Cinquanta sfumature di nero

Di

Editore: Mondadori

3.1
(5369)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 717 | Formato: eBook | In altre lingue: (altre lingue) Greco , Ungherese , Inglese , Spagnolo , Olandese , Catalano , Tedesco , Portoghese , Chi tradizionale , Danese , Francese , Polacco , Ceco , Svedese

Isbn-10: 8852027297 | Isbn-13: 9788852027291 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Silvia Zucca

Disponibile anche come: Paperback , Copertina morbida e spillati , Tascabile economico , Copertina rigida

Genere: Famiglia, Sesso & Relazioni , Narrativa & Letteratura , Rosa

Ti piace Cinquanta sfumature di nero?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
EPUB con Adobe DRM

Profondamente turbata dagli oscuri segreti del giovane e inquieto imprenditore Christian Grey, Anastasia Steele ha messo fine alla loro relazione e ha deciso di iniziare un nuovo lavoro in una casa editrice. Ma l'irresistibile attrazione per Grey domina ancora ogni suo pensiero e quando lui le propone di rivedersi, lei non riesce a dire di no. Pur di non perderla, Christian è disposto a ridefinire i termini del loro accordo e a svelarle qualcosa in più di sé, rendendo così il loro rapporto ancora più profondo e coinvolgente. Quando finalmente tutto sembra andare per il meglio, i fantasmi del passato si materializzano prepotentemente e Ana si trova a dover fare i conti con due donne che hanno avuto un ruolo importante nella vita di Christian. Di nuovo, il loro rapporto è minacciato e a questo punto Ana deve affrontare la decisione più importante della sua vita, e può prenderla soltanto lei... Questo è il secondo attesissimo volume della trilogia Cinquanta sfumature, il cui successo senza precedenti è iniziato grazie al passaparola delle donne che ne hanno fatto un vero e proprio cult ponendolo al primo posto in tutte le classifiche del mondo.
Ordina per
  • 0

    Assolutamente ripetitivo! Non c'era bisogno di scrivere tre libri per parlare sempre e solo della stessa cosa... alla fine di ogni libro sembrava che nel successivo chissa cosa dovesse succedere di av ...continua

    Assolutamente ripetitivo! Non c'era bisogno di scrivere tre libri per parlare sempre e solo della stessa cosa... alla fine di ogni libro sembrava che nel successivo chissa cosa dovesse succedere di avvincente e invece.....e poi cercavo anche una spiegazione del significato dei tre colori, ma anche li...boh!!!!

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    1

    Ripetitivo, ripetitivo e ripetitivo.
    Oh, ti amo anch'io, la mia dea volteggia, non vado da nessuna parte, mi prudono le mani, usa il Blackberry, non morderti il labbro, ecc ecc.
    Mi sta venendo il bloc ...continua

    Ripetitivo, ripetitivo e ripetitivo.
    Oh, ti amo anch'io, la mia dea volteggia, non vado da nessuna parte, mi prudono le mani, usa il Blackberry, non morderti il labbro, ecc ecc.
    Mi sta venendo il blocco del lettore..non vedo l'ora di finire per passare ad altro, ma sembra non finire maaai!!
    Poi dai, il primo non era una cima ma ricordo di averlo letto anche velocemente sotto l'ombrellone e comunque aveva la sua storia, con il contratto e tutto il resto. Ora? Dopo essersi lasciati per 5 giorni, il nostro caro mister Grey da freddo dominatore sadomaso è diventato un dolce agnellino. Ma quando mai succede una cosa del genere nella vita reale?! Ma di cosa stiamo parlando?
    E vogliamo parlare di questa nota di """thriller""" che ci ha voluto mettere, con la ex squilibrata che, fatalità, ha un porto d'armi...così, dal nulla. E almeno succedesse qualcosa... Neanche.
    Trama non pervenuta. Inconsistente.

    ha scritto il 

  • 1

    Pareva troppo intelligente, Ana, quando aveva mollato Grey! La ritroviamo piangente, ai limiti dell'anoressia (solo io sublimo le delusioni amorose con la nutella???). E ritroviamo lui, disposto a rin ...continua

    Pareva troppo intelligente, Ana, quando aveva mollato Grey! La ritroviamo piangente, ai limiti dell'anoressia (solo io sublimo le delusioni amorose con la nutella???). E ritroviamo lui, disposto a rinunciare alle sue passioni per lei. Quindi dopo tre settimane di conoscenza, lui le propone di sposarlo... e ovviamente lei accetta, perché cosa vuoi che siano le sculacciate quando hai accanto uno che guadagna 100mila dollari l'ora? Ma lei non lo sposa per i soldi, no, lei ha un lavoro in una casa editrice dove viene promossa capo dopo una settimana (in cui Grey ha comprato la casa editrice e hanno passato metà del tempo a scriversi email compromettenti → come minimo nel prossimo ci sarà qualcuno che le trova e li ricatta!). In più ci si mettono una ex sottomessa psicopatica, Mrs Robinson che vuol diventare amica di Ana, un incidente in elicottero, un paio di uomini che vogliono concupire il manico di scopa... ops, volevo dire Ana, e lo psichiatra con la sua filosofia “sì, il tuo passato ti ha riempito di problemi, ma tu devi ignorarli e pensare solo al futuro”.
    Che problemi devi avere per stare con uno a cui ricordi la madre, che chiama puttana drogata? Ana, l'adulta laureata che per indicare i genitali usa la parola .
    Rimangono l'ossessione di Grey per il cibo e Ana e la scrittura insulsa e ripetitiva.
    Quindi perché l'ho letto? Per spanciarmi dalle risate leggendo le recensioni su Anobii e Goodreads!

    ha scritto il 

  • 3

    Si, più intrigante del primo, sempre un po' sopravvalutato!
    C'è di meglio per il genere amore-eros (v. serie dei "contratti" di Jennifer Probst).
    Alla fine volevo comunque sapere come andava a finire ...continua

    Si, più intrigante del primo, sempre un po' sopravvalutato!
    C'è di meglio per il genere amore-eros (v. serie dei "contratti" di Jennifer Probst).
    Alla fine volevo comunque sapere come andava a finire la storia nel terzo libro.

    ha scritto il 

  • 3

    Secondo capitolo della love story tra il magnate Grey e la timida Steel.

    Brevissimo riassunto: lei ci ripensa, senza Christian non può vivere; lui è un animale sofferente da quando è stato, per la pri ...continua

    Secondo capitolo della love story tra il magnate Grey e la timida Steel.

    Brevissimo riassunto: lei ci ripensa, senza Christian non può vivere; lui è un animale sofferente da quando è stato, per la prima volta, lasciato. Decidono così di riprendere la loro relazione fatta di corde e manette.
    Contemporaneamente Anastasia inizia a lavorare in una casa editrice, con un capo che non perde occasione per farle delle avances un po' troppo spinte.
    Contemporaneamente una ex sottomessa di Grey si rifà viva, gelosa del fatto che lui ora sia innamorato.
    Contemporaneamente Ana farà la conoscenza della famosa Mrs Robinson, colei che ha portato Christian sulla strada della perversione.
    E tra tutti questi "contemporaneamente" Grey le chiederà di sposarlo.

    Ecco, se a questo libro togliamo le pagine inutili relative al sesso, direi che potrebbe essere un ottimo punto di partenza per un libro giallo. Tra ex che si rifanno vive con tanto di pistola, incidenti aerei, maniaci e mobbing lavorativo, ammetto che questo capitolo mi è decisamente piaciuto di più.

    Certo, non è paragonabile ad un romanzo di Agatha Christie, ma ha comunque il suo perchè.

    ha scritto il 

  • 0

    Abbandonato

    Mi riesce difficile abbandonare la lettura di qualsiasi libro, piuttosto mi sforzo per arrivare alla fine.
    Con 50 sfumature di nero , ci ho provato , ma è davvero impossibile.
    Libro piatto, non è il g ...continua

    Mi riesce difficile abbandonare la lettura di qualsiasi libro, piuttosto mi sforzo per arrivare alla fine.
    Con 50 sfumature di nero , ci ho provato , ma è davvero impossibile.
    Libro piatto, non è il genere che fa per me , ma incuriosita dal tanto parlare ho letto il primo, niente di entusiasmante, per poi arrivare al secondo, senza aspettative. Ci avevo visto lungo.

