Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Cincuenta sombras liberadas

Trilogía Cincuenta sombras 3

By E. L. James

(208)

| eBook | 9788425349249

Like Cincuenta sombras liberadas ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Cuando la inexperta estudiante Anastasia Steele conoció al joven, seductor y exitoso empresario Christian Grey, nació entre ellos una sensual relación que cambió sus vidas para siempre.

615 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Cincuenta Sombras Liberadas es la conclusión de esta trilogía en la cual se intenta resolver los conflictos que iniciaron en la segunda parte.

    Es lamentable decir que pese a que Cincuenta Sombras más Oscuras mejoró, la parte que le siguió decayó muc ...(continue)

    Cincuenta Sombras Liberadas es la conclusión de esta trilogía en la cual se intenta resolver los conflictos que iniciaron en la segunda parte.

    Es lamentable decir que pese a que Cincuenta Sombras más Oscuras mejoró, la parte que le siguió decayó mucho. Y esto es, nuevamente no porque el estilo de escribir de E.L. James no sea el adecuado si no que le concede mucho peso a algunas escenas sin sentido (como bien decía en la reseña de Cincuenta sombras más Oscuras), en las cuales se intenta fortalecer la relación de Ana y Christian, consiguiendo únicamente fastidiarlo todo.

    A través de los capítulos encontramos innumerables y cansadas escenas donde Ana y Christian se muestran entre sí su amor y felicidad de estar juntos, lo que de verdad cansa y hace de la historia todavía más tediosa y lenta porque no pasa con un ritmo más rápido al desarrollo de los conflictos, en este aspecto, E. L. James nuevamente comete los mismos errores de huecos dentro del argumento, es decir, resuelve los conflictos o abre nuevas incógnitas sin darles la importancia que se merecen ni el debido tiempo correspondiente para llevarnos hacia su conclusión final. Y hablando de sus resoluciones, la explicación del comportamiento de Jack siguió sin quedarme clara, y por encima de eso, me pareció mucha "coincidencia" con respecto a sus actitudes y su psicología para con los personajes, para un libro que iba muy bien en cuanto al poco realismo que le quedaba.

    Las escenas de sexo, nuevamente, siguen siendo tediosas y cansadas. No innovan en absoluto y, esta vez, no son nada justificadas. Personalmente, pienso que pudo haberse ahorrado de sus 656 páginas, al menos la mitad o siquiera, justificar ese exorbitante cantidad de páginas aprovechando las cuestiones que tenía a resolver.

    Un aspecto a resaltar de este libro y que es importante destacar, es el material adicional que encontramos al final del libro. Donde encontramos dos capítulos donde se nos relata la perspectiva de Christian Grey cuando conoció a Anastasia, un relato que es muy interesante, y que sí se disfruta mucho. Aunque sean solo dos capítulos donde se cuenta su versión de los hechos, despierta el interés por querer volver a leer el primer libro y E.L. James demuestra que sí es capaz de escribir con coherencia.

    En conclusión, contiene mucho relleno dentro de sus páginas, las cuestiones a tratar no se aprovecharon y las escenas románticas son excesivas. En una opinión muy personal, diría que E.L. James pudo haber resumido la historia en tan sólo dos libros con la misma extensión en cada uno haciendo de ésta más coherente y más ligera de leer.
    ¿Recomiendo la trilogía? Como dice el dicho "de gustos se rompen géneros". Siempre he intentado ver esta trilogía de una forma subjetiva y comprensible, por lo que recomiendo esta lectura a las personas que apenas se están familiarizando con el erotismo y quieren pasar el rato leyendo.

    Para más reseñas como esta, visita: http://senoritaespecial.blogspot.mx/

    Is this helpful?

