Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Come cambiare il mondo

Perché riscoprire l'eredità del marxismo

Di

Editore: Rizzoli

3.9
(39)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 476 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8817049700 | Isbn-13: 9788817049702 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Leonardo Clausi

Disponibile anche come: Altri

Genere: History , Philosophy , Political

Ti piace Come cambiare il mondo?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Marx il profeta, lo "scienziato", il filosofo della prassi: che cosa resta, in questo primo scorcio di terzo millennio, del pensatore forse più discusso, temuto e influente degli ultimi centocinquant'anni? Con questa raccolta di articoli e studi, redatti nell'arco di quasi sessant'anni ma rielaborati per l'occasione, il principale storico marxista si pone alla testa di una tendenza che da qualche tempo, dopo l'eclissi degli anni Ottanta e Novanta, sta riportando a una rilettura radicale dell'autore del Capitale. Perfino i detrattori - soprattutto all'indomani della crisi finanziaria - hanno dovuto riconoscere la forza e la lucidità del suo pensiero. Non più imbalsamato da opposte ideologie, Marx può essere considerato per quello che è sempre stato: un grande pensatore, uno stilista esemplare, un pioniere. Con l'autorevolezza di un maestro della storiografia, Hobsbawm ricostruisce l'ambivalente epopea del marxismo, dai moti del 1848 alla caduta del muro di Berlino, dal Gramsci dei Quaderni, oggetto di un caloroso tributo, al crollo dell'Urss. Sedici saggi che indagano la genesi di opere fondamentali, dal Manifesto del partito comunista al Capitale, passando per gli ermetici Grundrisse; ne studiano, dati alla mano, la circolazione e la diffusione; interrogano la fortuna e le metamorfosi del pensiero marxista in alcuni momenti chiave, come l'Inghilterra tardo-vittoriana, l'Europa fascista, la Guerra fredda, il 1989, ponendo il problema di una scomoda eredità.
Ordina per
  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    3

    Saggio

    Un ottimo saggio storico anche se nella sua formazione di vari capitoli per i diversi argomenti scritti in epoche diverse lo rende a tratti incostante. Sicuramente un punto di vista da tenere in considerazione, attualmente!
    Dettagliatissimo e fino troppo preciso nell'elenco delle pubblicazioni; c ...continua

    Un ottimo saggio storico anche se nella sua formazione di vari capitoli per i diversi argomenti scritti in epoche diverse lo rende a tratti incostante. Sicuramente un punto di vista da tenere in considerazione, attualmente! Dettagliatissimo e fino troppo preciso nell'elenco delle pubblicazioni; conclusioni di altissimo livello.

    ha scritto il 

  • 5

    Un libro indispensabile

    Un libro indispensabile a tutti coloro i quali desiderano conoscere Marx e il marxismo. Scritto con parole semplici, alla portata di tutti, il saggio ripercorre tutta la storia dello sviluppo e della diffusione del marxismo fin dalle origini.
    La filosofia vera e propria fa capolino raramente: Hob ...continua

    Un libro indispensabile a tutti coloro i quali desiderano conoscere Marx e il marxismo. Scritto con parole semplici, alla portata di tutti, il saggio ripercorre tutta la storia dello sviluppo e della diffusione del marxismo fin dalle origini. La filosofia vera e propria fa capolino raramente: Hobsbawn si concentra sulla diffusione e lo sviluppo del pensiero marxista e sull'eredità lasciataci dagli scritti di Marx ed Engels. L'autore analizza con lucidità i successi e le crisi, i momenti di euforia e i fallimenti di quella teoria che resta, ancora oggi, punto fondamentale per chi si avvicina allo studio del pensiero politico. E, alla fine, quello che è senza dubbio uno dei massimi esperti di marxismo oggi viventi, evidenzia l'attualità delle teorie di Marx nel leggere e spiegare la crisi economica degli ultimi anni. Dato irrimediabilmente per morto, ancora una volta il marxismo sembra avere qualcosa da spiegarci.

    ha scritto il