    ha scritto il 

  • 0

    Partiamo da un presupposto:
    L’autrice è una scrittrice televisiva.
    E già questo basterebbe a evitare ulteriori commenti, perché come sa bene chi lavora in ambito televisivo (ma forse anche chi non ci ...continua

    Partiamo da un presupposto:
    L’autrice è una scrittrice televisiva.
    E già questo basterebbe a evitare ulteriori commenti, perché come sa bene chi lavora in ambito televisivo (ma forse anche chi non ci lavora) la domanda che ci si deve porre per un prodotto televisivo non è se sia fatto bene o male, ma: vende?
    Se vende è un buon prodotto, altrimenti - potrebbe pure averlo scritto Shakespeare- no.
    E questo è un prodotto che si vende eccome.
    Dal punto di vista mktg è geniale.
    Non ho notizie a riguardo, ma penso che sia già stato studiato da qualche università nei corsi d mktg.
    Target specifico, che va a colpire un segmento che legge e potenzialmente può spendere, direi donne 25-54, e poi tutte le banalità che rappresentano le donne medie (e non solo) tutte ma proprio tutte, nero su bianco.
    In pratica la favola di Cenerentola scritta negli anni 2000.
    Un’operazione finemente studiata: la protagonista non è una sventola o una persona che spicca (come la sua amica, opportunamente tenuta al margine della storia), ma una ragazza comune, se tralasciamo i suoi evidenti disturbi alimentari, che ha passato i suoi primi venti anni a studiare ed è totalmente inconsapevole della sua bellezza (a questo proposito consiglio un libro geniale che è “il Ministero della bellezza” di Marco Lazzarotto –piccolo spazio pubblicità), normalità che consente a qualunque donna di identificarsi con lei e che non incontra un metalmeccanico normo o poco dotato, ma un multi milionario super dotato (che te lo dico a fare..) che promette di menarla e invece disattende puntualmente le nostre speranze, che quando lei inizia a spaccare duro (spakkaMentos.. così abbiamo anche il product placement e siamo a posto) non la cartona dandoci soddisfazione e non la manda a quel paese come qualsiasi uomo dotato di buon senso (forse la sua perversione sta qui… ) ma la ascolta e la abbraccia teneramente. Seriamente????? Questo può accadere solo nei tuoi sogni, autrice donna che parla alle donne. Più volte (dalla prima riga all’ultima…) mi sono augurata per questa fanciulla che schifa la ricchezza, a cui non piace fare shopping (daiiii è più irreale del multimilionario!!!!) – dicevo- mi sono augurata che Anastasia anzi :- chiamami Ana- diventasse la protagonista di uno a caso dei libri del Marchese .. tesoro questa è perversione, te la presento, o che almeno fosse ospitata un mesetto a Roissie… (Reage rules!!!) tipo “Ana, adesso il tuo nome ha un senso”.
    Comunque non è scritto male. Ed è consigliabile a tutti gli uomini che vogliano “conquistare” una ragazza e a tutte le donne che si fanno trattare male o che peggio: ragazze ricordatevi che anche se siete delle banalotte provincialotte e mediocri là fuori il vostro Mr Grey vi sta aspettando.
    Forse.

    ha scritto il 

  • 4

    non avrei dato due lire a questa trilogia ma mi sono piaciuti i libri...certo non sono una lettura impegnativa ma sono scorrevoli e con una trama un po diversa dai soliti libri che leggo.

    ha scritto il 

  • 1

    Ah, ah, ah, ah...non rimetto il commento che scrissi quattro anni fa nella libreria che ho cancellato per sbaglio perchè non avrebbe più senso. La cosa divertente è che mi fruttò il record personale d ...continua

    Ah, ah, ah, ah...non rimetto il commento che scrissi quattro anni fa nella libreria che ho cancellato per sbaglio perchè non avrebbe più senso. La cosa divertente è che mi fruttò il record personale di like: ben 110. Ecco!

    ha scritto il 

  • 3

    Devo ammettere che questa storia mi prende sempre di più. continuo a leggere questa trilogia solo per il personaggio di christian, ha qualcosa che mi affascina moltissimo. comunque consiglio questo li ...continua

    Devo ammettere che questa storia mi prende sempre di più. continuo a leggere questa trilogia solo per il personaggio di christian, ha qualcosa che mi affascina moltissimo. comunque consiglio questo libro solo come libro per passare il tempo.

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per