    Jo Doe said on Jul 28, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Recensione

    Anastasia e Christian si sono sposati, con l’entusiasmo di entrambe le famiglie e si godono, finalmente, la meritata luna di miele degna di un miliardario stile Grey, giustamente. Il rientro a casa, però, e la ripresa della routine.. si rivela più fa ...(continue)

    Anastasia e Christian si sono sposati, con l’entusiasmo di entrambe le famiglie e si godono, finalmente, la meritata luna di miele degna di un miliardario stile Grey, giustamente. Il rientro a casa, però, e la ripresa della routine.. si rivela più faticosa e pericolosa del previsto: quelli che erano sospetti iniziali, diventano mano a mano sempre più conferme sino a che i fatti non parlino chiaro. Gli eventi si susseguono, anche abbastanza rapidamente, mettendo forse un po’ di pepe in più e lasciando che lo scenario erotico e passionale che tra i due ancora esiste possa passare leggermente in secondo piano. Le situazioni s’alternano, momenti di particolare tensione a quelli di maggior relax.. incapaci però di consentire alla giovane moglie di mantenere fissi degli appuntamenti così fiscali, come già erano quando firmò il contratto di Sottomessa. Accade un imprevisto, inizialmente spiacevole e poi, forse con una crescita interiore del marito, la risoluzione risulta decisamente più rosea.

    Commento:

    Non nascondo che prima di scrivere la mia recensione ho consultato qui e lì ciò che appare sul web.. questo per comprendere se davvero era solo una mia impressione o se, invece, la cosa non è totalmente casuale.
    Il problema di fondo, onestamente, non è tanto la faccenda erotica che, purtroppo, continua a fare da scenario alla cosa - vero anche che il romanzo è di quel genere, non trovassimo scene di sesso non sarebbe romanzo erotico – quanto la trama che si è cercata di dipingere sopra: tutta la serie di accadimenti, lo stalker, il passato che riemerge, le spiegazioni fatte, etc etc.. secondo me sono state inserite per rendere il romanzo più accattivante. Credo infatti sia una scelta volontaria, forse per un insolito rischio del timore di calo di vendita, chissà!, legata al voler in qualche modo mantenere il lettore curioso, attaccato al libro, per venire a capire l’intera faccenda e magari non annoiarsi.
    Già, poiché la trama erotica ha esaurito la fantasia dell’autrice: non so se è un difetto di traduzione – che a volte succede, nei libri stranieri – ma i concetti, le descrizioni, i termini.. sono praticamente sempre gli stessi, sempre le stesse ripetizioni, sempre le stesse cose che, infatti, mi hanno dato da pensare alla scarsa padronanza di lessico nonché alla carenza di fantasia.
    Peccato, perché il secondo l’ho letto in 3 giorni.. per questo c’ho messo una settimana e con tanta, tanta fatica.

    Is this helpful?

    Caillean said on Jul 20, 2014 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    Non ce l'ho fatta.
    Ho mollato.

    Il primo lo si legge perchè "ommioddio lo fanno pure sul soffitto", poi però, mi scusino i fans...macheppalle!

    Is this helpful?

    Mercoledì Addams said on Jul 18, 2014 | 2 feedbacks

  • 1 person finds this helpful

    Abbandonato.

    Abbandonato poco dopo averlo iniziato. Brutta copia dei primi di volumi. Già il secondo era una ripetizione del primo, figurarsi se mi sarei sorbita di leggermi anche tutto il terzo. Speravo qualcosa cambiasse invece Lei continua a tenere il solito c ...(continue)

    Abbandonato poco dopo averlo iniziato. Brutta copia dei primi di volumi. Già il secondo era una ripetizione del primo, figurarsi se mi sarei sorbita di leggermi anche tutto il terzo. Speravo qualcosa cambiasse invece Lei continua a tenere il solito comportamento frustrante di padrona della relazione, Lui uno zerbino in tutti i sensi. Assolutamente insopportabile la mancanza di carattere di Lui e la sfrontatezza di Lei quando pensa e vuole che il suo Lui debba accettare tutto, anche ogni suo più piccolo ed irragionevole capriccio.

    Is this helpful?

    Andromeda - Scambio SOLO .Ebook. said on Jun 30, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    *** This comment contains spoilers! ***

    La mela non cade mai lontana dall'albero -parte 3-

    Forse ho anch'io delle tendenze sadomaso, dopotutto: sado perché provo un certo piacere nello sfregarmi le mani al pensiero dei mille modi possibili per demolire questo libro, e maso perché effettivamente lo leggo, questo libro. Se non è masoc ...(continue)

    Forse ho anch'io delle tendenze sadomaso, dopotutto: sado perché provo un certo piacere nello sfregarmi le mani al pensiero dei mille modi possibili per demolire questo libro, e maso perché effettivamente lo leggo, questo libro. Se non è masochismo questo, ditemi voi cos'è...

