Colazione da Tiffany

Voto medio di 5572
| 715 contributi totali di cui 607 recensioni , 107 citazioni , 0 immagini , 0 note , 1 video
Holly Golightly, la protagonista di questo estroso romanzo breve, è una cover girl di New York, attrice cinematografica mancata, generosa di sè con tutti, consolatrice di carcerati, eterna bambina chiassosa e scanzonata. E' un personaggio incantevole
Ha scritto il 07/01/18
Indimenticabile la protagonista di Colazione da Tiffany.
Holly Golightly è imprevedibile, leggera, sognatrice anche se un pò cinica, bugiarda, anticonformista.... un personaggio trasgressivo che riesce a farsi amare pur non essendo convenzional
...Continua
  • 1 mi piace
Ha scritto il 19/12/17
Breve, ma intenso. In poche pagine c'è un mondo di complessità, una miriade di infinitesimali dettagli che ti fanno immergere nella New York degli anni '40, una narrazione semplice ma ricca. Una storia che è la cornice dentro cui installare il ritra ...Continua
  • 1 mi piace
Ha scritto il 15/11/17
Go-lightly from the ledge, babe...
Magari nelle intenzioni dell'autore c'era l'idea di un personaggio femminile esilarante; beh, forse per l'epoca lo era pure, ma a me è sembrata solo un'oca giuliva con la faccia di Audrey Hepburn, che va pigolando - Tu, gatto dove sei? Qui gatto. - f ...Continua
  • 4 mi piace
  • 2 commenti
Ha scritto il 16/10/17
Una donna che teme soprattutto le gabbie e che non ha ancora trovato un posto nella vita; al di là dell'icona creata da Audrey Hepburn, come potevo non amare la politically uncorrect Holly? Nonostante la distanza anagrafica e fisica penso di aver mes ...Continua
Ha scritto il 22/08/17
Effervescente
L'ho letto avendo nella testa il film con la grandissima Audrey, ma ci sono alcune differenze. Posso dire che adoro il film, uno dei migliori a parer mio, e che ritengo il libro eccellente. Il personaggio di Holly è assolutamente e completamente diff ...Continua
  • 1 mi piace

Ha scritto il Mar 19, 2017, 13:29
"E poi, la patria è dove ci si sente a proprio agio. Io la sto ancora cercando."
Pag. 118
Ha scritto il Mar 19, 2017, 13:27
"...l'amai abbastanza da dimenticare me stesso, le mie disperazioni egoistiche e da essere contento perchè stava per succedere qualcosa che lei pensava felice."
Pag. 102
Ha scritto il Mar 19, 2017, 13:25
"...non un'onestà di tipo legale (...) ma un'onestà nei confronti di se stessi. Sii quello che vuoi ma non un vigliacco, un fanfarone, un ladro di emozioni, una sgualdrina; preferirei avere il cancro piuttosto che un cuore disonesto. Il che non signi ...Continua
Pag. 98
Ha scritto il Mar 19, 2017, 13:23
"Non ho niente contro le prostitute, naturalmente. Salvo questo: alcune possono avere una lingua onesta, ma tutte hanno il cuore disonesto. Voglio dire, non si può sbattersi un uomo e incassare i suoi assegni e non cercare almeno di credere che lo si ...Continua
Pag. 96
Ha scritto il Mar 19, 2017, 13:16
"Perchè ero davvero innamorato di lei. Come una volta ero stato innamorato dell'anziana cuoca negra di mia madre e di un postino che mi permetteva di seguirlo nei suoi giri e di una intera famiglia (...). Anche questo tipo d'amore genera gelosia."
Pag. 89

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

Ha scritto il Apr 09, 2015, 07:56
Moon River
Autore: Henry Mancini

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi