Colpevole d'amare

Di

Editore: Leggereditore

3.9
(225)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 342 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8865082747 | Isbn-13: 9788865082744 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Cristina Ingiardi

Genere: Narrativa & Letteratura , Rosa

Ti piace Colpevole d'amare?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Jack Walker è finalmente pronto per smettere i panni di playboy e abbandonare il famigerato passato da ‘cattivo ragazzo’, così, con grande gioia di sua madre, si fidanza con una ricca donna. E ora la madre può portare avanti i suoi piani per farlo diventare, un giorno, governatore del Massachusetts. Anche i migliori piani però spesso falliscono, e in questo caso la causa del deragliamento è la restauratrice Callie Burke. Nel momento in cui Jack posa gli occhi su di lei, si dimentica di tutto, anche della sua fidanzata praticamente perfetta. Dopo aver acquistato a un’asta il ritratto di uno dei suoi antenati, Jack assume Callie e la fa trasferire a casa sua, in modo che possa lavorare al restauro del prezioso dipinto senza alcuna interruzione. Ma, inaspettatamente, sia Callie che il dipinto nascondono dei segreti inconfessabili, che metteranno alla prova una passione incontenibile in grado di superare ogni razionalità.
Ordina per
  • 3

    Essendo una grandissima fan della Ward, alias Jessica Bird, ho voluto cimentarmi nella lettura di questo romanzo anche se non appartiene al genere Paranormal Romance ma bensì ad un più comune Romance ...continua

    Essendo una grandissima fan della Ward, alias Jessica Bird, ho voluto cimentarmi nella lettura di questo romanzo anche se non appartiene al genere Paranormal Romance ma bensì ad un più comune Romance Contemporaneo. Seppur discostatasi da un genere che la contraddistingue per eccellenza – con la saga della Confraternita del Pugnare Nero si è aggiudicata il podio di regina indiscussa del Paranormal nel mio cuore – il suo stile resta inconfondibile, determinato, accattivante, semplice e scorrevole. Purtroppo la storia narrata non vanta nulla di innovativo e non si discosta dal solito clichet dell’uomo bello e potente che salva la vergine di turno. Ma non per questo, Colpevole d’amare, è un libro da non leggere, anzi, sono contenta di aver dato questa possibilità alla Ward poiché, dopotutto, ho trascorso qualche ora di completo relax immersa nella lettura. I personaggi, com’è radicato nel suo stile, sono entrambi affascinanti: Jack Walker, potente uomo d’affari ed ex playboy,vanta una fisicità mozzafiato che è tipica dei soggetti della Ward, e la bellissima e squattrinata Callie Burke, una restauratrice che avendo da poco perso il lavoro, si ritrova seppur controvoglia ad accettare un impiego offerto proprio da Jack, ovviamente!! Infatti il pretesto che avvicina i due personaggi, è il restauro che Callie dovrà apportare al dipinto di un antenato di lui, il quale, dovrà essere compiuto a Buona Fortuna, la lussuosa casa di novecento metri quadri dove lei sarà costretta a stabilirsi temporaneamente. Ma cosa succederà in tutto questo spazio? Ovviamente le sensuali scintille tra i due protagonisti non mancheranno e in questo la cara Ward, non delude mai i suoi lettori.

    Sebbene “Colpevole d’amare” fa parte di una mini serie – c’è chi dice di due volumi e chi di tre- consiglio la lettura anche del volume singolo, poiché il riferimento ai personaggi della storia precedente non incide più di tanto… Lo consiglio alle romantiche e a chi, nonostante sia un libro scontato e prevedibile dall’inizio alla fine, vuole leggere qualcosa di scorrevole e leggero.

    https://carmillablog.wordpress.com/

    ha scritto il 

  • 4

    sapevo che non mi avrebbe deluso

    è inutile...
    chi sa scrivere, scribe bene in qualsiasi genere!
    la Ward mi piace da morire e anche il genere romantico, non mi ha deluso!
    a dire la verità mi sono un po' stancata di super vampiri sexy. ...continua

    è inutile...
    chi sa scrivere, scribe bene in qualsiasi genere!
    la Ward mi piace da morire e anche il genere romantico, non mi ha deluso!
    a dire la verità mi sono un po' stancata di super vampiri sexy.
    buona lettura a tutti

    ha scritto il 

  • 4

    E cosî arriviamo all'ultimo appuntamento della trilogia: a me é piaciuto. Si tratta di un romance, non di un trattato di filosofia, quindi é fresco, dolce e affascinante, senza avere la pretesa di ess ...continua

    E cosî arriviamo all'ultimo appuntamento della trilogia: a me é piaciuto. Si tratta di un romance, non di un trattato di filosofia, quindi é fresco, dolce e affascinante, senza avere la pretesa di essere un grande libro. Mi é piaciuta la storia, mi sono piaciuti i protagonisti e mi é piaciuto l'intrigo del quadro, tanto che sono andata a documentarmi . Ho apprezzato l'intera trilogia e non ho alcuna critica negativa da muovere.

    ha scritto il 

  • 2

    Che scivolone.... :-(

    Questa è una recensione che non avrei mai voluto fare.
    Non voglio fare confronti con altre serie che amo di quest’autrice perché non sarebbe giusto. Colpevole d’amare è una storia d’amore senza nessun ...continua

    Questa è una recensione che non avrei mai voluto fare.
    Non voglio fare confronti con altre serie che amo di quest’autrice perché non sarebbe giusto. Colpevole d’amare è una storia d’amore senza nessun elemento paranormal di mezzo ed è proprio per questo motivo che evito di fare confronti.
    Santa Ward, come la chiamiamo in molti, questa volta non è riuscita a farmi appassionare alla storia di Callie e Jack e la prima ad esserne dispiaciuta sono io.
    Forse sono partita con troppe aspettative, forse volevo ritrovare le emozioni che mi hanno dato i protagonisti di Una Donna Indimenticabile (che qua comunque appariranno in fugaci cammei), forse non l’ho letto nel momento giusto, ma la storia non mi è piaciuta.
    Credo che la cosa sia dovuta comunque a un mio gusto puramente personale. Riconosco infatti a livello oggettivo che Colpevole d’amare non ha nulla che non vada, è un buon libro, e forse se non ci fosse stato quel tradimento all’inizio (ma poi proprio Blair si doveva chiamare la ex di Jack??? :-( ) mi sarebbe piaciuto un pelino di più.
    Ho trovato i personaggi alquanto piatti, non mi hanno suscitato nessuna emozione, anzi quando ci sono state le prime effusioni ho trovato anche un senso di fastidio e in più punti l’unica sensazione che ho provato è stata la noia.
    Jack e Callie si incontrano per la prima volta in Una Donna Indimenticabile grazie a Grace, protagonista del libro e già nel primo romanzo lui non mi era piaciuto, anzi credo che la parola ‘antipatia’ renda bene cosa ho provato e continuo a provare nei suoi confronti. Lei poverina non ha fatto nulla per non essermi simpatica però a pelle boh non mi è piaciuta.
    Anche tutto il background di Callie è stato … un notevole cazzotto allo stomaco. Quando partivano i suoi ricordi tutto ciò che riuscivo a provare era rabbia.
    Rabbia nei confronti di suo padre per come si è sempre comportato,
    rabbia per sua madre per averla costretta a vivere in quel modo e ad accettare tutta quella situazione, rabbia per quelle parole che la donna pronuncia in un particolare momento della sua vita,
    rabbia per tutto quello che la ragazza ha dovuto subire.
    L’aspetto che più mi è piaciuto (diciamo così) è stata l’attenzione ai dettagli tipici di quest’autrice. Ho apprezzato molto la descrizione che viene fatta sui vari solventi che Callie utilizza nello svolgere il lavoro per cui è stata assunta. In quei passaggi ho riconosciuto l’autrice che ho sempre amato!
    In conclusione non saprei neppure se sconsigliarvelo o meno. Ho visto delle recensioni molto positive su questo romanzo che mi portano a pensare che alla fin fine la delusione sia stata solo mia. Se amate la Ward datele una possibilità, ma se non avete mai letto nulla di quest’autrice magari vi consiglierei di iniziare con la saga della Confraternita, sempre se amate i vampiri e il genere Paranormal ^_^

    http://gillyinbooksland.blogspot.it/2013/07/recensione-colpevole-damare-di-j-r-ward.html

    ha scritto il 

  • 4

    Il primo romanzo pubblicato sotto pseudonimo, della Ward, ovvero "Una Donna Indimenticabile" mi aveva lasciata spiazzata in senso negativo perché avevo trovato la storia abbastanza banale, ma per fort ...continua

    Il primo romanzo pubblicato sotto pseudonimo, della Ward, ovvero "Una Donna Indimenticabile" mi aveva lasciata spiazzata in senso negativo perché avevo trovato la storia abbastanza banale, ma per fortuna con questo secondo libro le cose migliorano .
    Personalmente mi è piaciuto abbastanza, soprattutto il personaggio di Jack Walker ( questo nome mi ha ricordato per tutto il romanzo la marca di un whisky ...ma lasciamo perdere... la Ward in quel periodo non aveva molta fantasia per i nomi ).
    Jack è straricco, affascinante, sexy ma soprattutto a me è piaciuto quel suo lato dolce che mostra a Callie, quel suo volerla proteggere anche dalla cattiveria della madre.
    Cosa che mi sento di dire a favore anche di Jack riguarda proprio quest'ultima ovvero finalmente un uomo che non si lascia manipolare dalla propria madre che definire "leggermente perfida" è solamente un eufemismo...
    Tra Callie e Jack secondo me è quest'ultimo a venir rappresentato meglio nel quadro generale della storia.
    E seppur in alcuni punti pecca un tantino di immaturità , gli perdoniamo qualsiasi cosa visto che è un bel personaggio che dall'inizio alla fine cattura l'attenzione e non ti permette di desiderare diversamente.
    Altra cosuccia che mi è piaciuta è stato ritrovare Grace (protagonista del precedente libro) e Ross Smith sua guardia del colpo adesso felicemente fidanzati.

    Ovviamente con questo romance siamo ben lontani dalle atmosfere cupe che conosciamo attraverso la serie della Confraternita del Pugnale Nero, questo è solo un romance e come tale va preso, se cercate anche minimi riferimenti ad altro non ne troverete.

    ha scritto il 

  • 5

    Non ha niente a che vedere con il genere urban fantasy della confraternita, ma è un piacevolissimo romanzo rosa di genere più tradizionale - VOTO 4 stelline e mezzo ^__^ Ora devo darmi da fare per rec ...continua

    Non ha niente a che vedere con il genere urban fantasy della confraternita, ma è un piacevolissimo romanzo rosa di genere più tradizionale - VOTO 4 stelline e mezzo ^__^ Ora devo darmi da fare per recuperare "una donna indimenticabile", perché non vedo l'ora di leggere la storia di Grace ^^

    ha scritto il