Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Città oscura

Di

Editore: TEA

3.9
(149)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 656 | Formato: Tascabile economico

Isbn-10: 8878180548 | Isbn-13: 9788878180543 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Paperback

Genere: Crime , Fiction & Literature , Science Fiction & Fantasy

Ti piace Città oscura?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    4

    Fa riflettere

    Mi sono avvicinato ad Altieri con questo action thriller duro e violento. In una Los Angeles prigioniera della malavita si muove Solomon Newtown, poliziotto di colore reduce dal Viet Nam, che lotta contro i poliziotti corrotti e si lascia dietro una scia di cadaveri lunga come la California. Quan ...continua

    Mi sono avvicinato ad Altieri con questo action thriller duro e violento. In una Los Angeles prigioniera della malavita si muove Solomon Newtown, poliziotto di colore reduce dal Viet Nam, che lotta contro i poliziotti corrotti e si lascia dietro una scia di cadaveri lunga come la California. Quando poi un ciclone si abbatte sulla megalopoli, LA diventa il campo di battaglia di sciacalli e bande di teppisti, una guerriglia urbana che giunge come una sorta di piaga biblica. A una lettura superficiale è il classico catastrofico yankee hollywoodiano. In realtà la teoria di fondo di Altieri è affascinante: una megalopoli è destinata a degenerare perché è un sistema troppo fragile che va in cancrena e genera esso stesso i germi della sua autodistruzione. Fa riflettere e ti incolla alla pagina. Un po' trascinato il finale.

    ha scritto il 

  • 4

    Il libro mantiene quello che promette, e si legge con piacere. Certo, ci sono delle ingenuità (in effetti, come ho letto, la divisione tra buoni e cattivi è netta e il protagonista è un po' troppo aspro), ma io appunto l'ho letto con piacere e qua e là ci sono delle riflessioni del protagonista c ...continua

    Il libro mantiene quello che promette, e si legge con piacere. Certo, ci sono delle ingenuità (in effetti, come ho letto, la divisione tra buoni e cattivi è netta e il protagonista è un po' troppo aspro), ma io appunto l'ho letto con piacere e qua e là ci sono delle riflessioni del protagonista che sono interessanti. E' una lettura che consiglio, anche perché dimostra che in Italia libri del genere si possono scrivere.

    ha scritto il 

  • 3

    Esagerato! In tutti i sensi: troppo lungo, troppa violenza, troppo inverosimile. Molto divertente per un terzo, quando il romanzo è soltanto un poliziesco "sporco e cattivo" infarcito di azione e la forza dell'iperbolico Solomon Newton "buca" la pagina. Poi Altieri vuole strafare ed introduce il ...continua

    Esagerato! In tutti i sensi: troppo lungo, troppa violenza, troppo inverosimile. Molto divertente per un terzo, quando il romanzo è soltanto un poliziesco "sporco e cattivo" infarcito di azione e la forza dell'iperbolico Solomon Newton "buca" la pagina. Poi Altieri vuole strafare ed introduce il tema catastrofista sommmandolo ad un già densa scia di calamità che colpiscono una Los Angeles marcia: mafia, eroina, politici corrotti, bande di stupratori motorizzate, speculazione edilizia, coccodrilli albini nelle fogne... E contro tutto ciò, forte dei suoi monologhi filosofico-qualunquistici, lotta il protagonista, da solo o quasi, tra uno "sporco negro" e un "maledetto negro figlio di puttana" (i simpatici epiteti con cui quasi tutti coloro che hanno a che fare con lui si sentono in dovere di apostrofarlo ad ogni piè sospinto). Sicuramente innovativo per essere un romanzo che ha trenta anni e (la stoffa di Altieri si intuisce già e viene fuori spesso) ma i difetti ci sono e sono molti. Difetti che non impediscono comunque di godere di scene meravigliosamente pulp, molto cinematografiche. "Città oscura" è come un frullato di b-movies di proporzioni colossali: indigesto ma terribilmente invitante.

    ha scritto il 

  • 3

    Lati positivi:Il romanzo è veramente scorrevole, le pagine filano via una dopo l'altra senza problemi. Il POV è ben saldo in prima persona, solo poche volte "si perde". Pieno zeppo d'azione.


    Lati Negativi: Pieno zeppo d'azione. Partiamo col Tenente Newton impegnato in una partita di Hockey ...continua

    Lati positivi:Il romanzo è veramente scorrevole, le pagine filano via una dopo l'altra senza problemi. Il POV è ben saldo in prima persona, solo poche volte "si perde". Pieno zeppo d'azione.

