Cinder

Cronache Lunari

Di

Editore: A. Mondadori (Chrysalide)

4.0
(498)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 394 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo , Catalano , Portoghese , Chi tradizionale , Ungherese , Olandese

Isbn-10: 8804616784 | Isbn-13: 9788804616788 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Disponibile anche come: eBook

Genere: Narrativa & Letteratura , Fantascienza & Fantasy , Adolescenti

Ti piace Cinder?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Cinder è abituata alle occhiate sprezzanti che la sua matrigna e la gente riservano ai cyborg come lei, e non importa quanto sia brava come meccanico al mercato settimanale di Nuova Pechino o quanto cerchi di adeguarsi alle regole. Proprio per questo lo sguardo attento del Principe Kai, il primo sguardo gentile e senza accuse, la getta nello sconcerto. Può un cyborg innamorarsi di un principe? E se Kai sapesse cosa Cinder è veramente, le dedicherebbe ancora tante attenzioni? Il destino dei due si intreccerà fin troppo presto con i piani della splendida e malvagia Regina della Luna, in una corsa per salvare il mondo dall'orribile epidemia che lo devasta. Cinder, Cenerentola del futuro, sarà combattuta tra il desiderio per una storia impossibile e la necessità di conquistare una vita migliore. Fino a un'inevitabile quanto dolorosa resa dei conti con il proprio oscuro passato.
Ordina per
  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    3

    Carina l'idea di una cenerentola cyborg ma...

    Dove l'abbiamo lasciata la suspense e l'effetto sorpresa?
    La storia parla di Cynder, una ragazza con delle protesi cibernetiche, che mentre lavora alla sua bancarella come meccanico, incontra il bel p ...continua

    Dove l'abbiamo lasciata la suspense e l'effetto sorpresa?
    La storia parla di Cynder, una ragazza con delle protesi cibernetiche, che mentre lavora alla sua bancarella come meccanico, incontra il bel principe della Nuova Pechino.
    Il principe Kay le chiede di aggiustare il suo androide e mentre lei da una prima occhiata cerca in tutti i modi di nascondere il suo essere cyborg. Perchè essere cyborg è fonte di discriminazione. Peggio dell'essere cyborg c'è solo essere una Lunare (abitante della luna evolutosi dalla razza terrestre). E ci raccontano della regina dei Lunari, una regina cattiva e assetata di sangue e di potere, che ha ucciso sua nipote, la sola altra erede al trono. E così dopo due capitoli (più o meno) ci hanno spiattellato che lei è l'erede al trono, Lunare e Cyborg. E mi va ancora bene. Se non fosse che per tutta la storia, ci viene presentata la protagonista come una ragazza distrutta dall'essere discriminata perchè cyborg che non fa una minima piega quando alla fine della storia (circa un centinaio di pagine dopo che te lo spiattellano) viene a sapere di essere aliena.
    No. non ci siamo proprio. E si che poteva essere una bella storia.
    C'era pure la peste...

    tre stelline solo perchè comunque si fa leggere volentieri, tra una tazza di tè e l'altra.

    ha scritto il 

  • 3

    My english thoughts: http://emotionsonpentip.blogspot.it/2016/04/my-two-cents-on-cinder-it-was-not-her.html

    Versione italiana: http://sognidarealizzareenon.blogspot.it/2016/04/pensieri-fra-le-pagine-c ...continua

    My english thoughts: http://emotionsonpentip.blogspot.it/2016/04/my-two-cents-on-cinder-it-was-not-her.html

    Versione italiana: http://sognidarealizzareenon.blogspot.it/2016/04/pensieri-fra-le-pagine-cinder-non-era_27.html

    ha scritto il 

  • 5

    Cinder

    Ho riletto questo libro dopo due anni, felice dell'uscita imminente del 3 della serie. All'inizio avevo paura, mi era piaciuto talmente tanto che la delusione poteva essere all'angolo, invece se possi ...continua

