Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Colazione da Tiffany

Di

Editore: Il Giornale-Movie Book

3.9
(4978)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 128 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo , Catalano , Tedesco , Francese , Sloveno , Ceco , Olandese

Isbn-10: A000020018 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Paperback , Altri , Tascabile economico

Genere: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Romance

Ti piace Colazione da Tiffany?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
"Holly golightly, la protagonista di questo estroso romanzo breve, è una cover girl di New York, attrice cinematografica mancata, generosa si sé con tutti, consolatrice di carcerati, eterna bambina chiassosa e scanzonata. È un personaggio incantevole, dotato i una sorprendente grazia poetica. Intorno a lei ruotano tipi bizzarri come Sally Tomato, paterno ganster ospite del penitenziario di Sing Sing, O.J. Barman, il potente agente dei produttori di Hollywood, il "vecchio ragazzo" Rusty Trawler, Joe Bell, il propietario di bar e timido innamorato..."
Ordina per
  • 4

    "Andiamo a rubare qualcosa", invitò trascinandomi nell'emporio... Domandai a Holly se aveva rubato spesso. "Una volta sì, dovevo farlo, se avevo bisogno di qualcosa. Ma rubo ancora ogni tanto, per tenermi in esercizio". Nel libro sembrerebbe trattarsi solo di palle dell'albero di Natale, salvo a ...continua

    "Andiamo a rubare qualcosa", invitò trascinandomi nell'emporio... Domandai a Holly se aveva rubato spesso. "Una volta sì, dovevo farlo, se avevo bisogno di qualcosa. Ma rubo ancora ogni tanto, per tenermi in esercizio". Nel libro sembrerebbe trattarsi solo di palle dell'albero di Natale, salvo a trovare qualcosa di più importante alla fine.
    In fuga verso il Brasile, deve allora abbandonare il suo amato gatto (e proprio allora, subito pentita, si dispera: "non può continuare così per sempre, a non sapere che cosa è tuo finché non lo butti via"). Il gatto sarà ritrovato dal devoto vicino di casa Fred "in un freddo e soleggiato pomeriggio invernale, di domenica, lo vidi. Fra due piante in vaso, incorniciato da tendine in pizzo pulite, era seduto alla finestra di una stanza dall'aria ben riscaldata. Mi domandai qual era il suo nome, perché ero sicuro che ormai ne aveva uno, ero sicuro che era arrivato in un posto che era il suo posto... E, capanna africana o quel che sia, spero lo stesso anche di Holly".
    In una ideale distinzione fra scrittori che conoscono il mondo dei gatti e quelli che no, Truman Capote indubbiamente fa parte della prima categoria (altri componenti: Némirowski, Amos Oz..).

    ha scritto il 

  • 4

    Fantastico! Leggero, frizzante e a tratti nostalgico. La protagonista è un personaggio assurdo, ma credibile e strutturato perfettamente. Una ragazza di cui innamorarsi, insomma.
    È uno di quei pochissimi libricini di poche pagine che ti posso rimanere impressi per sempre.
    Il fantasma ...continua

    Fantastico! Leggero, frizzante e a tratti nostalgico. La protagonista è un personaggio assurdo, ma credibile e strutturato perfettamente. Una ragazza di cui innamorarsi, insomma.
    È uno di quei pochissimi libricini di poche pagine che ti posso rimanere impressi per sempre.
    Il fantasma di audrey Hepburn durante la lettura è inevitabile.
    P.s. sono l'unico a cui ha ricordato un pò il grande gatsby?

    ha scritto il 

  • 4

    Bello, ben scritto, ma per essere entrato come una leggenda nell'immaginario collettivo mi attendevo qualcosina di più. Il personaggio di Holly e costruito magistralmente e la bella vita newyorchese di quegli anni lo è alla stessa misura. Un finale più connesso con l'incipit - il giapponese torna ...continua

    Bello, ben scritto, ma per essere entrato come una leggenda nell'immaginario collettivo mi attendevo qualcosina di più. Il personaggio di Holly e costruito magistralmente e la bella vita newyorchese di quegli anni lo è alla stessa misura. Un finale più connesso con l'incipit - il giapponese torna dall'Africa con il ritratto di Holly - avrebbe reso il romanzo ancor più straordinario.

    ha scritto il 

  • 5

    Un libro che lascia decisamente il segno

    Dentro di se ha tutto, il caldo sole del mattino e il fresco imbrunire della sera, questo libro è qualcosa di assolutamente unico e speciale.
    Ho lasciato un pezzetto di cuore

    ha scritto il 

  • 3

    Mentre leggevo vedevo Audrey Hepburn ma, in quello che leggevo, alla protagonista mancava qualcosa... forse che non era Audrey Hepburn! Certe volte, semplicemente, è l'attore che fa la storia.

    ha scritto il 

Ordina per