    Lati Negativi: Pieno zeppo d'azione. Partiamo col Tenente Newton impegnato in una partita di Hockey sul ghiaccio, una partita sanguinaria. Capiamo che questo Tenente è un negro violento che vive in una città ancora più violenta. Ha, praticamente, una sparatoria al giorno con picchi di anche due sparatorie in una sola giornata. Pensavo fosse un romanzo d'azione con sparatorie d'artiglieria in pieno centro. Poi un thriller poliziesco con le indagini del Tenente contro l'Impero Del Male. Poi diventa un film hollywoodiano con i coccodrilli albini che devono essere presi con i lanciafiamme. Poi seguono 200 pagine in puro stile "sopravvivenza dopo catastrofe". Molto carine anche se poco credibile: un uomo con costole incrinate sopravvive alla caduta di un elicottero con dentro bombe rompendosi un po' di più le costole? Nah...Ma se si stacca un attimo il cervello, ci si può passare di sopra. Ma non finisce qui. Finita la catastrofe arriva la Spy Story con tanto di CIA, DIA, DOD e sigle fighe del genere. Uh uh. Il neo Capitano Newton, dopo aver minacciato di morte mezzo stato maggiore durante la più colossale emergenza degli Stati Uniti si trova a ricattare e bluffare i Servizi Segreti. Argh...
    Ah già, ho dimenticato i "fulmini globulari". Ma soprattutto: Il Governo degli USA sapeva con un anticipo di 3-7 giorni che il più grande tornato della storia si sarebbe abbattuto su Los Angeles e invece di cercare di evacuare il possibile, ha mantenuto il segreto condannando la città alla morte e alla catastrofe (visto che il tornado ha investito il porto e una petroliera -.- ).

    ha scritto il 

  • 5

    Un fantastico romanzo noir-thriller-apocalittico, scritto con stile asciutto ed efficace. Il libro è volutamente esagerato, c'è l'eroe indistruttibile e un pessimismo di fondo onnipresente, i buoni si contano su tre dita di una mano e i cattivi sono ovunque. Droga, distruzione, complotti, morti i ...continua

    Un fantastico romanzo noir-thriller-apocalittico, scritto con stile asciutto ed efficace. Il libro è volutamente esagerato, c'è l'eroe indistruttibile e un pessimismo di fondo onnipresente, i buoni si contano su tre dita di una mano e i cattivi sono ovunque. Droga, distruzione, complotti, morti in ogni pagina non si contano, intrecci su intrecci che rendono però un po' confuso il filo della trama. Bellissime le prime due parti, in special modo quella apocalittica e post-apocalittica dove un'alba si risveglia su una metropoli diventata un moncone dopo il passaggio di un enorme uragano e devastata dalla violenza urbana. La terza parte è tutta un anticlimax anche se un paio di colpi di scena (anche notevoli) li rivela. Solomon Newton sembra un po' Terminator e un po' Tex Willer e il mondo in cui si muove sembra imbottito di nitroglicerina. Altieri è fantastico nelle descrizioni delle battaglie, delle uccisioni, delle armi, dell'ambientazione urbana. In questo romanzo rilevo tuttavia che c'è meno pessimismo rispetto alle sue raccolte "Hellgate" e "Armageddon" (i suoi primi due libri che ho letto), e anche lo stile è visibilmente diverso.
    I punti positivi li ho elencati, l'unico negativo - come ha notato qualche altro recensore - è il fatto che Newton spieghi tutti i complotti un paio di volte di troppo (per questo ho detto che la seconda parte - la maggior parte dialoghi e spiegazione di tutta la faccenda - è una sorta di anticlimax), quando il romanzo si poteva chiudere anche un centinaio di pagine prima della n.654.
    In ogni caso, lo consiglio per chi vuole passare alcune ore sul filo del rasoio di una metropoli sul punto di esplodere.
    PS. E lo dico io, che evito come la peste gli scrittori italiani ;)

    ha scritto il 

  • 1

    Non amo altieri, la sua trilogia di magdeburgo mi ha annoiato, questo romanzo però è peggio.
    Lungo come una quaresima si arrotola su se stesso, l'eroe spiega per filo e per segno tutto il complotto almeno tre volte, poteva finire 10 pagine dopo la fine dell'uragano invece ha allungato il br ...continua

    Non amo altieri, la sua trilogia di magdeburgo mi ha annoiato, questo romanzo però è peggio.
    Lungo come una quaresima si arrotola su se stesso, l'eroe spiega per filo e per segno tutto il complotto almeno tre volte, poteva finire 10 pagine dopo la fine dell'uragano invece ha allungato il brodo per altre 200 pagine.
    L'eroe è improbabile, va in giro con tanto di quel piombo in corpo che dovrebbe morire avvelenato.
    Spesso alcuni passaggi sono odiosi: in una automobile di serie non c'é il posto del pilota ma quello del guidatore mi sembra.
    Per essere violento è violento ma francamente mi aspettavo almeno un intreccio più coinvolgente ... ho voluto finirlo proprio per vedere dove andava a parare ... ho fatto male.

    ha scritto il 

  • 4

    Apocalypse now

    Prima parte densa di crimini di città, rapine, stupri, assassinii ecc, seconda parte molto più apocalittica, del tipo "La città verrà distrutta all'alba", solo che la città in questione è Los Angeles, quindi fate un pò voi...
    Terza parte densa di fantapolitica, trame contorte e complotti ma ...continua

    Prima parte densa di crimini di città, rapine, stupri, assassinii ecc, seconda parte molto più apocalittica, del tipo "La città verrà distrutta all'alba", solo che la città in questione è Los Angeles, quindi fate un pò voi...
    Terza parte densa di fantapolitica, trame contorte e complotti macchinosi, per poi portare alla verità suprema.
    Unico punto dolente: il tenente Newton è uno degli ultimi immortali?

    ha scritto il