Colla

di | Editore: TEA
Voto medio di 1592
| 175 contributi totali di cui 170 recensioni , 5 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Quattro ragazzi crescono insieme in uno squallido ghetto di Edimburgo. SonoBilly, Carl, Andrew e Terry, i protagonisti di questo libro. Insiemecondividono le prime esperienze che contano: le pestate con gli hooligans, lesbornie violente, il sesso cat ...Continua
Adriano Meis
Ha scritto il 13/07/18
Welsh è sempre Welsh, piaccia o non piaccia. Io sono un fan accanito di questo scrittore quindi sono abituato alla sua scrittura e anche se conoscevo già il personaggio di Gas Terry per via degli altri libri in cui compare, mi ha fatto impressione ve...Continua
AndriDevil
Ha scritto il 26/05/18
Pesante.
Ho faticato abbastanza per finire questo libro, la lettura non è stata sempre piacevole. La prima parte (quella che si svolge nel 1980) è stata quella più noiosa, con storie lunghe da seguire e con troppi elementi non essenziali che fanno da contorno...Continua
Marco Taviani
Ha scritto il 14/05/18

Reale, caustico, violento, ...racconta però un'amicizia sincera

Alfredo Animale...
Ha scritto il 14/08/17
scollato
Quello che dovrebbe essere un romanzo corale, come dal titolo, in realtà si perde nelle storie singole, troppo lunghe e noiose. Interessante il linguaggio da strada, ma se non c'è contenuto rimane solamente un esercizio di stile. L'unica parte intere...Continua
Luca Torri
Ha scritto il 08/08/17
Uno spaccato di periferia dagli anni '70 ai primi Duemila attraverso la storia di quattro ragazzi, quattro amici, ognuno con i propri alti (pochi) e bassi (tanti) ma sempre legati dal sottile filo dell'amicizia. Il linguaggio e lo stile ricordano que...Continua

Jacopo Grande
Ha scritto il Oct 14, 2011, 17:29
Ma qui sono tutti attorno a me, tutti mischiati in un'unica invisibile forza umana benigna. Forse ora sto morendo. Forse è proprio così che ci si sente in viaggio verso la morte. La combinazione delle anime, il mix, la comunione in una sola forza spi...Continua
Pag. 383
Le.ft
Ha scritto il Apr 28, 2011, 06:05
Una cosa che a Duncan aveva insegnato suo padre era di non avere troppa fretta nel giudicare gli altri, nemmeno i nemici. Non si sa mai che merde avevano dovuto mandare giù nella loro vita. Se solo avesse voluto bene a se stesso come ha voluto bene...Continua
Introspettra
Ha scritto il Nov 28, 2010, 19:11
"Amici" in base alla definizione di Terry, cioè delle persone che puoi offendere con maggior margine di impunità rispetto a quello che dovresti osservare con i normali esponenti del prossimo.
Pag. 478
Introspettra
Ha scritto il Nov 28, 2010, 11:12
Una ragazza sveglia tiene un Durex nella borsetta, ma un'altra più sveglia ancora ci tiene una Duracell.
Pag. 398
Introspettra
Ha scritto il Nov 28, 2010, 10:51
Non conviene mai guardarsi alle spalle e la qualità più importante è riuscire a vedere una cosa buona capendo quando porvi fine prima che vada guasta. Ma se ho nostalgia...? Bè, tutti i giorni.
Pag. 394

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi