. Ma in fondo tolte queste rimangono Christian e Ana che o litigano o fanno pace a modo loro.
    Nell'ultimo libro ho apprezzato invece due racconti che sono in appendice. Nel primo il protagonista è Christian bambino che trascorre il primo Natale con i Grey. È un bambino straziato dalla vita che scopre per la prima volta il sorriso e l'affetto.
    Nel secondo racconto viene raccontato il primo incontro nell'ufficio della Grey dal punto di vista di Christian. Non so perché è risultato più incisivo rispetto a quello scritto in 50 sfumature di grigio.

    said on 

  • 3

    Idee sbagliate

    Tutto quello che ho da dire si stringe nel titolo della mia recensione. Tutti si sono fatti delle idee sbagliate su questa serie di libri!
    E' un romanzo erotico fino alla fine e se non piace il genere ...continue

    Tutto quello che ho da dire si stringe nel titolo della mia recensione. Tutti si sono fatti delle idee sbagliate su questa serie di libri!
    E' un romanzo erotico fino alla fine e se non piace il genere, intendo, parole e scene legate al sesso (di qualsiasi genere di sesso si tratti), è inutile anche solo leggerlo perché alla fine non vi piacerà!
    Ma questo libro non è solo sesso!Andrebbe letto con più leggerezza perché fondamentalmente è un libro di fantasia.

    said on 

  • 1

    Una trilogia scritta solo per gli incassi

    Oramai tutti leggono questa trilogia, dalle donne di mezza età alle bambine di DODICI anni....ma cosa attira tutte queste persone? La trama avvincente o una scrittura ben fatta? No, in quanto mancano, ...continue

    Oramai tutti leggono questa trilogia, dalle donne di mezza età alle bambine di DODICI anni....ma cosa attira tutte queste persone? La trama avvincente o una scrittura ben fatta? No, in quanto mancano, ma ad attirare tutte queste persone è semplicemente l'argomento del sesso. Ma la cosa brutta di questi libri non è che parlano di sesso (ognuno è libero di scegliere di scrivere dell'argomento che più gli aggrada, purché sia scritto in modo adeguato e leggibile) ma ciò che non riesco proprio accettare di questo libro è che fa sembra che la sottomissione della donna (non solo sessualmente ma sopratutto moralmente) sia una cosa giusta! Le dodicenni che leggono questi libri crescono con la convinzione che per l'uomo che si ama possiamo e dobbiamo scartare tutti i nostri desideri, volontà e principi per poter soddisfare i suoi....ma a questo punto mi chiedo..perché le donne durante gli anni hanno combattuto per la loro indipendenza? A cosa è servito l'8 marzo di tantissimi anni fa? Ormai con chiunque parli sembra che sia normale che la donna debba semplicemente soddisfare tutti i capricci degli uomini senza pensare ai propri desideri. Ovviamente non parlo in campo sessuale (non mi interessa di chi piace praticare determinate pratiche sessuali e delle diverse preferenze) ma intendo in campo morale! Perché una donna dovrebbe chiedere il permesso ad un uomo per tutto? Perché non può nemmeno lavorare? Ma stiamo scherzando?! Ecco cosa mette in testa alle persone questa trilogia...

    said on 

  • 4

    Ultimo capitolo di questa trilogia molto parlata. Devo dire che questo capitolo conclusivo mi è piaciuto anche se in alcune parti è stato troppo tirato per le lunghe, alcune scene potevano essere gest ...continue

    Ultimo capitolo di questa trilogia molto parlata. Devo dire che questo capitolo conclusivo mi è piaciuto anche se in alcune parti è stato troppo tirato per le lunghe, alcune scene potevano essere gestite meglio. Il rapporto di Ana e Christian in questo capitolo finale mostra i molti ostacoli che devo affrontare insieme per essere felici e devo dire che Ana li affronta per così dire di petto, Christian invece come viene citato molte volte nel libro si comporta da adolescente; in questo caso avrei detto che una persona come lui, decisa e caparbia in molti aspetti, avrebbe affrontato il problema decisamente in modo diverso ma mi sono dovuta ricredere. In compenso in molte situazioni si è dimostrato una salda roccia per Ana cosa che mi è piaciuta molto avrei voluto vedere un Christian così molto più spesso. In conclusione un libro mi è piaciuto ma non eccessivamente come il primo capitolo.

    said on