Coachen

By

Förlag: Månpocket

3.2
(1014)

Language: Svenska | Number of Pages: 228 | Format: Paperback | På andra språk: (andra språk) English , French , Italian , Spanish , German , Portuguese , Dutch

Isbn-10: 9170012520 | Isbn-13: 9789170012525 | Publish date: 

Category: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Sports, Outdoors & Adventure

Do you like Coachen ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Bokbeskrivning
Neely Crenshaw var förmodligen den bäste quarterback som någonsin spelat för Messina Spartans, ett legendariskt high school-lag inom amerikansk fotboll. Femton år har hunnit gå sedan den underbara tiden och Neely har kommit hem till Messina för att ta ett sista farväl av coachen Eddie Rake, mannen som lade grunden till lagets framgångar.
Nu, när Rakes grabbar sitter på åskådarläktaren, tittar ut över den dimmiga planen och väntar på att få budet om Rakes död, går de igenom de gamla matcherna, återupplever höjdpunkterna och försöker en gång för alla bestämma sig för om de älskar Eddie Rake eller hatar honom. För Neely Crenshaw, en man som slutligen måste förlåta sin coach och sig själv innan han kan gå vidare i livet, är insatserna särskilt höga.
Sorting by
  • 1

    yawn... (=O=)

    “La strada per il Rake Field correva di fianco alla scuola, oltre il vecchio palco dell’orchestra e i campi da tennis, attraverso una galleria di due filari perfetti di aceri rossi e gialli piantati ...fortsätt

    “La strada per il Rake Field correva di fianco alla scuola, oltre il vecchio palco dell’orchestra e i campi da tennis, attraverso una galleria di due filari perfetti di aceri rossi e gialli piantati e pagati dai sostenitori. Poi, superando un piccolo dosso, scendeva in una spianata più in basso, sul cui asfalto potevano trovare posto un migliaio di automobili.”

    Inizia in questo modo uno dei libri più noiosi e brutti mai letto in quest’anno (ho ho ho, volevo fare una battuta, volevo fare :P ). Scherzi a parte sulla bravura e sulla popolarità dei libri di John Grisham si è già detto e si è già fatto tanto. Io stessa ho adorato “Il socio” molto più della sua trasposizione cinematografica, anche se un Tom Cruise non si disdegna mai…
    Tornando a questo libro dalla copertina più verde mai vista (sfido a trovarne di più verdi u_u) parliamo della trama. Scritto bene è scritto bene, ma che noia. Non amo il football, sono un’italiana media vissuta in una famiglia di italiani medi dove lo sport era circoscritto, nei tempi andati, a Maradona, Del Piero, Matthaus e Tomba. Insomma calcio e sci. Noi italiani siamo penalizzanti: per il 90% lo sport è il calcio e si vede questo limite anche nell’ambito più immediato dei media. Si parla di calcio, calcio, sci, calcio, calcio, moto gp alias Rossi, calcio, calcio, f1, calcio, calcio, toh dai mettiamoci dentro anche un po’ di tennis su. Abbiamo scoperto il basket grazie ai Looney Tones e a “Maicol Giordan” in Space Jam. Il golf grazie a Tutti in campo con Lotti e la pallavolo con Mimi e con Mila e Shiro. Qualcuno, uno dei più illuminati, potrebbe parlarci delle gare di pesca grazie a Sampei e alla sua canna fatta di magia. Siamo seri o divago troppo. Scherzi a parte fortunatamente sembra che sia iniziato un processo di ampliamento della nostra percezione del mondo sportivo, ma forse sono ancora pochi quelli che si sono appassionati a questo sport. E se manca la passione per la palla ovale, i quarteback, le ammucchiate a tutto campo e la corsa su yard… beh allora significa che questo libro non fa per voi. E per me. Neely Cresnhaw è un ex giocatore di football, una promessa nazionale fermata brutalmente da un brutto incidente di gioco. Adesso è un agente immobiliare con una vita fallita alle spalle che torna nella città d’origine perché il suo allenatore del liceo sta morendo. Questo Eddie Racke, l’allenatore appunto, è stata LA leggenda del posto, invincibile, brutale, osannato e odiato. O almeno è questo ciò che traspare. Dagli incontri tra ex allievi che attendono la notizia di una morte preannunciata viene fuori il ritratto di un uomo diverso. Tanto brutale e duro sul campo quanto profondamente affezionato ai suoi giocatori anche se incapace di manifestarlo se non in sprazzi di incontri intimisti con ognuno di loro. È un libro intimista intervallato da pagine e pagine di rievocazioni di partite tratteggiate, ne sono certa, in modo perfetto. Ma per me hanno rappresentato pagine e pagine di arabo. E la storia di fondo, quella dell’allenatore e dei suoi giocatori, ne ha perso troppo.
    Tanto che la notizia della morte mi ha fatto tirare un sospiro di sollievo. Diciamo che il funerale è stata la cosa più bella letta in quelle 152 pagine. Anche la più divertente. Il che la dice lunga.

    sagt den 

  • 4

    Rilettura di un allenatore di football americano che, in punto di morte, viene psicanalizzato in tutti i suoi aspetti dai suoi ex giocatori.
    Si scoprono, così, luci e ombre di un uomo visto come una l ...fortsätt

