Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Come il jazz può cambiarti la vita

Di

Editore: Feltrinelli

3.8
(144)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 165 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8807171635 | Isbn-13: 9788807171635 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Genere: Fiction & Literature , Musica

Ti piace Come il jazz può cambiarti la vita?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Non è solo musica, il jazz. È anche un modo di stare nel mondo, e un modo di stare con gli altri. Al cuore della sua "filosofia" ci sono l'unicità e il potenziale di ciascun individuo, uniti però alla sua capacità di ascoltare gli altri e improvvisare insieme a loro. È stato creato dai discendenti degli schiavi, ma sa parlare di libertà. È figlio della malinconia del blues, ma sa lasciarsi andare alla felicità più pura. Le sue radici sono nella tradizione, ma la sua sfida è la continua innovazione. E anche se vive di tensioni armoniche e ritmiche, ha saputo e sa essere ancora messaggero di pace. Wynton Marsalis fa leva sulla sua eccezionale storia artistica e sull'eredità dei grandi maestri per introdurci in questo universo fatto di opposti che si riconciliano. Con la passione del protagonista racconta storie del presente e del passato. Con la competenza dello studioso spiega cosa e come ascoltare. E soprattutto mostra come le idee centrali del jazz possano aiutare le persone e le comunità a cambiare il loro modo di pensare e di agire, con se stesse e le une con le altre.
Ordina per
  • 4

    Pagine di New Orleans

    Marsalis ha fatto incazzare Miles Davis. Questo e' tutto quello che sapevo su di lui prima di leggere il presente saggio.

    A fine lettura, so che ha fatto incazzare anche altre illustri personalita' del panorama jazz.
    E' il bello di questo libretto: un sacco di aneddoti immersi nella ...continua

    Marsalis ha fatto incazzare Miles Davis. Questo e' tutto quello che sapevo su di lui prima di leggere il presente saggio.

    A fine lettura, so che ha fatto incazzare anche altre illustri personalita' del panorama jazz.
    E' il bello di questo libretto: un sacco di aneddoti immersi nella New Orleans degli anni 60 e 70, nelle nottate dei locali fumosi di New York e Chicago; e' un libro sulle discriminazioni razziali, sulla perseveranza e sulla tenacia e... si, ci sono anche parecchie pagine in cui si parla di come conviene improvvisare e "swingare", ma questa e la parte noiosa.

    In conclusione: se vi piace la musica che conta, travalicando i generi, dai Led Zeppelin a Billie Holiday, qui c'e' pane per i vostri denti; se invece siete affezionati di xfactor o vi aspettate un saggio sulla filosofia che sta alla base dell'improvvisazione, cercate pure altrove.

    ha scritto il 

  • 3

    non gli ho dato un voto più alto perchè in fondo la fase tecnica non mi interessa molto. il libro scorre, secondo me, con qualche difficoltà e trova verve solo quando fa una serie di ritratti di jazzisti famosi e meno. molto utile. mi piace quando parla del jazz come del vero spirito dell'amer ...continua

    non gli ho dato un voto più alto perchè in fondo la fase tecnica non mi interessa molto. il libro scorre, secondo me, con qualche difficoltà e trova verve solo quando fa una serie di ritratti di jazzisti famosi e meno. molto utile. mi piace quando parla del jazz come del vero spirito dell'america, di come questa musica di schiavi si sia inscritta nel dna degli USa come un marchio ormai indelebile. la musica americana, una musica nata dal dolore. si, questa è la parte che più mi è piaciuta.

    ha scritto il 

  • 5

    In questo libro Marsalis ti prende per mano e ti porta in punta di piedi nella sua vita e nella grande magia del jazz. Consiglio la lettura a coloro che vogliono conoscere meglio i grandi del jazz e capire una musica che è un modo di vivere e sentire.Assolutamente da leggere.

    ha scritto il 

  • 2

    Mi piace il jazz, ma in modo scomposto, non ne conosco molto bene la storia e volevo raffinare le mie conoscenze.
    Buona la prima parte. L'unica cosa che merita davvero forse sono le "lezioni dei grandi" con i consigli per l'ascolto, che non mancherò di mettere in pratica. I pipponi sulla gr ...continua