    Ho riletto questo libro dopo due anni, felice dell'uscita imminente del 3 della serie. All'inizio avevo paura, mi era piaciuto talmente tanto che la delusione poteva essere all'angolo, invece se possibile l'ho apprezzato ancora di più. Come per la prima lettura, ho apprezzato molto i riferimenti alla fiaba, la matrigna, le sorellastre, la scarpetta, la zucca ecc. Ma questa volto mi sono concentrata di più sui particolari e sulla politica. L'ambientazione è molto particolare, il genere anche, non può essere classificato solo come un fantasy o un distopico o come fantascienza o retelling. E' un po' di tutto e c'è anche la storia d'amore, insomma è completo. La faccenda lunare poi è particole e devo dire veramente originale. L'unica pecca che potrei trovare è che, essendo il primo libro di una serie, deve introdurre tutto, ma l'autrice lo fa senza stufare, facendo entrare pian piano il lettore nel Commowealth insieme a Cinder e Kai. Un libro (e una serie) che mi è piaciuto tantissimo e che consiglio a tutti e di cui avrei voglia di parlarne in continazione.

    ha scritto il 

  • 4

    Davvero molto originale, non c' è che dire! La versione cyborg di cenerentola è sicuramente una novità. Cinder è un meccanico cyborg che lavora al mercato per mantenere la matrigna ( che come in ogni ...continua

    Davvero molto originale, non c' è che dire! La versione cyborg di cenerentola è sicuramente una novità. Cinder è un meccanico cyborg che lavora al mercato per mantenere la matrigna ( che come in ogni favola di cenerentola la odia a morte) e le sorellastre. Incontrerà il principe, per il quale dovrà riparare un androide in possesso di informazioni top secret, che la malvagia regina lunare vorrà a tutti i costi sposare per diventare imperatrice. Una lettura sicuramente piacevole e poco impegnativa, lo consiglio. Peccato che al momento la serie in italia sembrerebbe essere interrotta.

    ha scritto il 

  • 4

    Chi tra noi si è mai immaginato Cenerentola con un piede di metallo? Credo nessuno. Per lo meno, a me non è mai capitato. Ma è una fortuna che sia capitato a Marissa Meyer, perché altrimenti non avrem ...continua

    Chi tra noi si è mai immaginato Cenerentola con un piede di metallo? Credo nessuno. Per lo meno, a me non è mai capitato. Ma è una fortuna che sia capitato a Marissa Meyer, perché altrimenti non avremmo avuto questo romanzo, primo di una quadrilogia. Mi è venuta voglia di leggerlo in quanto ne ho letto sempre molto bene e, uscendo da un periodo di letture obbligate e stress dovuto dall’esame, cercavo una lettura leggera e rilassante. E Cinder è stato come la manna dal cielo.

    Questa rivisitazione in chiave moderna della notissima fiaba amalgama in maniera coerente gli elementi tradizionali – il principe, la matrigna e le sorellastre, il lavoro umile – con una storia molto più ampia. Il tutto non appare per nulla forzato. La protagonista, Cinder, è una cyborg – ovvero un essere umano con parti del corpo e del sistema nervoso bioniche – in una società in cui i cyborg sono degli emarginati, in quanto vengono considerati da tutti degli esseri innaturalmente vivi. Vive a Nuova Pechino, in un periodo di pace dopo la Quarta Guerra Mondiale, in un mondo dove si mescolano tecnologia modernissima ed epidemie medievali: la letumosi, una sorta di peste nera che colpisce con una velocità disarmante e a cui non c’è ancora una cura.

    Cinder è un abile meccanico, il migliore di Nuova Pechino. La caratterizzazione di Cinder è meravigliosa: il personaggio risulta coerente ed è facile affezionarsi a lei; è una ragazza insicura, a causa della sua diversità, ma anche con molta forza d’animo. Nonostante la sua gentilezza e il suo talento, però, la natura cyborg di Cinder le fa guadagnare continuamente occhiate cariche di odio e disprezzo che non le vengono risparmiate nemmeno in famiglia, dove viene trattata alla stregua di un oggetto, e dove viene privata della sua stessa voce. Gli unici personaggi che si schierano al suo fianco sono la sorellina Peony e l’adorabile robottina Iko, che ho amato fin all’inizio e a cui mi sono subito affezionata.