    Rilettura di un allenatore di football americano che, in punto di morte, viene psicanalizzato in tutti i suoi aspetti dai suoi ex giocatori.
    Si scoprono, così, luci e ombre di un uomo visto come una leggenda dai più, ma con passioni e difetti tipici dell'essere umano.
    Meno semidio - come lo vede la città in cui ha allenato con grande sfarzo - e più uomo.
    Alla fine, si giunge alla redenzione di colui che è un po' la voce narrante, l'all-American Neely, che più di tutti aveva patito le angherie del coach ma che, dopo attenta analisi, si ritrova a perdonarlo per gli errori commessi.
    E a perdonare se stesso per gli errori che, a sua volta, ha commesso in passato.
    Consiglio di leggerlo dopo una scorsa veloce alla pagina di Wikipedia inerente il football americano. Certi termini, se non si è addentro al gioco, altrimenti, possono risultare un po' oscuri.
    Detto ciò, penso sia un'ottima lettura, sviluppata nel giro di tre giorni, in cui si toccano anni e anni di vita vissuta.
    Un buono spunto anche per una riflessione personale sulla propria vita.

    sagt den 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    3

    Ogni tanto John Grisham lascia da parte il legal thriller che l’ha reso famoso per fare lo scrittore impegnato, ad esempio denunciando le storture del sistema giuridico statunitense o per tentare una ...fortsätt

    Ogni tanto John Grisham lascia da parte il legal thriller che l’ha reso famoso per fare lo scrittore impegnato, ad esempio denunciando le storture del sistema giuridico statunitense o per tentare una letteratura intimista, come ne L’allenatore, uscito una decina d’anni fa...

    (continua qua: http://cheremone.wordpress.com/2014/09/30/pre-nfl/ )

    sagt den 

  • 2

    deludente, la cronaca della famosa partita di football per quelli che come me non conoscono quei termini americani specifici del gioco è stata una palla....la storia non c'è, è la rimpatriata di ex gi ...fortsätt

    deludente, la cronaca della famosa partita di football per quelli che come me non conoscono quei termini americani specifici del gioco è stata una palla....la storia non c'è, è la rimpatriata di ex giocatori riunitisi in occasione del funerale del loro allenatore-tiranno

    sagt den 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    3

    L'allenatore

    Coach Eddie Rake è l'uomo che per decenni ha reso grandi gli Spartans, la squadra di football liceale di un'anonima città di provincia degli Stati Uniti. La notizia della sua ormai prossima dipartita ...fortsätt

    Coach Eddie Rake è l'uomo che per decenni ha reso grandi gli Spartans, la squadra di football liceale di un'anonima città di provincia degli Stati Uniti. La notizia della sua ormai prossima dipartita porta Neely Creenshaw, ex grande promessa del football mai mantenuta, a tornare dopo tanti anni in città, per dare l'estremo saluto al coach. Attraverso i racconti di un gruppo di ex compagni viene ricostruita la storia di un uomo duro e burbero, che però ha segnato in modo indelebile le vite di ognuno di loro.
    Il racconto è permeato della nostalgia dei tanti protagonisti, che rivivono e rimpiangono gli anni in cui giocavano per Eddie Rake, ed erano considerati gli Eroi di un'intera città. Tornano a galla storie rimaste nascoste per tanti anni, emergono lati di Eddie Rake che tante persone, non erano stati in grado di vedere.

    Il libro è scorrevole e cattura anche i non amanti del football.

    sagt den 

  • 4

    Un Grisham insolito.

    Si può dire non il solito Grisham, o perlomeno non il Grisham dei legal-drama o thriller. Ma c’è anche il solito Grisham, con l’ambientazione nella provincia americana con le sue abitudini e i suoi ri ...fortsätt

    Si può dire non il solito Grisham, o perlomeno non il Grisham dei legal-drama o thriller. Ma c’è anche il solito Grisham, con l’ambientazione nella provincia americana con le sue abitudini e i suoi riti settimanali. E poi c’è il football. Chi non è appassionato troverà un po’ difficile addentrarsi nelle pagine in cui descrive, anche minuziosamente, la partita che i vari personaggi ci/si raccontano e che è il fulcro attorno al quale gira la storia. È, però, soprattutto una storia sul perdono, sulle occasioni perdute, sul destino, sulle “sliding doors” della vita. E lungo le pagine di questo racconto, a tratti struggente, ambientato nella (immaginaria) cittadina di Messina, il protagonista troverà la forza di analizzare il suo passato, con l’aiuto dei suoi vecchi amici, interrogandosi sugli errori commessi e sul perché delle sue scelte.
    Grisham dimostra ancora una volta, a parte la conoscenza (e, chiaramente, l’amore) per il football, di non essere uno scrittore “stereotipato”, ma capace di raccontare storie di sentimenti, di passioni e di amicizie che iniziano a consolidarsi già da piccoli e si snodano poi per una vita intera nonostante lontananza e, spesso, equivoci.
    Un libro “breve” ed intenso sulla giovinezza ormai passata e sugli immancabili bilanci della vita su cui prima o poi ci si deve cimentare.

    sagt den 

  • 2

    Incompleto

    Sono rimasto un po deluso questa volta da John. Solitamente riesce a catturarmi. Questa volta invece no. Mi piace sempre come scrive.. ma il romanzo sembra una bozza, incompleto. Come se dovesse finir ...fortsätt

    Sono rimasto un po deluso questa volta da John. Solitamente riesce a catturarmi. Questa volta invece no. Mi piace sempre come scrive.. ma il romanzo sembra una bozza, incompleto. Come se dovesse finirlo. Si parla solo e soltanto di football. Se magari c'avesse intrecciato dentro qualcos'altro.. una storia d'amore o qualco'altro .. Ma così purtroppo non posso dare più di due stelle. Mi spiace John... :-)

    sagt den 

Sorting by