Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Cisnes Selvagens

By Jung Chang

(1)

| Hardcover | 9789724211145

Like Cisnes Selvagens ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

238 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    “Cigni selvatici” è un romanzo storico che racconta la vita di tre donne (nonna, madre, autrice), vissute in Cina durante l’ultimo secolo, quindi dalla caduta dell’ultimo imperatore Mongolo della dinastia Manciù fino alla “normalizzazione” successiva ...(continue)

    “Cigni selvatici” è un romanzo storico che racconta la vita di tre donne (nonna, madre, autrice), vissute in Cina durante l’ultimo secolo, quindi dalla caduta dell’ultimo imperatore Mongolo della dinastia Manciù fino alla “normalizzazione” successiva alla morte del padre del Comunismo Cinese Mao Tse-tung.

    L’autrice Jung Chang riporta fedelmente gli avvenimenti storici che hanno caratterizzato tutte e tre le generazioni; ma ha un’attenzione particolare per l’evoluzione della condizione della donna nelle varie fasi, da concubina a cittadina attiva sia nel mondo del lavoro che in quello politico.
    Allo stesso tempo evidenzia il lento declino della Cina durante l'attuazione della politica di Mao Tse-tung.

    Questo libro permette di fare un confronto fra la vita privata dei protagonisti del libro e la storia della Cina, in maniera da evidenziare l’evoluzione politica del popolo cinese e le conseguenze positive o negative che Mao Tse-tung ha portato direttamente sulla popolazione.

    Is this helpful?

    Gianni Abate said on Oct 24, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Questo libro è stata una sorpresa: i romanzi storici non mi hanno mai fatta impazzire, anzi, ma Cigni Selvatici mi è piaciuto molto, vuoi per il mio interesse verso la Cina, vuoi perché racconta una storia diversa da quella che si studia a scuola o a ...(continue)

    Questo libro è stata una sorpresa: i romanzi storici non mi hanno mai fatta impazzire, anzi, ma Cigni Selvatici mi è piaciuto molto, vuoi per il mio interesse verso la Cina, vuoi perché racconta una storia diversa da quella che si studia a scuola o all'università. Leggendolo mi sono resa conto che la storia non è lontana come si pensa, perché in realtà ci siamo dentro tutti, nel bene e nel male.

    è stato interessante conoscere le tre protagoniste del romanzo (la nonna della scrittrice, la madre e Jung Chang stessa), tre donne con coraggio e forza da vendere, nonostante tutto quello che hanno passato nella Cina del Kuomintang prima e in quella di Mao dopo, che hanno sempre continuato a sperare che le cose cambiassero e hanno agito (o non agito) in prima persona per realizzare il sogno di una Cina migliore.

    Lo stile non è uno dei più belli e "poetici", ma a parte questo è ineccepibile. Vivamente consigliato a chi è interessato alla Cina e alla storia.

    Is this helpful?

    Airborne said on Oct 11, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Storia affascinante di tre generazioni di donne cinesi. Pensavo fosse un romanzo finché non ho visto le foto dei protagonisti e ho capito che era una storia vera. Ho imparato un sacco di cose sulla Cina e gustato una scrittura scorrevole.
    Voto 8 1/2

    Is this helpful?

    mikisong said on Sep 13, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    昨天發現的版本很久遠

    沒想到是爸爸買的

    她最近的新書很棒,不買對不起自己呢

    Is this helpful?

    Ching said on Sep 7, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Un libro che ho letteralmente divorato, un libro affascinante che rivela il vero volto della Cina. Un libro da leggere soprattutto per chi ha avuto la possibilità di recarsi in Cina ed è tornato con tante domande sul perché di tante cose. La storia r ...(continue)

    Un libro che ho letteralmente divorato, un libro affascinante che rivela il vero volto della Cina. Un libro da leggere soprattutto per chi ha avuto la possibilità di recarsi in Cina ed è tornato con tante domande sul perché di tante cose. La storia racconta con molta semplicità e leggerezza la vita di tre donne: nonna, madre e figlia. Coraggiose, straordinarie figure che non si dimenticano.

    Is this helpful?

    MG said on Aug 15, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Opera afferente alla categoria del romanzo storico, questo corposo testo offre uno spaccato efficacissimo della storia del '900 cinese, ma lo fa attraverso gli occhi e le mappe mentali di una giovane donna, che in prima persona ha vissuto tali eventi ...(continue)

    Opera afferente alla categoria del romanzo storico, questo corposo testo offre uno spaccato efficacissimo della storia del '900 cinese, ma lo fa attraverso gli occhi e le mappe mentali di una giovane donna, che in prima persona ha vissuto tali eventi. Ciò dona alle immagini descritte una freschezza e una genuinità che pochi testi sono in grado di presentare. Il racconto scorre fluido seguendo uno stretto ordine cronologico, snidandosi lineare e presentandosi perciò assolutamente fruibile, attroverso le tre vite di tre generazioni di donne della stessa famiglia, inoltre è ricco di riferimenti etnologici e di costume che lo arricchiscono in maniera preziosa. A volte lo stile si fa tuttavia eccessivamente cronachistico, e si perdono le fila delle vicende dei personaggi per lasciare uno spazio a mio parere eccessivo alla macro-storia, rendendo alcune pagine più "saggistiche" che romanzesche, anche se in generale appare un limite sufficientemente trascurabile anzi a volte addirittura strumentale allo snidarsi del racconto, a cui tali pagine vanno spesso a offrirre una efficace cornice in cui incastonare gli eventi delle figure che compongono il testo. Stilisticamente, il racconto appare secco, la frase semplice seppur carica, ma al punto giusto, di aggettivazione, quasi ineccepibile a parte la scelta, che non ho condiviso, di identificara i personaggi qualificandone la parentela, scelta che porta il lettore a trovarsi di fronte a una serie di : "mia madre", "mia nonna", "sua madre", "sua zia", "sua figlia", "sua nipote", "mia sorella" ecc. che complicano a volte l'identificazione del personaggio di cui si parla perchè varia di continuo il parente di riferimento alla qualificazione stessa: sarebbe stato meglio a mio parere un utilizzo più preciso e assiduo dei nomi propri.
    Ciò, tuttavia, non toglie valore al testo, un valore per lo più storico/culturale, oltre che di forte carica emotiva (dato il vivere in prima persona da parte dell'autrice di quanto racconta), al massimo rende la lettura foriera di maggiore concentrazione da parte del lettore, il che alla fine non guasta mai.

    Is this helpful?

    Johnny said on Aug 8, 2014 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book