    Pregi
    Pregio uno: l'autrice ha avuto vergogna per quello che ha scritto finora, e quantomeno ha tentato di costruire una trama. Non sto dicendo che il terzo libro abbia effettivamente una trama, e nemmeno che sia migliore dei precedenti. Anzi, il tentativo di trama è abbastanza scopiazzato da Twilight & co. ma, insomma, almeno ci ha provato. Non pretendiamo troppo.

    Pregio due: anche se Ana e Christian continuano a copulare come conigli, se non altro di quando in quando ci viene offerta qualche variante: Ana va al lavoro, Ana litiga con Christian perché vuole andare al lavoro ma lui vorrebbe che lei rimanesse reclusa in casa, una gita in montagna con gli amici, una serata in discoteca, un incidente stradale in cui viene coinvolto il patrigno di Ana (no, seriamente, io ogni volta che scrivo "Ana" penso all'anoressia. Non era meglio chiamarla Annie come fa Ray? Ah, già, Charlie Bella la chiama Bells, bisognava avere due soprannomi differenti...). A parte l'ultima opzione, direi che non sono granché come varianti. Tant'è.
    Pregasi notare come il "pregio due" sia tranquillamente abbinabile al "pregio uno", visto che le varianti sono parte della trama. Quindi ho diviso un "pregio" per lo sforzo, e non per il merito, in ben due pregi. Lo so, la mia generosità è spaventosa.

    Difetti
    Difetto uno: l'altra faccia della medaglia. Ovvero, la trama è pesantemente ricalcata dagli ultimi due libri della serie di Twilight. Avete presente Eclipse e Breaking Dawn, dove Bella è in pericolo perché qualcuno vuole vendicarsi di Edward, Edward fa di tutto per proteggere la sua amata, Bella entra a far parte ufficialmente della famiglia Cullen, luna di miele da sogno, gravidanza indesiderata, Edward vorrebbe uccidere il pupo parassita ma alla fine scopre di volergli bene, commovente proposta di dare al nuovo nato i nomi dei genitori dei genitori, nemici dal passato vogliono distruggere la famiglia Mulino Bianco, Alice scompare e si scopre che Bella ha il potere supercoraggiosissimo di difendere tutti e proteggere tutti? Togliete gli elementi magico-fantastici, invertite l'ordine di un paio di eventi e voilà, la trama è servita, cotta e mangiata. Molto bene. Decidete voi lo slogan, dipende se guardate Canale 5 o se preferite la Parodi su Real Time.

    Difetto due: sembra che le paroline magiche "vieni, piccola" scatenino sempre i momenti goduriosi di Ana. La ragazza viene a comando: se le si dice "no" lei non viene, se le si dice "vieni, piccola" esplode come una granata. Lasciamo perdere la solita tiritera del "hai mangiato?" perché si è ridotta un po', anche se non è scomparsa. Per quanto riguarda noi povere comuni mortali, come al solito qualsiasi donna (a parte Nora l'Infermiera, unica eccezione in tutto il libro che viene accuratamente sottolineata) sbava alla sola vista di Christian, e Ana puntualmente si irrita. Ok, niente di strano, chi non si irriterebbe nel vedere una ragazza fare la gatta morta col proprio marito? Però, possibile che ogni possessore di cromosoma XX rimanga abbagliato alla vista di Christian e perda ogni contegno? Francamente io non credo di sbavare ogni volta che mi passa sotto gli occhi un bel ragazzo, ma chissà, forse Christian ha questo superpotere. Tipo, quando vedi una fetta di torta al cioccolato supercalorica inizi già ad avere l'acquolina in bocca immaginando il piacere che proverai nell'addentarla, e a un certo punto ti accorgi che la bava ti gocciola dal mento... Insomma, vocabolario ristretto, dialoghi insipidi, cliché come se piovesse, tutto già visto. Anzi, a dirla tutta sembra anche che l'autrice abbia esaurito le idee per le fantasie proibite di Ana: a parte una copulata in auto, un paio di visitine alla stanza dei giochi e un tentativo di simulare resistenza (simulazione fallita, tra l'altro: gli ormoni di Ana sono sempre al massimo, come si può resistere a una fetta di tor- a Christian?) direi che c'è ben poco.

