"Questo libro è costruito come una città, come l'idea di una città. Mi piaceva che il titolo lo dicesse. Adesso lo dice. Le storie sono quartieri, i personaggi sono strade. Il resto è tempo che passa, voglia di vagabondare e bisogno di guardare. ... Continua
Ha scritto il 11/10/17
Amo Baricco ma questo libro é stata una grande delusione...e non continuo...
Ha scritto il 18/03/17
La storia, se riesci a percepirne il ritmo, arriva quando meno te lo aspetti in un modo che non ti aspetti. È lieve ed indolore il procedere ma il sipario si chiude su bramati finali inattesi. Maschile. Geniale. Buona lettura.
Ha scritto il 09/03/17
Questo libro è considerato dalla gran parte dei lettori il meno bello di Baricco. Si dice che si fa fatica a leggerlo e che non ha un filo logico e né un senso. A me piace. Mi piace soprattutto per la tecnica e per l'ingegno con cui è ...Continua
Ha scritto il 15/02/17
6. L'onestà intellettuale è un ossimoro
Questo libro ha a che fare con una promessa.Il 23 maggio 2003, prima che succedessero tante - tantissime - cose, arrivata all'ultima pagina di questo libro, avevo promesso a me stessa che l'avrei riletto. Un giorno. Prima o poi. Io le promesse le ...Continua
  • 3 mi piace
Ha scritto il 27/01/17
Tutto questo sbandare da una parte all'altra, come se fossimo matti, o peggio smarriti, in realtà è il nostro modo di andare diritti.
Dedico sempre grande attenzione ad Alessandro Baricco. Oltre agli autori stranieri che compongono gli scaffali della mia libreria, che mangio e bevo come un pranzo frugale e genuino con avidità ogni giorno, la mia anima romantica si ciba anche di ...Continua
  • 1 mi piace

Ha scritto il Aug 14, 2017, 16:45
...ma è quello che hanno scoperto con scientifica sicurezza a forza di studiare i fiumi, tutti i fiumi, hanno scoperto che non sono matti, è la loro natura di fiumi che li obbliga a quel girovagare continuo, e perfino esatto, tanto che tutti, dico ...Continua
Pag. 183
Ha scritto il Aug 11, 2017, 21:43
Sentì salirle dentro una cosa che non le piaceva, la conosceva e non le piaceva, era una specie di lontano rumore di disfatta. Il segreto, in quei casi, era non lasciarle il tempo di venir fuori. Era urlare così forte da non sentirlo più. Era ...Continua
Pag. 155
Ha scritto il Feb 04, 2017, 22:54
È una cosa strana. Quando ti accade di vedere il posto dove saresti salvo, sei sempre lì che lo guardi da fuori. Non ci sei mai dentro. È il tuo posto, ma tu non ci sei mai.
  • 1 mi piace
Ha scritto il Feb 04, 2017, 15:56
Grottesco. Ma un sacco di volte è così, è così quasi sempre: si scopre alla fine che il dolore, tutto quel dolore, era inutile, che si è sofferto come bestie, ed era inutile, non era né giusto né ingiusto, non era bello o brutto, era solo ...Continua
Pag. 23
Ha scritto il Aug 25, 2013, 23:21
Si può vivere senza orologi: è più complicato farlo senza destino, con addosso una vita che non ha più appuntamenti.
Pag. 264
  • 1 mi piace

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi