Cirkus Columbia

Voto medio di 62
| 26 contributi totali di cui 18 recensioni , 8 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Un lunatico e rancoroso emigrante fa ritorno al luogo natio, una cittadina dell'Erzegovina, dove smarrisce subito il gatto nero a cui è morbosamente legato. L'intera cittadinanza, allettata dalla promessa di una lauta ricompensa, è coinvolta nella fo ...Continua
Ha scritto il 26/08/17
Un piccolo gioiello
Ho acquistato il libro dopo aver visto il film, che purtroppo è solo il compendio del primo capitolo. La storia narrata nel romanzo è molto più complessa e più tragica: nonostante il retrogusto amaro, lo considero un piccolo gioiello che contribuisce ...Continua
Ha scritto il 15/03/17
“Parlino gli altri della loro vergogna, io parlo della mia”, scrive Bertolt Brecht in epigrafe a Germania. Ivica Djikić l’ha preso in parola, e con questo Cirkus Columbia racconta di come una piccola, eterogenea comunità dell’Erzegovina ...Continua
  • 1 mi piace
Ha scritto il 20/06/14
Il Fatto Quotidiano: ‘Cirkus Columbia’, l’epopea grottesca della ‘rinascita’ croata
http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/06/15/libri-cirkus-columbia-lepopea-grottesca-della-rinascita-croata/1022959/
Ha scritto il 03/11/13
½ - La guerra è assurda, non è una novità ma non fa male ricordarlo
Libro breve e che scorre via liscio questo “Cirkus Columbia”, oddio, liscio rispetto alla scorrevolezza della prosa e non certo per l’argomento trattato. Ivica Djikic raccontando le vicende di alcuni abitanti di un piccolo paesino dell’Erzegovina des ...Continua
  • 20 mi piace
  • 11 commenti
Ha scritto il 28/10/13
Nessuno mi aveva mai detto che qualcuno fosse musulmano o albanese o zingaro, e io lo riconoscevo solo dai nomi e più o meno sapevo che noi, cattolici, ci distinguiamo dai musulmani, dagli zingari e dagli albanesi, oltre che dai nomi, per il fatto ...Continua
  • 5 mi piace
  • 2 commenti

Ha scritto il Jun 26, 2013, 13:44
"É triste qui e ogni volta che mi succede di ripensare alla città, penso anche alla morte. É per questo che ho cercato di rimuoverla dalla testa e ho finito spesso col negare persino di essere nata qui. Avevo concepito una specie di odio per tutto ci ...Continua
Pag. 119
Ha scritto il Jun 26, 2013, 13:37
"Che cosa si prova quando ti muore un figlio che non hai mai visto?" mi ha domandato Maja interrompendo le mie riflessioni su Janko Ivanda. Le ho risposto che si sopporta benissimo, ciò che invece è insopportabile è l'illusione del dolore che uno ten ...Continua
Pag. 117
Ha scritto il Jun 26, 2013, 13:34
Quale che sia l'esercito di appartenenza, viene sempre un tempo in cui ci si vergogna di averci militato.
Pag. 65
Ha scritto il Aug 08, 2011, 09:36
«È nostro quel mondo al quale decidiamo liberamente di appartenere e adattarci. Io mi sono adattato a questo, anche se capisco di aver accettato di lasciarmi morire lentamente. Non ho alcuna ambizione, né alcun desiderio... Vorrei solo che non mi fac ...Continua
Pag. 119
Ha scritto il Aug 07, 2011, 22:53
È come se la vita fosse una collana inanellata di sciagure, e per di più senza fine. È come se fossi rimasto intrappolato. Questa città è la mia trappola.
Pag. 81

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
  • 14
  • 30
  • 15
  • 3
  • 0
Aggiungi