    Un giorno, nella sua bottega entra il giovane il principe Kai, il futuro imperatore del Commonwealth, una delle sei regioni in cui è stata divisa la Terra. Fra i due c’è subito sintonia e sviluppano un rapporto che, all’inizio, pensavo mi avrebbe dato fastidio, temendo fosse troppo zuccheroso e stomachevole, ma che si è rivelato timido, dolce e sviluppato in un crescendo perfetto, rispetto al tempo della narrazione. L’infatuazione tra i due e strutturata in maniera molto realistica. Il principe Kai non è il classico scemo ma bello del villaggio, e non è neanche il classico stronzo che si trova negli YA, anzi. E’ un ragazzo caritatevole, con un grande spirito di sacrificio e con delle scelte pesanti da affrontare. E’ una storia che ho amato moltissimo soprattutto perché nessuno dei due parla dell’amore-vero-specialissimo-unico-che-durerà-tutta-la-vita, cosa che ormai sembra un dovere per chi scrive Young Adult. Potete anche non crederci, ma alla fine del libro ho alzato le mani in segno di vittoria per questa cosa. Mi si è riempito il cuore!

    Anche l’universo creato dall’autrice è molto originale, e la trama non appare mai noiosa. Gli antagonisti in questo romanzo sono gli abitanti della Luna, in particolar modo la loro regina, crudele e spietata, che governa con il terrore: Levana. I Lunari sono dotati di poteri speciali, che nel corso del romanzo vengono spiegati mano mano, e dai quali il principe vorrebbe tenersi alla larga.

    Concludo dicendo che questo romanzo mi ha veramente colpito, e non vedo l’ora di entrare in libreria e prendere il secondo della serie!

    https://sofiabarboni.wordpress.com/2016/01/25/recensione-cinder-meyer-marissa/#more-567

    ha scritto il 

  • 4

    Dopo averne sentito parlare così bene, ero davvero curiosa di leggere questo libro.
    Una volta iniziato ero incerta, temevo che il mondo dei cyborg non mi prendesse come speravo e invece...
    WOW!
    Il ric ...continua

    Dopo averne sentito parlare così bene, ero davvero curiosa di leggere questo libro.
    Una volta iniziato ero incerta, temevo che il mondo dei cyborg non mi prendesse come speravo e invece...
    WOW!
    Il richiamo alla favola di Cerentola è palese ma ho amato il modo in cui l'autrice se ne è discostata, creando qualcosa di assolutamente unico.
    Peony e Iko, due personaggi davvero meravigliosi. Mi sono entrate nel cuore, entrambe.
    Ho odiato con tutta me stessa Adri e la sua spropositata malvagità, la sorellastra cattiva Pearl, la terribile Levana e il suo entourage. Il principe Kai mi è rimasto piuttosto indifferente, non ho fangirlato come al mio solito.
    E' stata un'esperienza insolita non avere l'attenzione concentrata sulla coppia e sull'eventuale relazione amorosa.
    Ho provato tanti sentimenti contrastanti e ho tirato un sospiro di sollievo soltanto verso il penultimo capitolo.
    Le 4 stelle sono da attribuire al fatto che la parte in cui i capi delle nazioni si riuniscono e discutono delle sorti della Terra mi ha un po' annoiata ma, soprattutto, dall'aver intuito prima di quanto mi sarei aspettata il motivo dell'importanza di Cinder nel reclutamento cyborg.
    Tutto sommato si è rivelata un'ottima lettura e non vedo l'ora di dedicarmi al secondo volume della serie.

    ha scritto il 

  • 0

    Ho trovato questo libro per caso, mentre ero alla ricerca di qualcosa che portasse via dalla realtà. Ne avevo letto alcuni commenti favorevoli e così l'ho comprato. Mi piace la favola di Cenerentola, ...continua

    Ho trovato questo libro per caso, mentre ero alla ricerca di qualcosa che portasse via dalla realtà. Ne avevo letto alcuni commenti favorevoli e così l'ho comprato. Mi piace la favola di Cenerentola, adoro la fantascienza quindi non poteva non piacermi.
    Ammetto che ero prevenuta ... non mi aspettavo niente di che, mi aspettavo un romanzetto .....
    bè si certo non è una lettura impegnata ma.... ti lega. Scritto bene in modo leggero, ma non perde un colpo. I personaggi sono belli, simpatici (bè non proprio tutti) ed è stato bello leggere dopo tanto una storia incentrata su un cyborg.
    lo consiglio.....

    ha scritto il