Circolo chiuso

Di

Editore: Feltrinelli

3.9
(3077)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 408 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Tedesco , Francese , Finlandese , Spagnolo

Isbn-10: 8807819392 | Isbn-13: 9788807819391 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Delfina Vezzoli

Disponibile anche come: eBook

Genere: Famiglia, Sesso & Relazioni , Narrativa & Letteratura , Storia

Ti piace Circolo chiuso?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Alle soglie del capodanno del 2000 Claire Newman, reduce da un matrimoniofallito e da un lungo soggiorno in Italia, decide di tornare in Inghilterra,nella sua vecchia città di Birmingham. Pensa sia venuto il momento, dopo piùdi vent'anni, di scoprire definitivamente cosa sia successo a sua sorellaMiriam, scomparsa misteriosamente nel 1978. Il libro, al tempo stesso seguitode "La banda dei brocchi" e romanzo in sé compiuto, conclude un'idealetrilogia costituita da "La banda dei brocchi" (dedicato agli anni Settanta) eda "La famiglia Winshaw" (dedicato agli anni Ottanta).
Ordina per
  • 4

    SEGUITO DELLA BANDA DEI BROCCHI

    Ma in realtà costituiscono un unico grande romanzo. Resta un "buco" cronologico, riempito con accenni alle vicende dei personaggi intercorse fra i due libri. Mi è piaciuto più del primo, forse per ess ...continua

    Ma in realtà costituiscono un unico grande romanzo. Resta un "buco" cronologico, riempito con accenni alle vicende dei personaggi intercorse fra i due libri. Mi è piaciuto più del primo, forse per essere anagraficamente più vicino alla versione adulta dei protagonisti. Coe è un grande scrittore, dallo stile alla costruzione dei personaggi fino alle riflessioni di cui il romanzo è infarcito. Bello e malinconico, leggerò presto La Casa del Sonno, dello stesso autore.

    ha scritto il 

  • 3

    Mestierante

    Non me ne vorrà Jonathan ma "La banda dei brocchi" era proprio un'altra cosa e questo romanzo, etichettato come indispensabile seguito (ma, a mio modesto avviso, si può leggere tranquillamente "isola ...continua

    Non me ne vorrà Jonathan ma "La banda dei brocchi" era proprio un'altra cosa e questo romanzo, etichettato come indispensabile seguito (ma, a mio modesto avviso, si può leggere tranquillamente "isolato") ha ben poco di quella freschezza, spontaneità e gioia nel raccontare le storie dei vari personaggi anche se, comunque, si legge volentieri. Tutto troppo studiato e anche, per molti versi, inverosimile

    ha scritto il 

  • 4

    Una avvertenza

    Bellissimo, quando arrivi alla fine capisci tutta la costruzione della storia. Una avvertenza importante, questo libro va letto dopo "la banda dei brocchi". solo così capisci la costruzione narrativa, ...continua

    Bellissimo, quando arrivi alla fine capisci tutta la costruzione della storia. Una avvertenza importante, questo libro va letto dopo "la banda dei brocchi". solo così capisci la costruzione narrativa, e capisci che questo Coe è un genio

    ha scritto il 

  • 4

    Malinconico

    Sullo sfondo di una storia che mi è più vicina (l'11 settembre e tutto quello che ne è seguito) si chiude l'avventura dei ragazzi conosciuti ne La banda dei brocchi che onestamente non mi aveva convin ...continua

    Sullo sfondo di una storia che mi è più vicina (l'11 settembre e tutto quello che ne è seguito) si chiude l'avventura dei ragazzi conosciuti ne La banda dei brocchi che onestamente non mi aveva convinto e che avevo archiviato e dimenticato. La lettura de Il circolo chiuso è stata completamente diversa, ci sono stati passaggi in cui un pò mi ha annoiata ma la curiosità ha prevalso su tutto e oggi mi ci sono buttata a capofitto tralasciando tutto perché a mano a mano sentivo che il cerchio si stava chiudendo e ogni tassello andava al suo posto. Così è stato. Alla fine i protagonisti se ne sono andati chi insieme a qualcuno, chi per fatti suoi, qualcuno si è ritrovato e qualcuno si è perso definitivamente. E a me è rimasta l'emozione. Bello.

    P.s. secondo me può leggerlo anche chi non ha letto il primo o chi, come me, lo aveva dimenticato. Alla fine comunque c'è un comodo riassunto della puntata precedente.

    ha scritto il 

  • 5

    Oh si, ho imparato molto bene dai miei errori, e sono certo che potrei ripeterli alla perfezione

    Nonostante lo abbia letto a distanza di due anni da La Banda dei Brocchi non ho avuto difficoltà a ricostruire le storie di Doug, Benjamin, Claire, Philip, Miriam, Paul, Loise e tutti gli altri studen ...continua

    Nonostante lo abbia letto a distanza di due anni da La Banda dei Brocchi non ho avuto difficoltà a ricostruire le storie di Doug, Benjamin, Claire, Philip, Miriam, Paul, Loise e tutti gli altri studenti del King William. Il cerchio si chiude perfettamente, proprio lì dove tutto ha inizio. Siamo all’alba del nuovo millennio, quei ragazzi scanzonati di un tempo sono quarantenni che iniziano a tirare le somme delle proprie vite ancora incompiute. Coe ha soddisfatto ogni mia aspettativa raccontandomi una storia, arricchita da tante altre, stilisticamente perfetta, personaggi forti e indimenticabili. Dovevo sapere che strade avrebbero preso le loro vite, ora mi mancheranno, ne sono sicura, ma sono felice!

    ha scritto il 

  • 4

    Ci introduce nella vita della società inglese a partire dagli anni Novanta, un seguito della Banda dei brocchi. I personaggi sono gli stessi ma una trentina di anni dopo, e dopo l'esperienza governati ...continua

    Ci introduce nella vita della società inglese a partire dagli anni Novanta, un seguito della Banda dei brocchi. I personaggi sono gli stessi ma una trentina di anni dopo, e dopo l'esperienza governativa della Tatcher. La scrittura è quella di Coe: fluida, spesso brillante, con leggere ma piacevoli striature di ironia. Magari c'è un qualche interesse a confrontare quella società, nella quale leggiamo avventure e disavventure di protagonisti, giovani un tempo e ora nella piena maturità, con eventi che caratterizzano la nostra società. Non dico che non ci siano differenze, ma in quante occasioni, leggendo il libro, ho pensato a quello che è successo, e forse ancora di più, sta succedendo in Italia...

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per