Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Clorofilla dal cielo blu

Di

Editore: Mondadori

3.9
(450)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: | Formato: Altri

Isbn-10: 8804444800 | Isbn-13: 9788804444800 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Copertina rigida , Tascabile economico

Genere: Children , Fiction & Literature , Science Fiction & Fantasy

Ti piace Clorofilla dal cielo blu?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Una metropoli dove lo smog ha distrutto quasi completamente la vita vegetale; un botanico socio della Lega dei Nemici dei Bambini, Cani, Gatti e Animali Affini; due fratellini che hanno sbagliato indirizzo; un'intraprendente portinaia; una piccola extraterrestre che rischia di morire per colpa dell'inquinamento e chiede aiuto al celebre professor Erasmis... Ecco l'ambiente e i personaggi di una storia a metà tra fantascienza e fiaba, che fa ridere ma anche sognare: perché a tutti piacerebbe vedere la grigia Milano trasformata in una meravigliosa giungla verde.
Ordina per
  • 3

    Una storia ecologica

    Un libro per bambini davvero molto carino e che trasmette l'amore per la natura e per la vita semplice. Vi è anche un tocco di humor e di surrealismo che non guasta e qualche piccola lezioncina di biologia, ma senza esagerare.

    ha scritto il 

  • 4

    fantaecologia umoristica

    Bianca Pitzorno, la scrittrice per bambini più apprezzata dalle insegnanti e più detestata dai genitori (il parere dei bambini in questi casi non perviene), propone qui una fantasia ecologico- fantascientifica (siamo nel 1975, anno dei Barbapapà, del resto).
    Una catena di circostanze, avvia ...continua

    Bianca Pitzorno, la scrittrice per bambini più apprezzata dalle insegnanti e più detestata dai genitori (il parere dei bambini in questi casi non perviene), propone qui una fantasia ecologico- fantascientifica (siamo nel 1975, anno dei Barbapapà, del resto).
    Una catena di circostanze, avviata da una visita di alieni umano-vegetali, porta Milano a essere non solo una giungla, ma una giungla pacifica, dove "l'agnello dorme accanto al leone", come disse Isaia (citato nel testo), e le zitelle inacidite imparano ad apprezzare i bambini.
    Molto umorismo, fantascienza quanto basta, un po' di milanesità anche se la storia è universale; di femminismo questa volta solo un pizzico che non guasta (uomini sempre più imbranati delle donne, che peraltro non si sentono in dovere di occuparsi dei figli).

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    5

    Clorofilla dal cielo blu

    Clorofilla dal cielo blu è un romanzo che può definirsi fantaecologico. Fu pubblicato nel 1975 dall’editore Bietti, nella collana Identikit, con le illustrazioni di Gianna Valeriani Santini.
    Successivamente venne pubblicato, senza illustrazioni, dalla casa editrice La Sorgente, che ...continua

    Clorofilla dal cielo blu è un romanzo che può definirsi fantaecologico. Fu pubblicato nel 1975 dall’editore Bietti, nella collana Identikit, con le illustrazioni di Gianna Valeriani Santini.
    Successivamente venne pubblicato, senza illustrazioni, dalla casa editrice La Sorgente, che per spacciarlo come una novità, volle cambiargli il titolo in E un giorno dal cielo…
    Più tardi lo pubblicò Mondadori nella collana Junior; ne fece anche un’edizione accompagnata dal dvd del cartone animato che era stato realizzato nel frattempo.

    Clorofilla: Il libro - Come e perché l'ho scritto - Recensioni - Traduzioni sul sito di Bianca Pitzorno http://www.biancapitzorno.it/index.php/libro-clorofilia

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    3

    Il Professor Erasmus, di professione botanico baffuto, ha subito un trauma di gioventù: un bambino gli ha distrutto una serra quindi da allora scopo della sua esistenza è, oltre a curare le piante, dichiarare guerra a cani, gatti, bambini e altri elementi disturbatori condominiali. Eletto a guida ...continua

    Il Professor Erasmus, di professione botanico baffuto, ha subito un trauma di gioventù: un bambino gli ha distrutto una serra quindi da allora scopo della sua esistenza è, oltre a curare le piante, dichiarare guerra a cani, gatti, bambini e altri elementi disturbatori condominiali. Eletto a guida morale e intellettuale di una Lega condominiale di stampo kukluxklaniano, la sua vita scorre in modo sereno e soddisfacente, solo in un appartamento pieno di piante, aspettando invano l'arrivo della madre che una volta liberata dal giogo del matrimonio passa il tempo a divertirsi in crociera.