    Mi piace il jazz, ma in modo scomposto, non ne conosco molto bene la storia e volevo raffinare le mie conoscenze.
    Buona la prima parte. L'unica cosa che merita davvero forse sono le "lezioni dei grandi" con i consigli per l'ascolto, che non mancherò di mettere in pratica. I pipponi sulla grandezza metafisica della musica jazz (anche rispetto alle altre) e sul suo significato recondito della grandezza del popolo statunitense e non sono di difficile digestione e san di poco genuino. Inutile complicare troppo il pane, il jazz non ha bisogno di spiegazioni di questo tipo.

    ha scritto il 

  • 5

    All that jazz

    Davvero un gran bel libro ! Scritto da un trombettista jazz che mi piace ma non amo.Marsalis,pluridecorato,(e' stato citato dalla rivista Time tra le "25 personalità più influenti d'America")suona una musica ineccepibile ma che non trovo hot. De gustibus... Il libro invece mi ha affascinato, l'ho ...continua

    Davvero un gran bel libro ! Scritto da un trombettista jazz che mi piace ma non amo.Marsalis,pluridecorato,(e' stato citato dalla rivista Time tra le "25 personalità più influenti d'America")suona una musica ineccepibile ma che non trovo hot. De gustibus... Il libro invece mi ha affascinato, l'ho letto tutto di un fiato. Non è un libro "tecnico" ma, ad esempio, descrive lo schema del blues molto meglio di tanti altri e in 4 pagine !!! Ho adorato il suo stile di scrittura jazzistico con cui definisce un tema, un concetto, e poi divaga, allarga, sale, amplia con metafore, esempi, collegamenti ecc. Un brano su tutti?: quando, in "Scoprire la gioia dello swing", scrive che <<il jazz è l'arte del timing. Ti insegna quando >> e illustra concetti che riprenderò nei corsi di Time Management. Lo consiglio vivamente come testo di riflessione non solo sul jazz ma sull'autosviluppo !!!

    ha scritto il 

  • 3

    Se impari a nuotare sarai sempre in grado di farlo, non ti dimenticherai mai come si faccia a stare a galla.
    Allo stesso modo, quando smetti definitivamente di suonare conservi dentro di te l'indole del musicista: così questo trattato di Marsalis ha toccato corde ancora sensibili nel mio an ...continua

    Se impari a nuotare sarai sempre in grado di farlo, non ti dimenticherai mai come si faccia a stare a galla.
    Allo stesso modo, quando smetti definitivamente di suonare conservi dentro di te l'indole del musicista: così questo trattato di Marsalis ha toccato corde ancora sensibili nel mio animo di vecchio jazzista.

    Basandosi sulla propria notevole esperienza, Wynton spazia efficacemente dal blues all'essenza dello swing ("it don't mean a thing if you ain't got that swing", ricordate la perfetta massima coniata da Duke Ellington?) trattando in modo sintetico ma ugualmente incisivo ogni dettaglio di cui la musica afroamericana è composta; il tutto esposto con uno stile di scrittura piacevolmente discorsivo, mai noioso.

    Ovviamente saranno gli appassionati di musica in generale e di jazz in particolare ad entusiasmarsi di più con il passare delle pagine; ma anche un profano può ricavare ottime informazioni e svariati spunti da quello che narra Marsalis.

    ha scritto il 

  • 5

    Bello ed intenso

    come una jam session...utile a chi si sta avvicinando allo studio della musica jazz, ma anche per chi desidera approfondire conoscenza e apprezzamento di questo sublime genere musicale!

    ha scritto il 

  • 5

    Straconsigliatissimo

    Indispensabile per chi suona (non solo jazz ovviamente) e, penso, molto educativo per chi si bea di musica (soprattutto di jazz). Raramente ho trovato sensibilità, capacità nel rendere sensazioni, umori e impressioni e tanta, ma tanta, umiltà in un libro "musicale", come in questo

    ha scritto il 

  • 4

    Ottimo modo per rileggere le vite dei più grandi musicisti jazz americani alla luce dei valori che il jazz ha trasmesso a loro e ancora oggi trasmette a ciascuno di noi. E Wynton e' uno dei grandi. Uno spaccato importante di 50 anni di America.

    ha scritto il 

  • 5

    Come il jazz può cambiarti la vita

    E' un libro molto carino, scorrevolissimo e ricco di vita vissuta.
    Lo consiglio a tutti i musicisti amanti del genere: si possono ritrovare aneddoti e "pillole di saggezza".

    ha scritto il 

Ordina per