Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Come diventare un Buddha in cinque settimane

Manuale serio di autorealizzazione

By Giulio Cesare Giacobbe

(325)

| Others | 9788879288460

Like Come diventare un Buddha in cinque settimane ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Chiunque può diventare un buddha: non c'è bisogno di essere buddhisti, né dicompiere pellegrinaggi in Oriente. Chiunque si applichi con volontà e costanzaalla realizzazione dei poteri descritti in questo manuale, in cinque Continue

Chiunque può diventare un buddha: non c'è bisogno di essere buddhisti, né dicompiere pellegrinaggi in Oriente. Chiunque si applichi con volontà e costanzaalla realizzazione dei poteri descritti in questo manuale, in cinque settimanepuò raggiungere l'illuminazione e realizzare lo stato di buddhità. Da anniGiacobbe studia il Buddhismo dal punto di vista della psicologia, e questolibro non è un prontuario di psicologia divulgativa facilona e superficiale.Riprendendo l'insegnamento originale del Buddha, lo ricostruisce in modochiaro e semplice, rendendolo comprensibile e praticabile da tutti.

74 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Sempre molto stimolante il buon Giacobbe. Una semplicità che quasi disarma (e spesso è criticata), riesce invece, almeno in me, ad andare dritto al sodo. Tra uno scherzo e una quantità notevole di spunti, di riflessioni e di traduzioni di quella gran ...(continue)

    Sempre molto stimolante il buon Giacobbe. Una semplicità che quasi disarma (e spesso è criticata), riesce invece, almeno in me, ad andare dritto al sodo. Tra uno scherzo e una quantità notevole di spunti, di riflessioni e di traduzioni di quella grande guida che è il percorso psicologico individuato dai grandi testi buddisti. Quando poi ho letto della sua dolorosissima esperienza mi è sembrato di riconoscerlo tra le poche persone che forse hanno diritto a dire qualcosa sul dolore e sull'accettazione dello stesso.

    Is this helpful?

    TopoConGliOcchiali said on Jul 27, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Giulio Cesare Giacobbe non delude mai... simpaticamente spiega i fondamenti del Buddismo per poi calarlo nella nostra realtà e sfruttarne le potenzialità per migliorare la nostra vita di occidentali.
    Da leggere.

    Is this helpful?

    Hobbylory said on May 16, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    "La tua serenità deve essere messa al di sopra di qualsiasi altra cosa"

    Ma... la posizione del "tutto cambia" non è l'estremo opposto del "niente cambia"? Qui siamo per la via di mezzo.

    La realtà è continuo cambiamento.
    Le situazioni, cambiano continuamente.
    Il nostro corpo, cambia continuamente.
    La nostra mente,
    ...(continue)

    Ma... la posizione del "tutto cambia" non è l'estremo opposto del "niente cambia"? Qui siamo per la via di mezzo.

    La realtà è continuo cambiamento.
    Le situazioni, cambiano continuamente.
    Il nostro corpo, cambia continuamente.
    La nostra mente, cambia continuamente.
    L'universo intorno a noi, cambia continuamente.
    Se tutto è in continua trasformazione, io non posso attaccarmi a nulla.
    Perché non esiste nulla di immutabile, che rimanga uguale a sé stesso nel tempo.
    Il crederlo costituisce un'illusione.
    Quindi noi siamo obbligati, per evidenza esistenziale e coerenza mentale, a sviluppare il non attaccamento.
    E' evidente infatti, che se io non mi attacco più a nulla, tutte le mie preoccupazioni, i miei problemi, le mie ansie, le mie paure, la sofferenza psichica appunto, svaniscono come neve al sole.
    Perché la sofferenza deriva dall'attaccamento a una situazione diversa da quella che c'è: dal desiderio di qualcosa che non ho o dall'avversione a qualcosa che ho.
    La sofferenza, dice infatti la tradizione buddhista, deriva o dalla separazione da ciò che si ama o dall'unione con ciò che si odia.

    Is this helpful?

    Dimitja said on Nov 6, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Ironia occidentale

    Il libro è un piccolo manuale ma l'autore ha avuto l'accortezza di renderlo piacevole e ironicamente occidentale.
    Lo raccomando a chi ha voglia di farsi guidare con leggera saggezza vero l'illuminazione ma soprattutto a chi vuole sciogliere qualche p ...(continue)

    Il libro è un piccolo manuale ma l'autore ha avuto l'accortezza di renderlo piacevole e ironicamente occidentale.
    Lo raccomando a chi ha voglia di farsi guidare con leggera saggezza vero l'illuminazione ma soprattutto a chi vuole sciogliere qualche piccolo nodo nella propria esistenza.

    Is this helpful?

    Minorarcana said on Oct 9, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    divertente, scritto bene ed interessante anche per i non buddisti, sicuramente spunti intelligenti su cui riflettere!!

    Is this helpful?

    Cassiel said on Sep 16, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Un libro che spiega bene cosa sia il buddismo, peccato che Giacobbe abbia questo modo di scrivere prolisso denso di note a piè pagina che mi fanno passare la voglia di leggere. Giacobbe non riesce a scrivere pagina che non abbia una nota a pi ...(continue)

    Un libro che spiega bene cosa sia il buddismo, peccato che Giacobbe abbia questo modo di scrivere prolisso denso di note a piè pagina che mi fanno passare la voglia di leggere. Giacobbe non riesce a scrivere pagina che non abbia una nota a piè di pagina, imbarazzante. Certo, scrive cose giuste sul buddismo, ma meglio un manuale a questo punto.

    Is this helpful?

    Chiara Giuria said on Jul 22, 2013 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book