    Il che a me starebbe benissimo, senonchè una sera mentre tutte le zitelle del suo condominio sono fortunosamente in vacanza due paffuti e simpatici bimbetti gli piombano in casa come niente fosse asserendo di essere suoi nipoti: Erasmus non ricorda di avere nipoti, non ricorda nemmeno di avere fratelli o sorelle ma essendo così smemorato devono avere per forza ragione i bambini sconosciuti. Non fa una piega.

    La stessa sera i tre fanno un incontro ravvicinato del terzo tipo: un incontro floreale. Trattasi infatti di famiglia di alieni-pianta con tanto di bimba a carica che con la scusa della malattia della bimba causata dallo smog cittadino ammollano al professore la pupetta e si fanno una breve vacanza romantica in attesa della "giusta congiunzione astrale" che permetta loro di tornare a casa.

    Ora, menzione di merito al padre di Clorofilla che lascia la bambina morente nelle mani di un perfetto estraneo solo perchè è un botanico, come se io mi fidassi dello scuoiatore del silenzio degli innocenti perchè al suo cagnolino vuole tanto bene. Dal momento che non ci è dato modo di essere testimoni dell'incontro tra i genitori di Clorofilla e il professore i casi sono due: o a questi alieni piace il rischio (e sono scemi) o il padre di Clorofilla ha minacciato il professore di sostituirgli il pirillo con un tralcio di vite in caso fosse accaduto qualcosa alla sua preziosa bimba.

    Ed ecco infatti il nostro professor Erasmus arrabattarsi in fretta e furia, per amor del suo pirillo, a trovare una cura miracolosa per questa bimba-pianta che nulla può per difendersi. Ed inventa in due pagine scarse una pozione miracolosa che salva la bimba. Ora se tanto mi dà tanto la storia potrebbe anche finire ma naturalmente ci sono molte cose da risolvere: l'odio del professore per i bambini e per i tralci di vite, il mistero dell'identità dei due bambini. L'interferenza di zitelle, poliziotti, giornalisti, e gli stessi genitori dei due bimbi. Specie la madre, che forse proviene dal pianeta mentale Incurante (patria natale dei genitori di Clorofilla) e non è che si dimostri preoccupata quanto dovrebbe del fatto che suo figlio gli scriva da una casa sconosciuta cianciando di alieni-pianta. E se fosse stato un codice per dire "sono tenuto prigioniero in una cantina e messo all'ingrasso per essere buttato nel forno e cucinato come pasticcio mentre mia sorella viene schiavizzata"?

    Un po' dispiace che alla fine il professore ritrovi questo amore per i bambini sia umani che alieni, perchè sentirò la mancanza del tizio baffuto che sentenziava da un palco condominiale sulla necessità di liberarsi anche con mezzi violenti di bambini, cani e gatti, sotto lo sguardo benevolo di una vecchia contessa e tutto intorno a lui una folla gemente di vecchie zitelle a strapparsi i capelli e lanciargli le mutande come groopies.

    ha scritto il 

  • 0

    il verdeplasma ci salverà

    Un altro libro della Pitzorno avvincente e prezioso per le sue perle ambientali. Perfetto come lettura ad alta voce in una classe terza o quarta elementare perchè fornisce buone chiavi e spunti operativi per lo studio attivo di scienze. L'importanza delle piante nei nostri ambienti di vita quotid ...continua

    Un altro libro della Pitzorno avvincente e prezioso per le sue perle ambientali. Perfetto come lettura ad alta voce in una classe terza o quarta elementare perchè fornisce buone chiavi e spunti operativi per lo studio attivo di scienze. L'importanza delle piante nei nostri ambienti di vita quotidiani è reso piacevole e buffo senza tralasciare la denuncia allo smog e al non rispetto della natura nei nostri tempi. Tra i personaggi più simpatici c'è il nostro botanico dott.Erasmus nemico giurato di animali e bambini con il solo e unico amore per le sue amate piante che non parlano nè piangono, ma i tre bambini e la piccola Clorofilla gli faranno lentamente cambiare idea. I Bambini sono come sempre vigili e vivaci ecco perché anche questo libro piace sempre ai piccoli lettori.Bellissimo anche il film di animazione.

    ha scritto il 

  • 0

    A Milano, lo smog sta distruggendo ogni specie vegetale.Una piccola extraterrestre chiede aiuto al professor Erasmus perchè rischia di morire per l' inquinamento.Ma tutto andrà per il meglio e la città diventerà una giungla verde.
    Lo consiglio a chi ama il genere fantascientifico e desidera ...continua

    A Milano, lo smog sta distruggendo ogni specie vegetale.Una piccola extraterrestre chiede aiuto al professor Erasmus perchè rischia di morire per l' inquinamento.Ma tutto andrà per il meglio e la città diventerà una giungla verde.
    Lo consiglio a chi ama il genere fantascientifico e desidera proteggere la natura.
    Francesco, classe quinta PAOLANTONIO

    ha scritto il 

Ordina per