    Difetto tre: le fan più accanite o le lettrici più informate probabilmente conoscono l'esistenza di Midnight sun, la storia di Twilight vista dal punto di vista di Edward. Progetto mai portato a termine, fra l'altro. Ecco, una chicca del genere non ci poteva essere risparmiata, dopotutto Cinquanta sfumature ha pesantissimi rimandi alla serie di Twilight, come se Twilight fosse un trasferello. Insomma, ecco che compaiono "Cinquanta sfumature di Christian" o qualcosa del genere, dove ci viene raccontato il primo Natale di Christian che in teoria dovrebbe farci tenerezza o qualcosa del genere, poi si passa al primo incontro con Ana e infine alla visitina al negozio di ferramenta dove Christian era andato a trovarla. Insomma, non abbiamo sofferto abbastanza, linciateci, di più, di più, ne vogliamo di più! Vieni, Ana! ... più o meno.

    Conclusioni.
    Credo sia evidente che ho dovuto sfogare la mia cattiveria repressa (neanche troppo) con quest'ultimo libro. Ormai era roba talmente trita che nel leggerlo non provavo neanche più quel gusto per l'orrido che ho provato per i primi due libri. Morale: visto che di 'sta cosa esiste anche la versione economica, vale 5€ di spesa? Neanche se i 5€ li trovaste per strada. Vale il vostro tempo? Lo vale solo se siete masochisti, o se siete degli inguaribili curiosi. Ma nel secondo caso rispiarmiate ai vostri poveri 5€ una brutta fine, e fatevi prestare questo premio Nobel da qualcuno che già lo possiede.

    Is this helpful?

    Cheshire said on Jun 28, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    molto rumore per nulla atto finale

    siamo arrivati alla conclusione della tanto discussa trilogia: ribadisco ciò che pensavo nelle precedenti recensioni e cioè che mi è piaciuto perché non pretendo chissà quale opera di spessore ma lo prendo per ciò che è ovvero un romanzo di evasione ...(continue)

    siamo arrivati alla conclusione della tanto discussa trilogia: ribadisco ciò che pensavo nelle precedenti recensioni e cioè che mi è piaciuto perché non pretendo chissà quale opera di spessore ma lo prendo per ciò che è ovvero un romanzo di evasione e come da tutti i romanzi di evasione ecco che arriva il lieto fine con i personaggi appagati delle loro scelte e della vita a cui sono giunti nonostante ostacoli, problemi e traumi passati.
    si perché anche se il problematico Cristian è quel che è , a causa della sua infanzia infelice e traumatizzata, riesce a trovare la compagna che lo capisce e lo ama al di la delle sue fissazioni , del suo essere un maniaco del controllo , delle sue reazioni esasperate e dei suoi eccessi , facendogli riscoprire una parte allegra dolce e spensierata che pensava persa per sempre.
    ci piace pensare che a volte chissà come chissà perchè l' amore vinca su tutto .
    a parte la parte piccante del romanzo , che dovrebbe rimanere la caratteristica base , troviamo anche scene buffe ed altre tenere e dolci dove tutte le cinquanta sfumature vengono percorse da una anastasia che non sa mai cosa gli capiterà e questo ci tiene con l'attenzione alta e mostra che anche lei malgrado il suo carattere dolce e quasi remissivo di fronte all'amore per i suoi cari, per il suo uomo e per suo figlio sa quando è l'ora di tirare fuori zanne e artigli per la serie le apparenze ingannano .
    quindi si il mio giudizio rimane positivo anche per quest'ultimo capitolo e a voi detrattori ridico nuovamente che ogni tanto una lettura leggera non è un peccato capitale.

    Is this helpful?

    Elisabetta Benvenuti said on Jun 14, 2014 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book